mostra pino daniele mamt
Ha da poco aperto al pubblico il MUSEO DELLA PACE – MAMT di Napoli (via Depretis, 130) e tra i dodici percorsi emozionali presenti, di grande interesse artistico e culturale c’è anche l’omaggio al grande musicista e artista partenopeo scomparco, un anno e mezzo fa, PINO DANIELE.

Un intero piano dedicato al grande bluesman napoletano, di fama internazionale.
“Pino Daniele Alive” è questo il nome del percorso espositivo dedicato ad uno dei più grandi cantautori italiani, degli ultimi decenni. Un’esperienza espositiva che va ben oltre le semplici immagini. Un viaggio che attraversa l’arte e la storia di Pino Daniele.

Giorgio Verdelli, che ha curato i testi ed i video di “Pino Daniele Alive è anche l’altro autore e regista di “Unici”, che con la puntata dedicata a Pino Daniele ha ricevuto un grande riscontro di critica e pubblico. “Unici”, con tutto il suo repertorio sottotitolato anche in inglese, rappresenta uno dei percorsi tematici di Pino Daniele che Rai2, insieme a Rai Teche, hanno voluto rappresentare nel miglior modo possibile per il grande valore culturale dell’iniziativa.

Un percorso a cura di “PINO DANIELE TRUST ONLUS”, frutto di un’intesa nata tra l’indimenticabile “mascalzone latino” e il Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso.

La direzione artistica di “Pino Daniele Alive” è affidata a Sergio Pappalettera e allo Studio Prodesign (Luca Belli, Daris Diego Del Ciello, Georgia Finardi, Giulia Miggiano). La struttura del Museo della Pace – MAMT ha reso possibile isolare pezzi della vita del grande musicista italiano, ridisegnando un percorso che a partire dai grandi show live riscopre le contaminazioni e l’immaginario meno noto dell’artista restituendo al fruitore una visione completa della sua arte.

Attraverso video (alcuni inediti, altri riscoperti), fotografie, parole (le sue soprattutto), oggetti e, ovviamente, le tantissime chitarre di Pino, gli spazi del MAMT si vestono del colore delle sue anime, dalla luce bianca di Napoli al blu dei diavoli del blues, fino ad arrivare al buio della sala di registrazione in cui la musica si ferma sui nastri.

È possibile visitare il Museo della Pace – MAMT, previa prenotazione telefonica al numero 340 8062908 o via email info@mamt.it, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 19 – sabato dalle 10 alle 13.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.