L’acido folico in gravidanza riduce i rischi di autismo del 40%

a cura di Silveria
data pubblicazione 13 Feb 2013 alle ore 4:15pm

Assumere integratori di acido folico nelle primissime settimane di gravidanza può ridurre il rischio che il bebè soffra di autismo del 40%. Lo dimostra uno studio della Columbia University pubblicato sul Journal of the American Medical Association.

La ricerca – Lo studio ha considerato oltre 85 mila bambini e dati sul tipo di integratori assunti in gravidanza dalla mamma e in quale fase della gestazione. L’acido folico è un integratore usato in gravidanza in quanto permette di prevenire una grave malformazione dello sviluppo, la spina bifida.

Gli esperti hanno monitorato il campione di bambini per alcuni anni e diagnosticato 270 casi di autismo e malattie affini. E’ emerso che i figli delle donne che avevano assunto acido folico all’inizio della gravidanza, tra quarta e ottava settimana avevano un rischio di autismo ridotto del 40%.