Una settimana prima dalla morte, il re del pop era stato ricoverato d’urgenza in ospedale per overdose di oppiacei e non per una banale influenza come invece aveva dichiarato dal manager della pop star. A rivelarlo, il sito americano Tmz, che ieri ha dato per primo la notizia della morte di Prince.

Intanto, come riferisce l’agenzia Associated Press, domani sarà effettuata l’autopsia.

Il vice sceriffo della contea di Carver, Jason Kamerud, in merito alla possibilità di una ipotesi di un reato, ha dichiarato che “non è né sospettata né non sospettata”. Ovvero, che è prematuro parlare prima che sia esaminata la scena del decesso.

Passeranno del tempo prima che giungano gli esami tossicologici.

Diffusa anche la trascrizione della chiamata di soccorso fatta al 911 dalla casa della star. Una telefonata che rivela una certa confusione al momento della scoperta del cadavere. Una persona (non identificata) chiama dalla tenuta di Prince facendo fatica a dare l’indirizzo preciso dell’abitazione. Nella telefonata, all’inizio si parla anche genericamente di “qualcuno privo di sensi” prima di comunicare che la persona era morta. Solo quando l’operatore localizza l’indirizzo, il chiamante conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.