Cinque cinesi con furgoni stracarichi in aiuto dei terremotati di Amatrice

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 31 Ago 2016 alle ore 6:46am

Cinque cinesi in aiuto di Amatrice. Si chiamano Francesco, Liyuan, Shiyi, Giada, Mingwu e Luca, e sono tutti asiatici di Firenze e Prato, stipati dentro 5 furgoni stracarichi di una tonnellata di viveri sono giunti ad Amatrice per aiutare gli sfollati. Indossavano tutti una maglietta bianca con su scritto «Fiorentini cinesi per Amatrice. Pray for Amatrice». Sono partiti sabato mattina poco dopo l’alba da Piazzale Marconi all’Osmannoro.

Hanno portato con loro pannolini, acqua, coperte, materassi, vestiti, pennarelli, matite, penne, giocattoli. Centochili di formaggi, 300 chili di patate, 100 chili di cipolle, 150 chili di carote, 30mila piatti di plastica, 30mila bicchieri, 30mila posate. E poi pacchi di tonno, fagioli, piselli, biscotti. «Quando ho visto in televisione il terremoto – racconta Giada Lin – ho provato una grande sofferenza, ma allo stesso tempo ci siamo chiesti come potevamo essere d’aiuto. Dovevamo fare qualcosa per aiutare i nostri connazionali».

Connazionali, perché loro sono a tutti gli effetti italiani. «E vogliamo portare un sostegno ai nostri fratelli sfollati». Alcuni di loro sono arrivati in Italia da piccoli, con le loro famiglie. Papà operai in fabbrica. Hanno dormito in macchina, sui marciapiedi o nelle fabbriche dormitorio. Oggi sono integrati e lavorano tutti. Tanti sono nati qui. E di fronte a questa tragedia, hanno voluto dimostrare di sentirsi veramente a casa. Di provare lo stesso dolore, di essere utili e di essere ben integrati.