militari

Molise, per assenza di camici bianchi arrivano specialisti militari

Pubblicato il 04 Giu 2019 alle 9:46am

Il commissario alla Sanità della Regione Angelo Giuliani ha scritto una nota per sottolineare le condizioni di precariato in cui versano le strutture sanitarie molisane. Prima di procedere alla chiusura dei reparti di ortopedia e traumatologia di Isernia e Termoli, in provincia di Campobasso, l’unica soluzione, è quella di ricorrere ai camici bianchi militari, degli specialisti che saranno impegnati in questi reparti per almeno 5 mesi.

Durante la riunione di gabinetto del Ministero della Difesa, sono stati individuati “105 camici bianchi che operano nella sanità militare, che possono essere selezionati e impiegati in quella civile”. I

Si tratta infatti di ortopedici innanzitutto, almeno un paio per evitare di chiudere il reparto a Termoli dove ad oggi non c’è un’adeguata e sufficiente turnazione, e poi ginecologi, chirurghi, e anestesisti.

La mancanza di risorse sanitarie “mette sempre più a rischio il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza”, spiega Giustini, sottolineando anche “l’inappropriata programmazione sanitaria del passato”, che ha causato la carenza di specialisti nel Sistema sanitario regionale, anche a causa del problema legato al blocco del tournover. In questo quadro, il rischio di chiusura è veramente alto e potrebbe portare ad una soluzione già a partire da oggi, dopo la una riunione decisiva, prima al Ministero della Salute e poi insieme a quello della Difesa.

Vestiti ‘smart’con led e sensori, utilizzabili in ambito sanitario e militare

Pubblicato il 13 Ago 2018 alle 6:34am

Sono in arrivo i tessuti ‘smart’, prodotti con fibre che incorporano Led e sensori fotosensibili. Sono morbidi e resistenti ai lavaggi in lavatrice e potrebbero portare allo sviluppo di nuove tecnologie indossabili per le telecomunicazioni e a vestiti hi-tech per il monitoraggio delle condizioni di salute. (altro…)

Kosovo, ufficiale medico denuncia: “Acqua cancerogena ai nostri soldati”

Pubblicato il 08 Lug 2017 alle 7:20am

Il medico militare colonnello Ennio Lettieri – tre volte in missione in Kosovo, alla direzione dell’infermeria della base Kfor di Pristina nel 2016 – in occasione della Commissione parlamentare di inchiesta sugli effetti dell’utilizzo dell’uranio impoverito ha spiegato che i nostri militari bevono anche acqua cancerogena. (altro…)

La supercioccolata studiata a posta per i militari in missione

Pubblicato il 07 Set 2015 alle 6:20am

E’ in arrivo la supercioccolata ideata per i soldati in azione. Sviluppata da un gruppo di ricercatori australiani, per essere consumata durante le missioni, visto che mangiare in combattimento è certamente impossibile.

La nuova cioccolata ‘extended energy’ è stata formulata dal Centre for Food Innovation con la collaborazione dell’University of Tasmania, dell’Ente nazionale di ricerca Csiro e del Defence Science Technology Group (Dstg). Conterrebbe farina ricavata da banane acerbe e da banane platano ad alto contenuto di amidi, efficace nel dare energia nei lunghi periodi, rivelandosi migliore dello zucchero i cui effetti sono di breve durata.

La supercioccolata già sperimentata e ‘promossa’ da forze speciali australiane in termini di sapore, consistenza, aroma e confezione ha ottenuto un incredibile successo. “L’unico commento che abbiamo ricevuto dai soldati è che vorrebbero delle tavolette più grandi nelle razioni, o almeno un maggior numero”, ha osservato uno dei ricercatori.

I test proseguiranno per altri tre anni, prima che le tavolette siano approvate e incluse nelle razioni di combattimento.

Gli studiosi intanto sono molto fiduciosi, prevedono infatti che il nuovo prodotto possa divenire popolare anche tra salutisti e gli atleti di resistenza.

Sarà infatti anche sperimentata una versione con prebiotici e probiotici, capaci di migliorare la salute intestinale e prevenire colite e sindrome dell’intestino irritabile, oltre a potenziare il sistema immunitario.

Roma, stupro a 16enne, il gip convalida l’arresto per il militare

Pubblicato il 04 Lug 2015 alle 10:53am

Avrebbe pianificato tutto Giuseppe Franco, il militare di marina accusato dello stupro della sedicenne la notte del 29 giugno scorso a Roma, in piazzale Clodio. (altro…)

Afghanistan: attacco al contingente italiano, un morto e tre feriti

Pubblicato il 08 Giu 2013 alle 11:37am

Un nuovo attacco contro i militari italiani in Afghanistan ha causato un morto e tre feriti. (altro…)