I risultati raggiunti dall’analisi finale di sopravvivenza globale dello studio di Fase III Monaleesa-2, dopo la valutazione degli effetti della somministrazione del ribociclib in combinazione con il letrozolo rispetto a un gruppo che ha avuto un placebo più il letrozolo in pazienti con tumore al seno, ha fatto emergere che si tratta della più lunga sopravvivenza finora raggiunta per il tumore della mammella allo stadio avanzato e permette di parlare di vera e propria cronicizzazione della malattia.

Al centro della ricerca ci sono state esaminate donne in postmenopausa con tumore della mammella in stadio avanzato o metastatico che è risultato positivo per i recettori ormonali e che è negativo per il recettore 2 del fattore umano di crescita epidermica (Hr+/Her2-). I dati sono stati illustrati alcuni giorni fa nel corso del Congresso 2021 di Esmo, la Società europea di oncologia medica.

Lo studio in questione, Monaleesa-2 ha dimostrato che dopo 5 anni, le pazienti trattati con ribociclib in combinazione con il letrozolo hanno avuto più del 50% di possibilità di sopravvivenza rispetto alle pazienti che assumevano solo il letrozolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.