Papa: “Accolgo gay e trans come farebbe Gesù. Ma una cosa è una tendenza, altra insegnarla a scuola”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 03 Ott 2016 alle ore 9:21am

papa francesco in volo
Papa Francesco rispondendo ai giornalisti che viaggiano con lui da Baku a Roma, chiarisce meglio il senso delle parole professate sabato a Tbilisi che non implicavano una condanna a uomini e donne che vivono situazioni di innegabile sofferenza, ma solo all’ideologia del gender che vuole imporre una cultura attraverso un indottrinamento che il Pontefice definisce ancora una volta “colonizzazione ideologica”.

“Ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, vescovo e anche di Papa persone con tendenze e pratiche omosessuali. Le ho avvicinate al Signore. E mai le ho abbandonate”.

“Per favore, non dite che il Papa santifichera’ i trans. Voglio essere chiaro: e’ un problema di morale, umano, e si deve risolvere come si puo’, sempre con la misericordia di Dio, con la verita’, leggendo tutta l’Amoris laetitia, ma sempre col cuore aperto”, chiede il Papa ai giornalisti chiarendo per bene la sua posizione che ieri qualche media ha equivocato: “cio’ che ho detto – sottolinea il pontefice – riguarda quella cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria del gender. Mi raccontava un papa’ francese che a tavola parlando con i figli ha chiesto al bambino di 10 anni: ‘cosa vuoi fare da grande?’ Lui ha risposto: ‘la ragazza’. Hanno scoperto cosi’ che nei libri dei collegi si insegnava la teoria del gender. E questo e’ contro le cose naturali. Una cosa e’ una persona che abbia questa tendenza, o che cambia il sesso, un’altra cosa e’ fare l’insegnamento nelle scuole su questa linea per cambiare la mentalita’. Io chiamo questo ‘colonizzazione ideologica'”. Ma opporvisi, prosegue il papa, non deve mai portare a chiudere le porte a qualcuno che soffre. Cosi’ come condannare il divorzio non significa condannare i divorziati.

“Le persone – esorta Francesco – si devono accompagnare come le accompagna Gesu’. Quando una persona con questa condizione e’ davanti a Gesu’, Gesu’ non la manda via perche’ e’ omosessuale”. “L’anno scorso ho ricevuto una lettera di uno spagnolo che mi raccontava la sua storia da bambino e ragazzo. Era una ragazza che ha sofferto tanto perche’ si sentiva ragazzo. Ha fatto l’intervento, ora e’ un impiegato di un ministero di una citta’ spagnola ed e’ andato dal vescovo. Il vescovo lo ha accompagnato tanto, bravo vescovo, ‘perdeva’ tempo per accompagnare quest’uomo. Poi si e’ sposato, ha cambiato la sua identita’ civile e mi ha scritto che sarebbe stata una consolazione venire con la sua sposa. Li ho ricevuti ed erano contenti. Nel quartiere dove abitava c’era un vecchio parroco 80enne che poi e’ cambiato. Quando il nuovo lo vedeva lo sgridava dal marciapiede: ‘Andrai all’inferno!’ invece il vecchio lo confessava per fargli fare la comunione. Capito? La vita e’ la vita e le cose si devono prendere come vengono, ma il peccato e’ peccato. Le tendenze o gli squilibri ormonali creano tanti problemi e dobbiamo essere attenti a non dire ‘E’ tutto lo stesso’ no, ma ogni caso va accompagnato e integrato. Questo e’ quello che farebbe Gesu’ oggi”.

Lo stesso ragionamento riguarda anche il divorzio, che resta un male anche se i divorziati possono essere accolti anche a livello sacramentale (a determinate condizioni, però). “E’ tutto contenuto – ricorda Bergoglio – nell’Amoris Laetitia quando si parla del matrimonio come unione tra l’uomo e la donna come immagine di Dio. E’ vero che in questa cultura i conflitti e problemi non gestiti e le filosofie di oggi che ci spingono a cambiare quando ci stanchiamo e’ la guerra contro il matrimonio. Dobbiamo essere attenti a non lasciar entrare queste idee. Il matrimonio e’ immagine di dio, uomo e donna, in una sola carne. Quando si distrugge questo si sporca e si sfigura l’immagine di Dio”. Ma “poi l’Amoris laetitia parla di come trattare questi casi, le famiglie ferite, e c’entra la misericordia. Le debolezze umane esistono, i peccati esistono. L’ultima parola non ce l’ha il peccato, ma la misericordia”. “Nell’Amoris Laetitia – conclude Francesco – si spiega come si risolvono i problemi: accogliere le famiglie ferite, accompagnare, discernere ogni caso e integrare, rifare. Questo e’ collaborare in questa ricreazione del Signore con la redenzione. Tutti vanno subito al capitolo ottavo. No, si deve leggere dall’inizio alla fine. E qual e’ il centro? Dipende da ognuno. Per me il centro e’ il capitolo quarto, serve per tutta la vita. Ma si deve leggerla tutta. C’e’ la rottura, ma anche la redenzione e la cura”.