Controlli tracciabilità cibo con tecniche nucleari

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Feb 2021 alle ore 6:00am

Sono state definite e sottoscritte di recente, nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra l’Ispettorato Repressione Frodi del Ministero delle Politiche Agricole (Icqrf) e la Sogin, la Società Gestione Impianti Nucleari, le procedure operative di ricerca relative all’origine dei prodotti agricoli ed agroalimentari.

Un primo passo in avanti nella ricerca sperimentale di tecniche di derivazione nucleare che i due enti stanno avviando per codificare le tecniche radiochimiche attraverso l’uso dei radionuclidi specifici per la tracciabilità di prodotto agroalimentari.

Sarà possibile d’ora in poi, individuando la presenza dei radioisotopi naturali dei diversi territori e determinandone la concentrazione in alcuni campioni di alimenti, in modo tale da poter ottenere una impronta digitale unica che indichi il luogo di origine del prodotto analizzato.