Sono due i morti in Campania a causa dei botti di Capodanno. Si tratta di un ristoratore di 51 anni, Pasquale Zacchia, che è morto per l’esplosione di un botto che gli ha procurato delle gravi ferite alla testa. Il fatto è accaduto a Pontelatone, un comune del Casertano.

L’altra vittima è in provincia di Benevento: Antonio Serino, imprenditore edile di 49 anni. L’uomo si trovava con i familiari in una villa di San Martino Sannita (Benevento) quando un razzo partito inavvertitamente lo ha colpito al volto, uccidendolo all’istante.

Soltanto in Campania i feriti sarebbero più di cento: 82 tra Napoli e provincia.

A Roma una ragazza è in coma etilico, sarebbe andata in discoteca a festeggiare il Capodanno con un’amica.

In provincia di Fermo, invece, un giovane ha perso le dita di una mano mentre stava facendo esplodere un petardo: poco dopo la mezzanotte a San Marco alle Paludi.

A Salerno 12 persone sono finite in ospedale. Tra queste anche due minori.

Tre feriti anche tra Roma e Tivoli si tratta di padre e figlio di 12 anni per lesioni alle mani e al volto.

Un ragazzino di 11 anni ha perso tre dita della mano per aver raccolto un petardo inesploso, scoppiato in mano, nella periferia Nord di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.