donne

Osteoporosi, in Sicilia mezzo milione di donne affette da questa malattia delle ossa

Pubblicato il 13 Mag 2018 alle 6:25am

“In Sicilia si verificano oltre 19.000 fratture da fragilità all’anno – a spiegarlo è Giulia Letizia Mauro, direttore Uoc di Riabilitazione del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo – e le terapie innovative, come gli anticorpi monoclonali, determinano una diminuzione significativa del rischio di frattura a livello vertebrale, non vertebrale e femorale. Queste terapie, grazie a una semplice modalità di somministrazione, migliorano la persistenza al trattamento, che è il vero problema delle patologie croniche come l’osteoporosi. La mancata aderenza alla terapia, con una percentuale di abbandono che sfiora il 50 per cento, è uno dei motivi per cui molte donne, se pur trattate, si fratturano”. (altro…)

Occhio secco a soffrirne sono più le donne. Prevenzione gratuita dal 2 al 31 Maggio

Pubblicato il 29 Apr 2018 alle 7:29am

Occhi che bruciano, lacrimazione, bisogno di lavarsi e strofinarsi gli occhi, difficoltà ad aprirli spontaneamente al mattino, presenza di una secrezione mucosa e filamenti. Sono questi i sintomi della ‘sindrome dell’occhio secco’, che colpisce in prevalenza le donne, in rapporto di 2 a 1, e che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito “tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna”.

Il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS), in collaborazione con l’Università dell’Insubria di Varese promuove dal 2 al 31 maggio il ‘Mese della diagnosi e della prevenzione dell’occhio secco’, durante il quale si potranno fare esami e visite gratuite, nell’ambito di una Campagna che coinvolge 14 Centri in tutto il territorio nazionale, da Milano a Catania, da Padova a Lecce.

Per saperne di più, scegliere la struttura medica più vicino a te, visita il sito web www.centroitalianoocchiosecco.it

BRAVA! dall’11 aprile su Rai premium, condotto da Roberta Capua

Pubblicato il 11 Apr 2018 alle 6:12am

Roberta Capua conduce “BRAVA!”, il nuovo programma di Rai Premium in cui trovano spazio nuovi volti e nuove storie, donne e uomini che vogliono crescere e migliorare, un programma davvero “senza confini”, grazie anche alle immagini e ai servizi dei nostri filmaker e inviati in tutto il mondo.

“BRAVA!” è un talk-magazine di costume, società e intrattenimento, con una strizzatina d’occhio alla cultura e l’approfondimento. Ogni ospite avrà una storia interessante da raccontare, un valore speciale da approfondire. In ogni puntata tutti gli ospiti verranno trasversalmente coinvolti in temi attuali. Sarà presente anche la comicità, non fine a se stessa ma legata alla vita vera.

RAI PREMIUM BRAVA! – IL Mercoledì in seconda serata dal 11 aprile al 13 giugno

Visite gratuite alle donne negli ospedali di Monza e Desio nella settimana (H)Open Week

Pubblicato il 04 Apr 2018 alle 12:41pm

Torna anche quest’anno negli ospedali di Monza e Desio la settimana (H)Open Week con visite, consulti clinici, diagnostici e informativi gratuiti per tutte le donne. (altro…)

Giornata mondiale Endometriosi: uno sguardo positivo verso il futuro grazie alla procreazione medicalmente assistita

Pubblicato il 24 Mar 2018 alle 5:45am

Il mese di Marzo è il mese della consapevolezza dell’endometriosi che quest’anno culminerà oggi, sabato 24 con la Giornata Mondiale, istituita per sensibilizzazione della popolazione sulla malattia. (altro…)

Scoperta cura con ormone del sonno efficace contro l’ovaio policistico

Pubblicato il 11 Feb 2018 alle 6:09am

Un ormone italiano ha scoperto, grazie a uno studio pubblicato sulla rivista scientifica, Reproductive Sciences, una nuova terapia a base di melatonina per curare la sindrome dell’ovaio policistico. (altro…)

Donne del cinema italiano si uniscono contro le molestie, esprimendo il loro “Dissenso comune”

Pubblicato il 03 Feb 2018 alle 6:01am

Le donne del cinema italiano si mobilitano contro le molestie e firmano una lettera consegnata a Repubblica.it, per rendere pubblico il loro “dissenso comune” dopo il caso Weinstein. Ad aderire a tale iniziativa sono 124 donne dello spettacolo, da Ambra Angiolini a Paola Cortellesi, da Sabrina Impacciatore alle sorelle Comencini e Rohrwacher.

“Non è la gogna mediatica che ci interessa. Il nostro non è e non sarà mai un discorso moralista”, scrivono.

“La molestia sessuale non ha niente a che fare con il gioco della seduzione – scrivono – Noi conosciamo il nostro piacere, il confine tra desiderio e abuso, libertà e violenza”.

Un testo, si legge alla fine della lettera, “che non vuole puntare il dito contro un singolo ‘molestatore’ ma l’intero sistema di potere”. Questo è il tempo “in cui noi abbiamo smesso di avere paura”.

Menopausa e sessualità: in arrivo il vibratore anti-age consigliato dalla medicina

Pubblicato il 24 Gen 2018 alle 7:16am

Il dott. Paolo Mezzana, chirurgo estetico e specialista di ringiovanimento vaginale e componente della Society of Aestetic Gynecology (Esag), ha messo a punto un vibratore anti-age che aiuterebbe le donne a riattivare i tessuti e a far ripartire la loro sessualità. Lo specialista intervistato da Adnkronos ha spiegato che i primi cinque prototipi sono stati sperimentati da 5 donne insieme a un gel, a base di centella asiatica e acido ialuronico, brevettato e prodotto da una ditta in Italia.

Ebbene, spiega lo specialista, “L’apparecchio produce una vibrazione a 100 hrz, una particolare frequenza che stimola la replicazione cellulare e la vascolarizzazione. Ma è una vibrazione che può anche produrre piacere. Ciò permette alle donne in menopausa di riprendere confidenza con il proprio corpo, un’attitudine che in questa fase della vita tendono a perdere, ma che ha un’importanza fondamentale per il benessere generale e per la funzionalità intima”. Inoltre, questo vibratore anti-age, aggiunge ancora Mezzana “emette una luce a bassa intensità, di colore rosso in grado di stimolare il rinnovamento dei tessuti. A questo si aggiunge la ionoforesi che permette il passaggio di un particolare tipo di corrente elettrica in grado di aumentare la permeabilità dei tessuti al gel anti-age a base di acido ialuronico e centella asiatica utilizzato insieme l’apparecchio”.

Ma non solo. Si tratterebbe inoltre del primo sex toy con la certificazione Ce medicale, in vendita proprio come un normale apparecchio di cura medica. Infatti, una volta entrato in commercio il vibratore anti-age, realizzato in silicone medicale, sarà affidato a medici specialisti in patologie del pavimento pelvico che prescriveranno degli esercizi e potranno controllare l’efficienza dell’apparecchio attraverso un sistema bluetooth.

Il suo costo? Circa 500 euro. Ma assicura l’esperto, questo apparecchio permette alle donne che hanno avuto problemi fisiologici o legati a tumori, di ritrovare una funzionalità intima dopo la menopausa.

Lotta alla Sclerodermia, colpisce soprattutto le donne, firmato accordo tra Gils & Anmar

Pubblicato il 22 Gen 2018 alle 7:00am

Carla Garbagnati Crosti (Presidente GILS) e Silvia Tonolo (Presidente ANMAR), che unendo le forze hanno firmato un protocollo d’intesa per realizzare tempestivamente sul territorio nazionale progetti di scopo che vedono le due associazioni coinvolte. (altro…)

Aborto: per la prima volta sceso sotto i 60 mila per le donne italiane

Pubblicato il 14 Gen 2018 alle 6:41am

pillola abortiva E’ in netta diminuzione il valore delle interruzioni di gravidanza volontarie, che per la prima volta è sceso sotto le 60.000 unità per le cittadine italiane. Emerge inoltre, dai dati raccolti dalla relazione annuale del Ministero della Salute sull’applicazione della Legge 194 del 1978, che l’andamento in calo seguirebbe la tendenza degli ultimi tre anni, anche se di minore entità rispetto al 2014 e al 2015.

Il dato è stato fornito dalla Relazione e riguarderebbe il 2016 ma la rilevazione sarebbe stata fatta anche fino all’ottobre 2017 per la completezza dei dati.

Il numero di aborti eseguiti dalle Regioni è stato di 84˙926, in calo del 3.1% rispetto al valore rilevato nel 2015, anno in cui fu registrato un -9.3%. Dato più che dimezzato rispetto ai 234˙801 del 1982, anno in cui fu riscontrato il valore più alto in Italia.

Il rapporto di abortività, ossia il rapporto tra il numero di aborti volontari su 1000 nati vivi, è di 182.4, con un decremento dell’1.4% rispetto al 2015, quando il valore fu di 185.1. Da considerare inoltre, che in questi due anni i nati sono scesi a 7.910 unità.

Le ragazze italiane ricorrono sempre meno all’interruzione volontaria di gravidanza, tra le minorenni, infatti il tasso di abortività per il 2016 è stato pari a 3.1 per 1000. Valore rimasto uguale a quello del 2015, ma in netta diminuzione rispetto agli anni passati, con livelli più elevati nell’Italia centrale.

Altre notizie

Archivio notizie

giugno: 2018
lun mar mer gio ven sab dom
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930