ricerca

In arrivo il primo esofago costruito in provetta

Pubblicato il 26 Set 2018 alle 9:20am

Un altro organo in miniatura è stato costruito in laboratorio: si tratta dell’esofago, il primo ricavato interamente da cellule staminali pluripotenti. Descritto sulla rivista Cell Stem Cell dal Centro per cellule staminali e organoidi dell’ospedale pediatrico di Cincinnati, aiuterà a studiare malattie dovute a difetti congeniti e altre più diffuse, come reflusso gastro-esofageo e tumori, oltre a gettare le basi per interventi di medicina rigenerativa.

Le cellule staminali pluripotenti sono cellule immatura in grado di dare origine e molti tessuti e organi. Lo stesso gruppo di ricercatori le aveva già utilizzate per coltivare in laboratorio altri organi in miniatura, come ad esempio per l’intestino, lo stomaco, il colon e il fegato.

“I problemi di trachea ed esofago sono piuttosto diffusi, e questo organoide potrebbe essere molto utile”, osserva Jim Wells, uno degli autori della ricerca. Oltre a essere un nuovo modello per lo studio di difetti congeniti, il mini-esofago potrà aiutare a studiare diverse malattie e produrre tessuti geneticamente adatti al paziente.

I ricercatori si sono concentrati per ora sul gene Sox2, che produce proteine note per innescare dei disturbi nell’esofago, osservando lo sviluppo dell’organoide, hanno scoperto che lo stesso gene è in grado di controllare sia la formazione sia la sopravvivenza del tessuto dell’esofago. Il mini organo è cresciuto fra 300 e 800 millesimi di millimetro in circa 2 mesi, ed è risultato molto simile, nella sua composizione, al tessuto esofageo prelevato con biopsie da alcuni pazienti.

Torna anche quest’anno la Giornata del Ciclamino, da venerdì 28 a domenica 30 settembre: 100 piazze per aiutare, 1 ciclamino per conoscere e prevenire

Pubblicato il 08 Set 2018 alle 7:17am

Il GILS, Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, rinnova il suo appuntamento annuale e, da venerdì 28 a domenica 30 settembre, scende in più di 100 piazze italiane per la XXIV Giornata del Ciclamino. Tre giorni dedicati alla solidarietà e alla raccolta fondi in cui volontari, ospedali e medici coloreranno l’Italia con il ciclamino, fiore simbolo dell’Associazione, per aiutare la ricerca scientifica e far fiorire l’informazione sulla Sclerosi Sistemica. (altro…)

L’intelligenza artificiale può riconoscere l’obesità dallo spazio

Pubblicato il 06 Set 2018 alle 7:50am

L’intelligenza artificiale riconosce l’obesità dallo spazio: dopo avere analizzato 150.000 mappe di Google basate sulle immagini dei satelliti, ha incrociando questi dati con le statistiche relative alla diffusione dell’obesità fino ad ottenere una mappa delle aree nelle quali le persone obese sono più numerose. L’esperimento, che offre una base per mirare le campagne di salute pubblica contro l’obesità, è stato condotto per il momento in sei città americane: Bellevue, Seattle, Tacoma, Los Angeles, Memphis e San Antonio. (altro…)

Scoperto in Cina un nuovo dinosauro, antenato degli uccelli

Pubblicato il 31 Ago 2018 alle 7:40am

E’ stato scoperto in Cina e si chiama Xiyunykus pengi. Potrebbe essere l’anello di congiunzione tra dinosauri e uccelli. Il suo fossile, ritrovato in Cina nordoccidentale nel 2005, è ora stato descritto sulla rivista Current Biology: insieme al Bannykus wulatensis, scovato nel 2009, appartenete alla famiglia degli Alvarezsauri, i più vicini agli uccelli.

Il ricercatore Jonah Choiniere, spiega che «Con le loro mandibole deboli e le mani dotate di artigli sembrano simili ai nostri attuali formichieri». Sia Xiyunykus pengi che Bannykus wulatensis hanno zampe con artigli, che poi si sono poi evolute evolute in una “mano” con un univo artiglio.

Cancro al seno, nuova scoperta. Anestetico in grado di ridurre il rischio di successive metastasi

Pubblicato il 30 Ago 2018 alle 9:43am

A Bellinzona si è arrivati ad una ricerca mondiale sul tumore al seno. L’ente Ospedaliero Cantonale e l’Istituto di ricerca in Biomedicina hanno individuato il meccanismo di un anestetico locale capace di inibire la diffusione nel corpo delle cellule cancerogene, producendo così una sorta di effetto protettivo. (altro…)

Mappato il Dna del grano

Pubblicato il 20 Ago 2018 alle 6:46am

E’ pronta la prima mappa ad alta risoluzione del Dna del grano usato per fare il pane: ‘sfornata’ dopo 13 anni di ricerche dal Consorzio Internazionale per il sequenziamento del genoma del grano (IWGSC), che localizza su 21 cromosomi oltre 107.000 geni e 4 milioni di marcatori molecolari, che in futuro aiuteranno ad ottenere nuove varietà di grano più produttive, resistenti ai cambiamenti climatici, sostenibili, e allo stesso tempo meno allergizzanti.

Questo, l’importante risultato, pubblicato sulla rivista scientifica Science, che sembrava impensabile fino a qualche anno fa, considerata l’estrema complessità del genoma del grano che è cinque volte più grande di quello umano.

Per mapparlo è stata necessaria la collaborazione di oltre 200 ricercatori di 73 istituzioni in 20 Paesi, che hanno combinato i tradizionali metodi di mappatura fisica con le più innovative tecniche di sequenziamento del Dna: i dati sono stati assemblati e ordinati usando algoritmi ad alta efficienza, mentre i geni sono stati individuati con software specifici. Per l’Italia ha partecipato anche il CREA, il più importante ente di ricerca agroalimentare italiano.

Mummificazione, scoperta origine grazie a mummia conservata a Torino

Pubblicato il 19 Ago 2018 alle 9:00am

Grazie ad accurate analisi forensi condotte su una mummia conservata a Torino, un team di ricerca internazionale ha scoperto la ‘ricetta’ originale degli antichi egizi per la mummificazione. Pratica che risalirebbe a 4mila anni fa avanti Cristo, 1.500 anni prima di quanto ritenuto sino ad oggi dagli scienziati. (altro…)

Dormire troppo fa male alla salute, accorcia l’aspettativa di vita

Pubblicato il 17 Ago 2018 alle 7:05am

Ricercatori britannici sostengono che dormire molto possa causare una morte prematura. Lo studio che li ha spinti ad arrivare a questa conclusione, secondo quanto anticipa Chun Shing Kwok del dipartimento scientifico e tecnologico dell’Università di Keele, all’agenzia Press Association, si baserebbe su più di 74 ricerche condotte tra il 1970 e il 2017, ed un campione molto ampio di oltre 3 milioni di soggetti esaminati. (altro…)

Bere vino nelle giuste quantità allontana il rischio di demenza

Pubblicato il 11 Ago 2018 alle 9:28am

Bere vino fa bene alla salute, parola di esperti. Ma, naturalmente, nelle giuste quantità. In particolare si è osservato che sei pinte di birra o sette bicchieri di vino alla settimana allontanerebbero il rischio di demenza.

A sostenerlo un recente studio pubblicato sul British Medical Journal, ripreso dalla Bbc Online, dal quale emerge come i bevitori moderati siano a minor rischio demenza rispetto a coloro che sono bevitori più frequenti e non bevitori.

I ricercatori, sostengono, che questo risultato dice molto, ma può essere dovuto al fatto che i “bevitori moderati” tendono a condurre anche una vita in generale più salutare, che molto spesso li porta a mangiare in modo sano, corretto e bilanciato, evitando anche di assumere troppe quantità di cibo e di fumare.

Inoltre, lo studio prende in esame persone che hanno bevuto durante una determinato range di tempo, e quindi alcuni soggetti potrebbero essere stati già in cattive condizioni di salute.

Tuttavia, diversi studi precedenti sostengono che un bicchiere di vino al giorno non faccia male a nessuno.

Morbo di Parkinson, scoperta la proteina alla base della malattia anche grazie a Michael J. Fox

Pubblicato il 11 Ago 2018 alle 7:14am

Spegnere in modo genetico la proteina sinapsina 3 nei topi si è scoperto che è possibile prevenire l’accumulo di depositi fibrosi, veri e propri detriti, uno dei meccanismi che sono alla base della malattia di Parkinson. (altro…)