causa

Michael J. Fox “Il 2018 per me il momento più buio col Parkinson”

Pubblicato il 09 Nov 2020 alle 6:13am

“Due anni fa ho vissuto il momento più buio da quando ho il Parkinson”. Michael J. Fox. (altro…)

Johnny Depp “malato” di lusso, non gli bastano due milioni al mese e accusa i suoi commercialisti

Pubblicato il 04 Mag 2017 alle 9:17am

Johnny Depp sarebbe ossessionato dal denaro e dalle spese pazze. Così, potrebbe trovarsi presto a rosso, a causa dei suoi troppi vizi, della sua vita agiata e incapacità di rinunciare a cose futili.

Una vera e propria patologia asseriscono i suoi due ex commercialisti Joel e Robert Mandel, della Mandel Company, che in tribunale hanno dichiarato come due milioni di dollari spesi ogni mese dall’attore non siano più sostenibili per le sue attuali finanze.

Ma Depp è inarrestabile. Continua con le sue spese folli, cosa che preoccupa molto i suoi ex commercialisti che tengono le fila dei suoi libri contabili.

I due, quando hanno prospettato il rischio della bancarotta a Depp, qualche mese fa, lui in tutta risposta li ha licenziati con l’accusa di furto.

Per questo motivo ora sono in causa e in tribunale i due hanno dichiarato che le mani bucate dell’attore sono conseguenza di una patologia e di un modo di dissipare le sue ricchezze.

Secondo Joel e Robert Mandel, infatti, Depp ha bisogno di essere curato. Per vent’anni ha speso circa due milioni di dollari al mese, tra aerei privati, vini pregiati, yacht, residenze da sogno (14 in tutto) e persino un castello in Francia. A tutto questo nell’ultimo anno si è andato ad aggiungere anche il divorzio da Amber Heard, a cui a dovuto versare sette milioni di dollari come risarcimento.

Prince, una settimana prima ricoverato d’urgenza in ospedale per overdose di oppiacei

Pubblicato il 22 Apr 2016 alle 4:51pm

Una settimana prima dalla morte, il re del pop era stato ricoverato d’urgenza in ospedale per overdose di oppiacei e non per una banale influenza come invece aveva dichiarato dal manager della pop star. A rivelarlo, il sito americano Tmz, che ieri ha dato per primo la notizia della morte di Prince.

Intanto, come riferisce l’agenzia Associated Press, domani sarà effettuata l’autopsia.

Il vice sceriffo della contea di Carver, Jason Kamerud, in merito alla possibilità di una ipotesi di un reato, ha dichiarato che “non è né sospettata né non sospettata”. Ovvero, che è prematuro parlare prima che sia esaminata la scena del decesso.

Passeranno del tempo prima che giungano gli esami tossicologici.

Diffusa anche la trascrizione della chiamata di soccorso fatta al 911 dalla casa della star. Una telefonata che rivela una certa confusione al momento della scoperta del cadavere. Una persona (non identificata) chiama dalla tenuta di Prince facendo fatica a dare l’indirizzo preciso dell’abitazione. Nella telefonata, all’inizio si parla anche genericamente di “qualcuno privo di sensi” prima di comunicare che la persona era morta. Solo quando l’operatore localizza l’indirizzo, il chiamante conferma.