Celiachia, aumenta rimborso per il cibo dei bambini, diminuisce quello per gli adulti: ecco perché

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Set 2018 alle ore 6:39am

Cambiano i rimborsi per acquistare i cibi per i celiaci aumentando per i bambini e riducendosi per gli adulti e gli anziani. Un nuovo decreto che porta la firma del ministro della Salute Giulia Grillo pubblicato in Gazzetta Ufficiale con una nuova divisione delle fasce di età in particolare per i bambini e l’introduzione della differenza tra uomini e donne.

Aumentano infatti i tetti di spesa per i minori mentre scendono quelli per gli adulti e in forma ancora più forte per gli anziani over 60, fino quasi a dimezzarsi, passando dai 140 euro mensili agli 89 euro per i maschi e 75 euro per le donne.

Nel decreto si spiega che il celiaco deve seguire una dieta varia ed equilibrata “con un apporto energetico giornaliero da carboidrati stimabile in almeno il 55%, che deve derivare anche da alimenti naturalmente privi di glutine provenienti da riso, mais, patate e legumi come fonte di carboidrati complessi, per cui la quota da soddisfare con alimenti senza glutine di base (pane, pasta e farina) è stimabile nel 35% dell’apporto energetico totale”. Il supporto economico serve proprio per aiutare i celiaci a mantenere questo equilibrio.

Entro sei mesi si arriverà all’aggiornamento del registro nazionale degli alimenti senza glutine ed entro 6 mesi dalla pubblicazione del registro nazionale le regioni dovranno provvedere ad adeguare le loro modalità di erogazione degli alimenti senza glutine cosi’ come indicato nel decreto.

Il provvedimento era stato definito più razionale rispetto al passato dalle associazioni che rappresentano i celiaci.