malattia

Giornata mondiale contro l’Alzheimer: un farmaco al vaglio dell’FDA

Pubblicato il 19 Set 2020 alle 5:15am

L’Alzheimer è una malattia molto subdola che può entrare silenziosamente nella vita delle persone per poi travolgerla completamente: porta a una totale perdita di autonomia nei pazienti, con un grosso impegno da parte dei familiari che svolgono un ruolo importantissimo di costante accudimento. (altro…)

Emma Marrone ha sconfitto definitivamente la malattia, la telefonata del medico che l’ha fatta rinascere

Pubblicato il 28 Ago 2020 alle 6:05am

Emma Marrone ha sconfitto definitivamente la malattia. «Quindici giorni fa, quando ha squillato il telefono ed era il mio medico. Ho pensato: ‘Ci risiamo. Ho immaginato che dovessi ricominciare tutto da capo. Invece mi diceva che, in base agli ultimi esami, sono uscita definitivamente dalla malattia. Ecco, in quell’istante sono morta e risorta». (altro…)

Emicrania, studio italiano si aggiudica il Wolff Award, importante premio internazionale

Pubblicato il 17 Giu 2020 alle 7:20am

Un recente studio italiano ha rivelato i meccanismi dell’allodinia cutanea nei pazienti emicranici, aggiudicandosi il “Wolff Award”, il più importante Premio Internazionale nell’ambito delle cefalee, che viene conferito per la prima volta ad un gruppo di ricerca italiano della Società Italiana di Neurologia, da parte della Società Americana delle Cefalee. La ricerca in questione è stata condotta dal Centro Cefalee della I Clinica Neurologica dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” e dal Centro Alti Studi di Risonanza Magnetica diretti dal professore Gioacchino Tedeschi, Presidente della Società Italiana di Neurologia. (altro…)

Covid19 e trombosi, scoperto il legame da ricercatori del San Gerardo di Monza

Pubblicato il 07 Giu 2020 alle 6:40am

Ricercatori di Milano-Bicocca hanno identificato il meccanismo che che sarebbe all’origine della trombosi vascolari nei pazienti infettati da Coronavrius. (altro…)

Sla, è possibile arrestarla con un’iniezione nel midollo

Pubblicato il 28 Dic 2019 alle 6:25am

La Sla è una malattia che mette in ginocchio chi ne viene colpito. Un test effettuato sui topi, lascia buone speranze in un possibile utilizzo in un futuro non troppo lontano sugli esseri umani.

Grazie infatti, ad un’iniezione, di un virus reso inoffensivo nel midollo spinale, è stato possibile, bloccare la malattia nei topi.

Tutte le informazioni nel dettaglio sono state riportate in un articolo della rivista Nature Medicine. Il principio di funzionamento di tale virus consente la “sconfitta” della malattia. La scoperta è stata fatta a San Diego, nell’Università della California.

Uno dei ricercatori della UC San Diego School of Medicine spiega che: “Al momento, questo approccio terapeutico offre la terapia più potente mai dimostrata in un modello murino di Sclerosi laterale amiotrofica legata a mutazione del gene SOD1″. I test hanno dimostrato che la stessa tecnica può essere applicata anche ai maiali che presentano un midollo spinale paragonabile a quello degli esseri umani.

Le iniezioni sono state fatte singolarmente a dei topi adulti che presentavano il gene Sod1 che era mutato senza, però, presentare i sintomi della SLA. In questo modo è possibile prevenire la degenerazione della malattia. Se, invece, i topi presentano già la SLA, allora il funzionamento è un po’ diverso: la malattia viene definitivamente sconfitta. La notizia che fa ben sperare, inoltre, è che non ci sono effetti collaterali a distanza di oltre un anno dall’iniezione.

Parkinson, la malattia può essere diagnosticata dall’odore della pelle

Pubblicato il 16 Nov 2019 alle 6:44am

Esistono delle piccole molecole, contenute nel sebo secreto dalla pelle nostra pelle, responsabili di un odore unico nelle persone affette da Parkinson. La sensazionale scoperta arriva dai ricercatori dell’Università di Manchester e potrebbe portare a sviluppare un test di diagnosi precoce della malattia. Analisi che fino ad ieri non erano disponibili in medicina. Gli scienziati già sapevano che il Parkinson può causare una eccessiva produzione di sebo.

Da tempo, per il loro lavoro hanno reclutato Joy Milne, un’ex infermiera, all’Università di Manchester che aveva notato come le persone colpite dalla patologia hanno un particolare odore che aumenta di intensità con la progressione della malattia. Molti infatti aveva sentito quel distinto odore su marito molti anni prima che gli venisse diagnosticato il morbo di Parkinson. La donna, che ha un senso dell’olfatto più sviluppato del normale, è stata coinvolta nel lavoro dei ricercatori di Manchester per utilizzare la sua particolare capacità olfattiva nello sviluppo di un test per il riconoscimento nasale del Parkinson già in uno stadio precoce.

Il progetto, che si chiama NoseToDiagnose, è coordinato dalla chimica Perdita Barran, e coinvolge 60 soggetti, sia con Parkinson che senza. I ricercatori verificano nel loro sebo la presenza di acido ippurico, eicosano ed altri elementi chimici che indicano livelli alterati nei neurotrasmettitori che di solito sono presenti nei pazienti con il morbo. Sulla base dei livelli di queste molecole riscontrate nei test di prova, il team di ricercatori ha sviluppato un modello che può identificare e diagnosticare la malattia in tutti i suoi stadi.

Ad annusare la malattia ci riuscirebbero umani e non, come nel caso di cani.

Diabete di tipo 2, una regressione se si perde il 10% del peso corporeo

Pubblicato il 05 Ott 2019 alle 6:39am

La remissione del diabete di tipo 2 sarebbe possibile se si perde circa il 10% o più nei primi cinque anni dopo la diagnosi medica. A sostenerlo i ricercatori dell’Università di Cambridge che, attraverso uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Diabetic Medicine, hanno rilevato come i malati che riescono ad ottenere questo risultato siano poi anche quelli con maggiori possibilità di contrastare la malattia. In particolare i risultati suggeriscono che è possibile farlo senza interventi intensivi sullo stile di vita o attraverso estreme restrizioni caloriche. (altro…)

Emma Marrone, l’annuncio di oggi su Instagram “E’ stata dura… ma è andata!. Ho finalmente tolto questo braccialetto”

Pubblicato il 28 Set 2019 alle 12:08pm

 

Emma Marrone ha postato questa mattina su Instagram, una foto con queste parole: “Ho finalmente tolto questo braccialetto ma lo conserverò per sempre, è stata dura…ma è andata!”

E sotto l’immagine, del classico braccialetto dell’ospedale staccato dal polso, che spiega la conclusione di un percorso fatto per la salute e seri problemi avuti anche per il passato. Uno stop forzato dalla sua attività artistica, tanto amata, annunciato proprio sui social e un ritorno, presto dai suoi amatissimi fans.

“Ho bisogno del tempo necessario per recuperare le forze ma credetemi non vedo l’ora di tornare da tutti voi, e lo farò al più presto. – prosegue ancora oggi Emma – Mando un bacio a tutte le persone che hanno avuto un pensiero per me e ringrazio per tutto l’amore che ho ricevuto e che mi ha dato la spinta a combattere con più forza e coraggio del solito. Mando un bacio molto più grande a tutte quelle persone che ancora non possono smettere di combattere: Tenete duro, io sono con voi! La serenità sta pian piano prendendo il posto della paura… Piango di gioia finalmente! Vi voglio un mondo di bene”.

Emma Marrone, non sta bene. Tanti i messaggi da colleghi e fans. Non sarà al concerto Mediterranean Stars

Pubblicato il 20 Set 2019 alle 8:26pm

Emma Marrone ha annunciato questa mattina che non potrà essere più al concerto di Radio Italia, che si terrà il prossimo 4 ottobre a Malta, nell’ambito della prima edizione del Mediterranean Stars Festival. La cantante salentina avrebbe dovuto esibirsi assieme a tanti altri colleghi, da Francesco Gabbani ad Alessandra Amoroso, Boomdabash, Gigi D’Alessio, Elisa, Francesco Gabbani, Guè Pequeno, J-Ax, Mahmood, comunicando sui suoi social i suoi problemi di salute, ma facendolo intendere non esplicitamente. “La vita è ciò che ti accade quando sei tutto intento a fare altri piani” ha scritto, citando John Lennon.

“Succede. Succede e basta. Questo non era proprio il momento giusto, ma in certi casi nessun momento lo sarebbe stato. Da lunedì mi devo fermare per affrontare un problema di salute. Ve lo dico personalmente per rassicurarvi e per non creare allarmismi inutili. – dice Emma sui suoi social ai fans – Non sarò presente a Malta per il concerto di @radioitalia che ringrazio per l’immediata comprensione” scusandosi con quanti si erano impegnati (voli, alberghi etc) per poter essere lì e supportarla: “Inutile dirvi l’immenso dispiacere che provo per tutti quei ragazzi che hanno speso dei soldi in voli aerei e alberghi per venire fino a Malta per sostenermi: Non avete idea di quanto mi sarebbe piaciuto essere su quel palco e cantare per tutti voi. Vi prometto che tornerò più forte di prima! Ci sono troppe cose belle da vivere insieme. Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero… Andrà tutto bene! Emma”.

Emma combatte di nuovo il cancro? Si sono chiesti in tanti… Come Lorella Cuccarini a La vita in diretta. “Mi ricordo che in passato aveva rilasciato un’intervista per dire che aveva superato un grande problema nella sua vita, la malattia. Evidentemente adesso è tornata a combattere”, ha dichiarato Lorella, a Raiuno. Queste parole hanno fatto subito il giro del web, suscitando, inevitabilmente, non poca preoccupazione. Proprio lei che oggi mattina, aveva condiviso un post senza creare allarmismi, si ritrova ora una serie di speculazioni sulle sue condizioni di salute. “È una notizia che ha lasciato tutti noi senza fiato”, si è invece limitato a dire Alberto Matano.

Emma ha scelto una frase evocativa di John Lennon per spiegare ai fan le ragioni del suo stop, promettendo di chiudere i conti “una volta per tutte con questa storia”. E in effetti la sottolineatura farebbe intendere proprio questa cosa qua. Un ritorno della malattia avuta anni addietro ben due volte. La prima, quando aveva solo 25 anni. Quando i medici l’hanno scoperta, lei stava vivendo un periodo cruciale della sua vita. Faceva la commessa di giorno e di sera si esibiva nei locali, fino ad approdare al talent di Canale 5.

Lei attribuiva la perdita di peso e la stanchezza alla sua vita frenetica. Al troppo lavoro. Poi l’arrivo ad Amici, che avrebbe vinto qualche mese dopo. “La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie. Avevo fatto la Tac e la risonanza magnetica. Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali. A quel punto non potevo più sfuggire”, raccontò nel 2011 al Corriere della Sera. L’intervento a cui fu sottoposta durò bene sette ore. Quell’operazione l’ha salvata la vita, poi Emma si è impegnata in opere di sensibilizzazione sulla prevenzione. Il tumore è però 5 anni fa, nel 2014, per poi essere nuovamente rimosso.

In occasione della presentazione dell’album “Essere qui”, l’artista aveva raccontato, mostrando la cicatrice, del doppio intervento, raccontando a stampa e fans “È la ferita che mi ha fatto meno male: la cicatrice indica che il male è stato tolto”.

Tanti ora sono sulla sua pagina ad augurarle una pronta guarigione: da Laura Pausini a Giorgia, Paola Turci a Fiorello. La Pausini le ha scritto: “Siamo tutti con te. Forza”, mentre Giorgia e Giusy Ferreri “Forza” e Paola Turci ha commentato con un cuore, gli stessi che le pervengono da Fiorello su Twitter.

Anche la manager e sua migliore amica Francesca Savini ha scritto: “Sei la mia roccia”, mentre Nek “Cara Emma ennesima prova per te. Io e la mia famiglia ti siamo vicini. Ti vogliamo bene”.

Ma aumentano di minuto in minuto i messaggi anche da parte di fans, e altri colleghi come Syria, o personaggi del cinema e dello spettacolo da Isabella Ferrari a Karina Cascella e tanti altri che con lei hanno condiviso amicizia, musica, tempo libero ed esperienze di “Amici” di Maria de Filippi.

La quale ha scritto per lei una bellissima lettera, sottolineando appunto l’amicizia che le lega da tantissimi anni, da quando si sono incontrante nel celebre talent show. “Cara Emma, immagino che quello che sto scrivendo tu lo sappia già. Lo sai perché sono passati dieci anni da quando hai cantato davanti a me una canzone della Nannini e da allora non ci siamo mai perse. Il bene non si perde – spiega la moglie di Costanzo e signora di Canale 5 -, quando i sentimenti sono veri vivono e sopravvivono anche se non ci si vede quotidianamente. Ci sei, ci sei stata e so che ci sarai sempre nella mia vita, me lo hai dimostrato ogni volta che avevo bisogno di te e ti chiamavo. So che lo sai ma ripeterlo non è mai abbastanza e, come diceva mia madre, ‘verba volant scripta manent’, io se tu vorrai nella tua vita ci sarò sempre. Ti voglio un bene dell’anima davvero, non avere mai paura di nulla perché sei fortissima”.

Obesità per un bambino su 5, in Friuli Venezia Giulia

Pubblicato il 30 Ago 2019 alle 7:54am

L’obesità è una malattia in allarmante crescita anche in Friuli Venezia Giulia, dove oltre il 40 per cento della popolazione pesa troppo e dove quasi il 6% dei bambini è obeso, il 18,2% in sovrappeso. Prevenzione ed educazione restano le armi più efficaci, soprattutto tra i più giovani. (altro…)