Attenzione al primo sole: bimbi a rischio di scottature e melanomi, ecco come comportarsi

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 24 Apr 2014 alle ore 9:52am


Attenzione al primo sole, ovvero a quello che colpisce la pelle non ancora pronta ad accogliere i raggi solari, causando possibili scottature e melanomi soprattutto nei bambini.

Secondo un recente studio, infatti, condotto da un gruppo di ricercatori della Loyola University Health System, è fondamentale che i genitori usino precauzioni per proteggere la pelle dei loro piccoli, in quanto più delicata e non predisposta in questo periodo ad accogliere i raggi solari.

Così, la Fondazione Melanoma mette in guardia: “Diversi studi sulla correlazione tra intensa esposizione al sole e scottature durante l’infanzia e l’adolescenza hanno mostrato un rischio più che doppio di sviluppare il tumore in presenza di scottature in giovane età, mentre il nesso è meno chiaro in caso di ustioni dovute all’esposizione al sole in età più avanzata. È importante calcolare il proprio fototipo prima di esporsi al sole”.

Ecco allora alcuni consigli che gli esperti danno ai genitori:

1. Utilizzare una protezione solare ad ampio spettro (almeno 30).
2. Applicarla abbondantemente almeno 15 minuti prima dell’esposizione al sole.
3. Ripetere l’applicazione della crema solare almeno ogni 2-3 ore.
4. Indossare indumenti protettivi all’aperto, tra cui un cappello a tesa larga, una camicia a maniche lunghe, pantaloni e occhiali da sole con protezione UV.
5. Evitare di esporre i piccoli al sole nelle ore più calde, dalle 10 alle 14.
6. Evitare di farli prendere il sole prima di un viaggio.
7. Dare il buon esempio utilizzando per primi, una protezione solare ad indumenti protettivi.