Spread the love

Nel 2023 in Italia il sistema di sorveglianza ha registrato un aumento di casi di morbillo, “43 rispetto ai 15 del 2022″. A  sottolinearlo è  un aggiornamento del bollettino morbillo-rosolia dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

Inoltre “Il 26% dei casi ha riportato una complicanza, quella più frequente è stata la diarrea, seguita dalla polmonite, insufficienza respiratoria, cheratocongiuntivite e epatite o anche aumento delle transaminasi”, precisa il bollettino.

L’aumento dei casi che si è registrato in Italia è più contenuto rispetto a quello di altri paesi europei su cui l’Oms ha recentemente lanciato un allarme, ma non va sottovalutato – commenta Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss -. Il morbillo può essere potenzialmente molto pericoloso, specie per i più piccoli, come dimostrano proprio i dati Oms per l’Europa, che riportano 21mila ospedalizzazioni e 5 morti nel 2023. Il vaccino, che è sicuro ed efficace, rimane lo strumento principale a disposizione per contrastare questa malattia”.

 

ph credit dal web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.