gennaio 2nd, 2016

Morte Stefano Cucchi, le rivelazioni dell’ex moglie del carabiniere accusato “Ecco cosa mi disse sul pestaggio”

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 10:46am

Ilaria Cucchi non ci sta, e dal suo profilo Facebook, torna a chiedere giustizia, senza usare mezzi termini. Torna a commentare le intercettazioni che in questi giorni stanno rivelando nuovi terribili particolari. (altro…)

Brescia, madre di 30 anni muore in ospedale all’8° mese di gravidanza insieme alla figlia che portava in grembo. Aperta indagine

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 10:03am

Giovane mamma di 30 anni muore all’ottavo mese di gravidanza.

Giovanna Lazzari e la sua bambina che aveva in grembo, sono morte agli Spedali civili di Brescia.

La donna è arrivata in ospedale mercoledì notte in condizioni gravi con febbre alta e sintomi di gastroenterite.

Giovedì mattina i medici hanno deciso di iniziare il parto cesareo: il feto però era già morto e la madre, trasferita nel reparto di rianimazione, è deceduta di lì a poco.

La Procura di Brescia ha aperto un fascicolo disponendo l’autopsia sul corpo della giovane mamma e sul feto (una femmina) per capire i motivi della morte.

Giovanna Lazzari, residente a Rezzano, era sposata e aveva già due figli di un un anno e mezzo e uno di quattro anni.

Influenza suina, il virus che spaventa gli scienziati. “Potrebbe causare la prossima pandemia”

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 8:06am

Un ceppo del virus dell’influenza suina, il EAH1N1, circolato nei suini dal 1979, potrebbe essere molto pericoloso per l’uomo, senza che nessun vaccino possa fare qualcosa.

EAH1N1 può “rappresentare una minaccia pandemica, fra le più alte” fra i virus influenzali attualmente in circolazione negli animali.

A dirlo alcuni ricercatori cinesi che hanno pubblicato il loro studio su Pnas (Proceedings of National Academy of Science).

“I maiali sono considerati importanti ospiti intermedi per i virus influenzali”, ha detto Chen Hualan, l’esperto che ha condotto lo studio, in un’intervista rilasciata all’agenzia Xinhua.

In base alle analisi scientifiche e i confronti fatti tra i virus influenzali degli animali (H1N1, H3N2, H5N1, H7N9, H9N2 ed EAH1N1) i ricercatori hanno trovato che l’EAH1N1 è il virus che con una probabilità superiore può causare una pandemia umana.

Due ceppi di virus dell’influenza suina, il SIV H1N1 e il SIV EAH1N1, sono circolati nei suini dal 1918 e dal 1979.

Mentre la classica SIV H1N1 fece il suo debutto umano nel 2009, mietendo molte vittime.

Il virus di cui parlano ora gli scienziati sembra essere anche più aggressivo del Siv H1N1.

Saldi invernali, al via oggi in 4 regioni, il 5 gennaio in tutte le altre

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 7:27am

Partono oggi, 2 gennaio, i saldi invernali 2016. Le prime regioni a dare il via, sono Sicilia, Basilicata, Campania e Valle d’Aosta. Poi il 5 sarà al volta di tutte le altre.

Secondo i calcoli di Confcommercio, la spesa media di ogni famiglia sarà quest’anno di 346 euro per capi d’abbigliamento, calzature ed accessori (il 3% in più rispetto lo scorso anno), per un valore complessivo di 5,4 miliardi di euro.

Le preferenze di quest’anno saranno per capi di abbigliamento (94,1), calzature (72,8), accessori (30,7) e biancheria intima (26,4). In leggera flessione gli articoli sportivi (17,7%) e i prodotti di pelletteria (17,5%).

In trepida attesa famiglie, donne, consumatori dai 45 anni in su, anziani, residenti nelle grandi aree metropolitane e del Mezzogiorno.

Putin firma nuova strategia nazionale, per lui la Nato è una minaccia

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 7:06am

L’espansione della Nato è una «minaccia per la sicurezza nazionale» della Russia. È quanto si legge nella nuova ‘strategia di sicurezza nazionale’ approvata e firmata da Vladimir Putin.

Un documento che viene aggiornato ogni sei anni e stila le norme da tenere in ambito della politica estera. Secondo quanto si legge, l’aumento delle truppe Nato ai confini della Russia verrebbe visto come «una violazione delle norme che regolano il diritto internazionale».

“L’indipendenza» della Russia sullo scacchiere internazionale ha provocato “la reazione da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, interessati a mantenere il loro dominio nella sfera degli affari internazionali”. “Un processo di militarizzazione e corsa alle armi i sta sviluppando nelle regioni vicine alla Russia”. “La priorità nazionale è avere lo status di potenza globale di primo piano”. Detto questo, il nuovo documento di strategia nazionale prevede l’uso della forza militare “solo se ogni altra misura risulta inefficace”.

La prevenzione di conflitti militari viene affidata al mantenimento del “deterrente nucleare” così come di un «giusto grado di prontezza al combattimento delle forze armate.

L’espansione della Nato è una «minaccia per la sicurezza nazionale» della Russia.

Ebola, la Guinea è libera, ha sconfitto la malattia

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 6:45am

A distanza di due anni dall’inizio dell’epidemia del virus dell’Ebola la Guinea è ufficialmente libera da questa malattia. Ad annunciarlo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) in un comunicato stampa al termine del periodo di osservazione durato 42 giorni, al fine dell’ottenimento dello status.

All’appello manca ora solo la Liberia, che in assenza di nuovi casi otterrà lo status verso metà gennaio.

Il primo contagio, ricorda una nota emessa dall’Oms, è stato registrato nel dicembre 2013 a Gueckedou, in Guinea, su un bambino di due anni entrato in contatto con un pipistrello infetto.

Il virus si è poi diffuso nei paesi confinanti, Liberia e Sierra Leone, e in altri sette stati.

Inizia così un periodo di ‘sorveglianza speciale’ di 90 giorni.

“Dobbiamo rendere omaggio al governo e alla popolazione della Guinea – afferma Mohamed Belhocine, rappresentante dell’Oms -, che nelle avversità hanno mostrato una straordinaria leadership nel combattere l’epidemia”.

Ma l’Oms invita a non abbassare certamente la guardia: “I prossimi mesi saranno assolutamente critici”, ha osservato Bruce Aylward, rappresentante speciale del direttore generale dell’Oms per la risposta a Ebola. “I Paesi dovranno essere pienamente in grado di prevenire, identificare e rispondere ad eventuali nuovi casi. La persistenza limitata nel tempo del virus nei sopravvissuti che può causare nuove recrudescenze rende imperativo che i partner continuino a sostenere questi Paesi”.

Impronte digitali e donazione organi nella nuova Carta d’identità digitalizzata

Pubblicato il 02 Gen 2016 alle 6:03am

Arriva la nuova Carta d’identità elettronica, un progetto tanto atteso da quasi venti anni. Il ministero dell’Interno ha pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto, di concerto con ministeri P.A. ed Economia, con le nuove regole per l’emissione della nuova carta, le norme previste dal Dl Enti Locali.

La Cie sostituirà le attuali carte di identità in circolazione. Il rilascio scatterà dopo la richiesta da parte del cittadino (o del genitore-tutore in caso di minorenni). La domanda dovrà essere presentata presso l’ufficio anagrafe del Comune (se all’estero ci si deve rivolgere invece al Consolato).

La richiesta potrà anche essere fatta sul web attraverso l’apposito portale (Cieonlinne). Nella carta dovranno essere inserite l’immagine del volto del titolare, attraverso una foto digitalizzata, e l’immagine delle impronte digitali.

Ma anche la firma autografata (nei casi previsti), l’autorizzazione o meno all’espatrio nonché, ma è facoltativa, l’indicazione sulla donazione degli organi.

La consegna della Cie, con i codici Pin e Puk, dovrà avvenire, presso l’indirizzo indicato dal cittadino, entro sei giorni.

Oltre alle impronte digitali (bimbi esclusi) e alla possibilità per i maggiorenni di indicare la volontà o meno di donare gli organi, ci sarà anche un Pin che permetterà l’accesso ai servizi online dedicati. La Cie sarà realizzata con le tecniche tipiche delle carte valori e avrà un microprocessore per la memorizzazione dei dati.

Il piano per il rilascio sarà graduale e le tappe saranno fissate da una commissione ad hoc, comune per comune.