Un intervento di «body contouring» finito male per Linda Evangelista. Che soffre di depressione e non esce di casa.

Aveva parlato recentemente anche in un post Instagram, dell’odissea attraversata dopo aver fatto un intervento di criolipolisi: “Per i miei follower che si sono chiesti perché non ho lavorato mentre le carriere delle mie colleghe erano fiorenti, il motivo è che sono stato brutalmente sfigurata dalla procedura CoolSculpting che ha fatto l’opposto di ciò che aveva promesso… Ha aumentato, non diminuito, le mie cellule adipose e mi ha lasciato deformata in modo permanente anche dopo aver subito due interventi chirurgici correttivi dolorosi e senza successo. Mi sono ritrovata, come descritto dai media, “irriconoscibile”.

Dopo il trattamento Linda Evangelista ha sviluppato un’iperplasia adiposa paradossale o PHA, una conseguenza rara che può insorgere fino a sei mesi dopo l’intervento.

“Nel processo, sono diventata una reclusa. Con questa causa, sto andando avanti per liberarmi della mia vergogna e rendere pubblica la mia storia. Sono così stanca di vivere in questo modo. Vorrei uscire da casa a testa alta, nonostante non sembri più me stessa…”.

Il post di Linda ha suscitato immediate reazioni di solidarietà e sostegno da parte dei fan e degli amici della modella nel settore della moda.

photo credit DiLei.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.