diabete

Diabete, un bonus di 500 euro al mese per chi ce l’ha

Pubblicato il 17 Giu 2019 alle 10:32am

Sono circa 3,5 milioni di persone in Italia che soffrono di diabete e oltre un milione coloro che non sanno di avere problemi relativi a questa patologia, molto invalidante. (altro…)

Diabete, vitamina d non riduce il rischio

Pubblicato il 11 Giu 2019 alle 11:14am

Assumere supplementi giornalieri di vitamina D non risolvere il problema. Non metterebbe al riparo dal significativo rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 in soggetti predisposti e che presentano un livello sufficiente di tale vitamina. (altro…)

Salvia, un aiuto naturale contro il diabete

Pubblicato il 07 Giu 2019 alle 6:03am

Il diabete, è una condizione che causa un forte impatto sui costi sanitari e con numeri che stanno crescendo a vista d’occhio (secondo le stime OMS, raddoppieranno entro il 2025), che è causato da fattori di natura genetica e ambientale. Anche l’alimentazione però, ha una sua funzione essenziale. (altro…)

Diabete: con l’eHealth 3.0 cambia il futuro di pazienti e medici, ecco perché

Pubblicato il 21 Mag 2019 alle 8:32am

“La tecnologia sta rivoluzionando la medicina e il diabete è un osservatorio privilegiato per capirne il reale impatto: è infatti una patologia per la quale sono già disponibili tantissimi strumenti innovativi per la gestione dei pazienti, dai sistemi di monitoraggio glicemico in continuo ai piani terapeutici informatizzati, dai sensori indossabili alle cartelle cliniche digitali”. A spiegarlo è Mariano Agrusta, Coordinatore Nazionale Gruppo di Studio AMD Psicologia e Diabete, che aggiunge anche “Sappiamo che tutto ciò può contribuire a migliorare la gestione della malattia, aumentando il tempo trascorso con la glicemia nella norma e quindi riducendo il rischio di eventi avversi o complicanze con un risparmio ingente di risorse economiche; dobbiamo anche chiederci però come tutto questo cambierà il rapporto medico-paziente, come si potranno gestire moli enormi di dati, come la tecnologia ci aiuterà a passare da una medicina che rispondeva a una sintomatologia a una che la prevenga e la anticipi. Il convegno tenterà di dare alcune risposte, nella convinzione che l’onda della digitalizzazione è già qui e che dobbiamo perciò cavalcarla per non farci travolgere”. (altro…)

Scoperto farmaco anti diabete in grado di contrastare anche l’insufficienza cardiaca in non diabetici

Pubblicato il 23 Apr 2019 alle 6:38am

Un gruppo di ricercatori ha scoperto che un farmaco per il diabete, recentemente sviluppato, denominato empagliflozin, può rivelarsi molto efficace per contrastare l’insufficienza cardiaca in soggetti animali non diabetici. Secondo i ricercatori, infatti, questo farmaco…è in grado, di promuovere il livello energetico del cuore il quale funziona anche più efficientemente. (altro…)

Torino, una mostra sul diabete aperta sino al 22 giugno

Pubblicato il 21 Apr 2019 alle 7:04am

Nasce a Torino il Museo del Diabete, preceduto dall’esposizione inaugurata il 19 aprile presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Torino in via Verdi 8: “La dolce vita: il Museo del Diabete (Per un museo di medicina a Torino)”. (altro…)

Dieta ricca di proteine animali dannosa per la salute

Pubblicato il 13 Apr 2019 alle 10:30am

Una dieta ricca di proteine animali non fa bene alla nostra salute. Lo dice un nuovo studio medico condotto dall’Università della Finlandia orientale, che è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Questa ricerca ha individuato come gli uomini che prediligevano una dieta con molte proteine animali (più di 200 grammi al giorno) avevano un rischio maggiore di morte (+23%) nell’arco di 20 anni rispetto a chi faceva al contrario una dieta più equilibrata (con meno di 100 grammi al giorno di carne).

A partecipare allo studio 2.600 persone delle quali i ricercatori hanno selezionato chi mangiava principalmente carne rossa. La ricerca ha poi anche rilevato che un elevato apporto complessivo di proteine alimentari era associato a un maggior rischio di morte negli uomini a cui era stato diagnosticato, all’inizio dello studio, il diabete di tipo 2, le malattie cardiovascolari o il cancro.

Analisi precedenti avevano anche suggerito che un elevato apporto di proteine animali, e in particolare il consumo di carni lavorate come salsicce e salumi, associato ad un aumentato rischio di morte prematura. Tuttavia, spiegano i ricercatori, il quadro generale relativo agli effetti sulla salute delle proteine e delle diverse fonti proteiche non è ancora del tutto stato chiarito.

Cagliari, dal 2 aprile il servizio di transizione dell’adolescente con Diabete Mellito tipo 1 dal Centro pediatrico a quello dell’adulto

Pubblicato il 02 Apr 2019 alle 7:00am

Dal primo Aprile presso l’azienda Ospedaliera Brotzu, in via sperimentale parte il servizio dedicato alla transizione dell’adolescente con Diabete Mellito tipo 1 dal Centro Pediatrico a quello dell’adulto. (altro…)

Stress da lavoro potrebbe favorire la comparsa del diabete

Pubblicato il 16 Mar 2019 alle 11:55am

Lo stress da lavoro e i lavori mentalmente estenuanti, come ad esempio quello dell’insegnante, potrebbero incrementare il rischio di sviluppare il diabete. A rivelarlo un recente studio francese condotto su oltre 70 mila donne, monitorate tramite un registro osservazionale per un periodo medio di 22 anni (1992-2014). Un lavoro questo che è stato condotto da Guy Fagherazzi del Centre for Research in Epidemiology and Population Health all’Inserm in Francia e pubblicato sull’European Journal of Endocrinology.

I risultati di questo studio evidenziano gli esperti, è il rischio di sviluppare il diabete in donne definite “lavoratrici con impegno mentale molto elevato” (+21%), rispetto a donne “lavoratrici con impegno mentale basso o minimo”. Questo aumentato rischio osservato nello studio, appariva indipendente dai fattori di rischio per diabete e stile di vita condotto dalle donne esaminate. In questo studio al tutto femminile, secondo quanto evidenziato da Salvatore Piro dell’Università di Catania, il ruolo dello stress come condizione, favorirebbe lo sviluppo del diabete assieme al sovrappeso. Tuttavia, prima di trarre conclusioni affrettate e definitive, sottolinea ancora Piro, questi dati devono essere esaminati ancora un po’.

“Il dato pubblicato risulta però molto importante – sottolinea l’esperto Segretario Nazionale della Società Italiana di Diabetologia (Sid) – sia per il periodo prolungato di osservazione (20 anni), sia per la scelta del sesso. In un momento storico come quello che stiamo vivendo la medicina di genere riveste sempre più importanza nel mondo scientifico ed il ruolo del cervello emerge sempre più come nuovo organo mediatore di azioni ‘diabetogene’, questi dati potrebbero aprire nuovi campi di ricerca e potrebbero avere risvolti scientifici e sociali”, conclude.

Agrumi contro la glicemia alta

Pubblicato il 06 Mar 2019 alle 11:09am

La frutta, se consumata in dosi corrette, permette di regolarizzare i valori alti di glicemia, ma anche obesità, ipertensione e sindrome metabolica. Tuttavia vi è un particolare tipo di frutta che è ideale per contrastare gli zuccheri nel sangue. Parliamo di agrumi. Questi frutti contengono, infatti, vitamine, flavonoidi, fibre e antiossidanti: in particolare l’esperetina che inibisce alcuni zuccheri contrastando così l’aumento della glicemia.

Arance, limoni, mandarini, cedri, pompelmi, pomeli, mandaranci, bergamotti e qualsiasi altro frutto che provenga dalla famiglia del Citrus, c’è solo l’imbarazzo della scelta. E’ importante consumarli freschi, appena sbucciati, evitandoli in macedonie in quanto tale portata prevede l’aggiunta di zuccheri artificiali estremamente dannosi per chi soffre di diabete.

In quanto frutti, bisogna inoltre evitare di assumerli in concomitanza a un pasto eccessivamente ricco di carboidrati poiché ciò comporterebbe un eccesso di glicemia: meglio associarli dunque a verdure.