artrite

Artrite, gli alimenti da evitare e da mangiare

Pubblicato il 24 Apr 2019 alle 12:10pm

L’artrite è una patologia reumatologica che causa dolorose infiammazioni alle articolazioni che rendono difficili anche le attività quotidiane più semplici come il vestirsi e il mangiare. Ebbene, a proposito di alimentazione, esistono alcuni cibi che possono essere assunti per cercare di marginare il dolore, altri invece che devono essere del tutto evitati, per non avere un aggravarsi della sintomatologia dolorosa.

Vediamo quali sono.

Se soffrite di una malattia reumatologica come nel caso dell’ artrite, dovete scegliere cibi a base di soia come il tofu e accompagnarli con broccoli, ciliege, agrumi e tè verde. Una dieta sana e variegata di questi alimenti vi aiuterà a ridurre il dolore a livello locale.

I cibi da evitare, invece sono:

1. GLUTINE Il grano, ad esempio, può causare infiammazioni anche nell’organismo di chi non soffre di celiachia: l’intestino disperde le tossine nel corpo, provocando dolore alle giunture.

2. LATTICINI La caseina, proteina a lenta digestione contenuta nei latticini, è nota per la sua capacità di creare infiammazioni nell’organismo, fa sì che sia meglio evitare di mangiare il latte e i suoi derivati.

3. OLIO L’olio, di qualsiasi provenienza è uno degli alimenti più difficili da evitare nella dieta abituale ad alto contenuto in moltissimi alimenti. Gli olii in eccesso non sono salutari per chi soffre di artrite a causa dell’elevata concentrazione di acidi grassi omega-6.

4. CIBO SPAZZATURA Il cibo spazzatura deve sempre evitato: a maggior ragione per chi soffre di infiammazioni muscolari dovute all’artrite.

5. FRITTURE E GRIGLIATE Alcune tipologie di cottura, come la frittura o la griglia, sprigionano tossine che scatenano la risposta autoimmune dell’organismo: in questo caso riescono ad riacutizzare i dolori articolari.

6. ALCUNE VERDURE Le verdure che contengono alti dosaggi di solanina hanno un impatto negativo sui sintomi di chi soffre di artrite: evitare di mangiare melanzane, peperoni, patate e pomodori.

7. ZUCCHERO Evitare di fare un abuso di zuccheri, in quanto anche essi possono accentuare le infiammazioni e i sintomi dolorosi.

8. CARBOIDRATI RAFFINATI I carboidrati integrali andrebbero preferiti a quelli bianchi sia per l’indice glicemico che per il contenuto di nutrienti. Inoltre, una dieta troppo ricca di carboidrati raffinati aumenta le probabilità di incorrere in sovrappeso e obesità, altri fattori in grado di peggiorare i dolori articolari.

9. TABACCO Il consumo di tabacco, anche se non riferito ad un alimento, è un altro fattore di rischio per la salute in generale. Secondo alcuni studi fumare sarebbe uno dei maggiori fattori scatenanti dell’artrite reumatoide.

10. ALCOOL Lo stesso dicasi per il consumo di alcolici aumentano il rischio di contrarre gotta, malattia che causa infiammazioni in tutto l’organismo.

Dolore alle mani, come combatterlo con esercizi fai da te

Pubblicato il 28 Gen 2017 alle 10:57am

Il dolore alle mani non dipende soltanto dall’età, dall’artrosi e dall’artrite. Molto spesso, sono anche i giovani a soffrine. Vuoi per l’utilizzo esagerato di tablet, pc, e dispositivi elettronici, che mettono a rischio la salute del tunnel carpale, vuoi coloro che svolgono ogni giorno un lavoro ripetitivo, in ufficio al computer, in fabbrica vicino a qualche macchinario o che compiono lavori manuali, in casa, in cucina, ecc. (altro…)

C’è un legame tra gengivite e artrite reumatoide

Pubblicato il 19 Ott 2012 alle 8:07am

Le gengive infiammate possono peggiorare l’artrite e viceversa. Ad affermarlo, è uno studio condotto dall’Università di Adelaide e pubblicato dal Journal of Clinical Periodontology. (altro…)

Un nuovo test può predire l’artrite prima della comparsa dei dolori

Pubblicato il 22 Mag 2012 alle 10:08am

E’ stato sviluppato un nuovo test capace di predire l’artrite prima che le giunture comincino ad essere doloranti. In particolare, il merito sarebbe di una ricerca che è stata condotta dalla University of Missouri, la quale si è concentrata sulle osteoartriti, ovvero la più diffusa forma di artrite.

Usando degli specifici biomarcatori, si legge infatti sulla rivista ”Journal of Knee Surgery”, questo nuovo esame, si svolge prelevando con una siringa un piccolo campione di fluido dalle giunture come si fa con un prelievo ematico. Ebbene esso permette di dire con accuratezza se un paziente sta sviluppando artrite e quanto grave essa possa diventare.

Tale metodo è al momento in fase di valutazione da parte dell’Fda.

Estratto di Ginko Biloba riduce infiammazioni e dolore

Pubblicato il 02 Mag 2011 alle 11:03am

L’estratto di Ginko Biloba può essere usato come medicina naturale per ridurre dolori acuti ed alcuni tipi di fiammazione. (altro…)