Dormire con i capelli bagnati possibili rischi per la salute

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 30 Lug 2019 alle ore 6:22am


Dormire con capelli bagnati è una cattiva abitudine non solo per malattie da raffreddamento. Secondo recenti studi citati da Time i cuscini, in particolare quelli realizzati con materiali sintetici, possono contenere muffe e funghi che innescano l’asma e/o le allergie. Questi microrganismi tendono a proliferare in ambienti umidi, così come gli acari della polvere.

Se avete naso chiuso, prurito, lacrimazione o problemi respiratori che possono indicare allergie o asma, non esitate a lavare le federe e le lenzuola con acqua calda almeno una volta alla settimana. Ciò limiterà l’esposizione a elementi irritanti.

Durante la notte, la temperatura corporea scende leggermente e i capelli, che erano caldi fuori dalla doccia, si raffreddano a contatto con l’aria man mano che le ore passano. Di conseguenza, durante il sonno, le lunghezze fredde poggiano sul collo e sulle spalle, il che può causare torcicollo e altri dolori muscolari al risveglio. Anche il cranio potrebbe risentirne. Il mal di testa si moltiplica e le emicranie diventano ricorrenti all’alba.

Inoltre, addormentarsi con i capelli bagnati significa letteralmente “macerare”. È così che sviluppiamo alcune malattie della pelle del cuoio capelluto come irritazioni, forfora, eczema o … infezioni fungine. L’acqua può degradare lo strato esterno protettivo del follicolo pilifero, chiamato cuticola, penetrarla e rompere la corteccia interna del follicolo. Il danno risultante può provocare la rottura dei capelli e la perdita di lucentezza ed elasticità.