Genova, coppia sopravvissuta al crollo del ponte Morandi annuncia prossime nozze

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 02 Set 2018 alle ore 6:02am

Dopo tredici anni di vita insieme trascorsi a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), si sono trovati a vivere una drammatica esperienza di vita, che li ha messi davanti ad una triste e durissima verità, la morte.

Quattro ore lunghissime, intrappolati in cinquanta centimetri di spazio, al buio, sotto i piloni e le macerie del ponte Morandi di Genova, a convincerli, che una volta fuori da quell’inferno, avrebbero dovuto fare il grande passo, unirsi in matrimonio.

Così lei ucraina, Natasha Yelina, 43 anni, e lui moldavo, Eugeniu Babin, 34, convoleranno a giuste nozze non appena saranno dimessi dall’ospedale San Martino del capoluogo ligure, nel quale sono ricoverati, nella stessa stanza, da quel tragico 14 agosto. “La nostra paura più grande era che non ci trovassero, ora dobbiamo ringraziare il Cielo che siamo qui”, racconta Natasha a Il Corriere della Sera.

“Abbiamo deciso in questi giorni: ci sposiamo”, annuncia la coppia dalle colonne de Il Corriere. “Lo faremo in chiesa – aggiungono – per ringraziare il Cielo di essere ancora qui. Quel giorno Dio ha conservato un nido per noi, per salvarci”.

: la coppia percorreva il viadotto genovese per raggiungere la Costa Azzurra, meta della loro vacanza. “Il ponte ha iniziato ad alzarsi e ho capito che stava succedendo qualcosa di bruttissimo”, racconta Natasha al quotidiano.

“Quando abbiamo finito di cadere e rotolare ci siamo detti: siamo ancora vivi, ma la nostra paura più grande era che non ci trovassero”, aggiunge. “Abbiamo suonato il clacson finché non si è scaricata la batteria e quando da lontano abbiamo sentito le voci dei soccorritori abbiamo iniziato ad urlare”, precisa Eugeniu.

Da quella stanza di ospedale, nella quale sono stati ricoverati insieme e dalla quale annunciano le nozze, la coppia è riuscita a girare un video da postare su Facebook per rassicurare amici e parenti sulle loro condizioni di salute dopo lo scampato pericolo.