famiglia

Fabrizio Frizzi, ancora ricoverato in ospedale. La famiglia chiede il massimo riserbo

Pubblicato il 29 Ott 2017 alle 12:03pm

La famiglia Frizzi ringrazia “il pubblico, gli amici e la Rai per il grande affetto e l’attenzione dimostrata per le condizioni di salute di Fabrizio”. (altro…)

Papa replica alle accuse di eresia: “La teologia dell’Amoris Laetitia è quella di San Tommaso D’Aquino”

Pubblicato il 30 Set 2017 alle 5:50am

Papa Francesco replica a quanti della chiesa lo accusano di eresia. (altro…)

George Clooney pronto a tornare negli Usa insieme alla moglie e ai gemellini

Pubblicato il 09 Lug 2017 alle 6:20am

George Clooney sarebbe pronto a tornare con la moglie Amal e i due gemelli appena nati negli Stati Uniti per ragioni di sicurezza. Secondo quanto riportato da una fonte ai media Usa, l’attore 56enne ritiene che “la campagna inglese non sia sicura per loro dopo la serie di attacchi terroristici in Gran Bretagna, e preferisce tornare a Los Angeles, in California”. (altro…)

Casella, palazzina a fuoco: padre, madre e figlio si gettano dalla finestra, sono gravissimi

Pubblicato il 22 Apr 2017 alle 9:57am

E’ accaduto a Casella in un appartamento di via Mandelli al civico 3.

In questa casa dormivano tre persone: madre, padre e figlio di otto anni. Sorpresi dalle fiamme hanno deciso di lanciarsi nel vuoto per mettersi in salvo, e scappare dalle fiamme e dal fumo della propria abitazione posta al secondo piano dello stabile.

L’esito è stato veramente drammatico: l’uomo e il bambino sono in condizioni gravissime. Il primo è ricoverato all’ospedale San Martino ed è in coma. Il secondo, presenta fratture e traumi multipli ed è ricoverato al Gaslini.

La donna è la meno grave, si trova al reparto ustioni di Villa Scassi di Sampierdarena.

Sul posto sono accorsi molti soccorritori: i vigili del fuoco del distaccamento di Busalla, quelli della centrale di Genova, con dispositivi autoprotettori per addentrarsi nella palazzina invasa ormai da fumo e uomini della Protezione civile.

L’edificio è completamente distrutto. Le fiamme si sono propagate da sopra a sotto, sino al tetto.

Ancora ignote le cause dell’incendio. E’ possibile, però che la famiglia abbia acceso l’impianto di riscaldamento e un malfunzionamento abbia provocato lo scoppio.

La donna pochi minuti prima aveva chiesto aiuto ai vigili del fuoco con una telefonata, dicendo: «Correte, qui brucia tutto». Quando i pompieri sono giunti sul posto, l’edificio, di due piani e con un bar al pianterreno, è crollato rischiando di travolgere i vigili del fuoco che sono riusciti appena in tempo a mettersi in salvo.

Sempre la madre, dopo aver dato l’allarme al telefono ai vigili del fuoco, avrebbe anche provato a calarsi dalla finestra con una corda, portando con sé il figlio di 8 anni, poi caduto nella discesa. Il padre, invece, successivamente, si sarebbe letteralmente lanciato nel vuoto per mettersi in salvo.

(Foto dalla pagina Facebook di Mario Cani)

Ocse: italiane tra le prime per la cura della famiglia, ma i mariti non collaborano

Pubblicato il 05 Mar 2017 alle 9:43am

Secondo una recente ricerca condotta dall’Ocse, le donne italiane dedicano in media 5 ore al giorno alla cura della casa e della famiglia, piazzandosi al quarto posto della classifica dei Paesi Ocse. (altro…)

Family Day 2016, Alfano “Con la mente e con il cuore lì”

Pubblicato il 31 Gen 2016 alle 6:57am

Non era presente, il ministro dell’Interno, Angelino Alfano per i suoi impegni istituzionali, al Family Day 2016, la mobilitazione che si è tenuta ieri contro il ddl Cirinnà sulle unioni civili.

Ma come lui stesso ha sottolineato, affidando il suo pensiero a Twitter e parlando di «adesione piena agli obiettivi della manifestazione» era lì con «mente e cuore».

A pochi minuti dall’inizio del concentramento dei manifestanti al Circo Massimo, ha ribadito il concetto incontrando al Viminale l’organizzatore dell’evento, Massimo Gandolfini, affiancato dal ministro alla Famiglia, Enrico Costa, esponente del suo stesso partito, fresco di nomina nell’esecutivo.

Il Ncd, ricordiamo è da sempre schierato contro l’equiparazione tra coppie di fatto e famiglia tradizionale tanto da annunciare battaglia in aula contro il decreto, soprattutto nella parte relativa alla cosiddetta stepchild adoption, la possibilità, per le coppie omosessuali, che un convivente adotti legalmente il figlio naturale del partner.

Festa Santa della Famiglia, Papa: “Camminare insieme, avere una stessa meta da raggiungere”

Pubblicato il 27 Dic 2015 alle 12:22pm

“Non perdiamo la fiducia nella famiglia!”. Questa l’esortazione del Santo Padre di oggi in occasione della celebrazione in San Pietro del “Giubileo delle Famiglie”, primo appuntamento liturgico dell’Anno Santo Straordinario della Misericordia.

“Affido a tutte voi, care famiglie – ha detto il Papa – questa missione così importante, di cui il mondo e la Chiesa hanno più che mai bisogno”.

“In questi giorni, tanti si sono messi in cammino per raggiungere la Porta Santa aperta in tutte le cattedrali del mondo e anche in tanti santuari. Ma la cosa più bella è che tutta la famiglia compia il pellegrinaggio. Papà, mamma e figli, insieme, si recano alla casa del Signore per santificare la festa con la preghiera”.

Papa Francesco ha ricordato l’episodio del pellegrinaggio a Gerusalemme di Maria e Giuseppe con il piccolo Gesu’.

“E’ un insegnamento importante – ha continuato Francesco – che viene offerto anche alle nostre famiglie. Quanto ci fa bene pensare che Maria e Giuseppe hanno insegnato a Gesu’ a recitare le preghiere! E sapere che durante la giornata pregavano insieme; e che poi il sabato andavano insieme alla sinagoga per ascoltare le Scritture della Legge e dei Profeti e lodare il Signore con tutto il popolo”.

Infine il Papa suggerisce ai genitori, di benedire con un segno della croce, ogni mattina i propri figli, per affidarli al Signore.

Durante l’Angelus Francesco si sofferma ancora a lungo sull’importanza della famiglia, sulla gioia dello stare insieme, sul rispetto reciproco senza individualismi.

Il Papa apre i lavori del sinodo sulla famiglia: ‘No a compromessi. Qui non è un Parlamento’

Pubblicato il 05 Ott 2015 alle 10:45am

Al via oggi il sinodo sulla Famiglia che secondo papa Francesco deve parlare con franchezza e non scendere a compromessi. Ai lavori vi partecipano 270 vescovi provenienti da ogni parte del mondo. (altro…)

Al via il sinodo di Francesco sulla famiglia con tante novità

Pubblicato il 04 Ott 2015 alle 6:04am

Con la messa di questa mattina tenuta in San Pietro, presieduta dal santo padre, si apre la XIV assemblea ordinaria del sinodo e che vede da domani, la lettura dei testi introduttivi da parte del cardinale, segretario Lorenzo Baldisseri e dal cardinale relatore generale Peter Erdo. Inizieranno così anche le discussioni nella sala sopra l’aula Paolo VI.

Tre settimane di confronto che si preannuncia serrato, con particolare riguardo alla terza parte dell’Instrumentum laboris, la famiglia, la comunione per i divorziati, i legami omosessuali, la contraccezione, che negli ultimi mesi è stata al centro di confronti tra teologi.

Saranno 318 le persone che avranno diritto di parlare durante i lavori del sinodo. I padri sinodali saranno 270, e tra loro anche cardinali, patriarchi, vescovi, rappresentanti degli ordini religiosi provenienti da ogni parte del mondo.

Papa Francesco, per la prima volta, ha voluto anche due parroci, chiamati personalmente, entrambi italiani, invitati a portare le loro esperienze di periferia, le loro testimonianze: si tratta di monsignor Saulo Scarabottoli di Perugia e monsignor Roberto Rosa di Trieste. A loro si aggiungeranno poi 14 “delegati fraterni”, rappresentanti altre chiese cristiane, un’esperta e 17 uditori, scelti tra coppie di famiglie e genitori.

Pidocchi, l’importanza della comunicazione ai bambini

Pubblicato il 21 Set 2015 alle 3:34pm

Come ogni anno dopo l’inizio della scuola arriva la tanto temuta comunicazione della “scoperta dei pidocchi”. I pidocchi, spauracchio delle famiglie, non mancano mai, che si vada in colonia o al campeggio, fino ovviamente a scuola, dall’asilo alle superiori, loro ci sono sempre. Cerchiamo quindi di conoscerli meglio. (altro…)