pelle

Bicarbonato di sodio, un alleato naturale per la bellezza e la salute quotidiana

Pubblicato il 09 Mag 2019 alle 7:07am

Il bicarbonato di sodio è un ottimo alleato naturale per la salute e il benessere della pelle in generale. Ha un elevato fattore di esfoliazione, rimuove il sebo in eccesso e dilata i pori della pelle grazie alle sue proprietà antibatteriche. Una pasta di bicarbonato di sodio ottenuta con 3 parti di acqua e 1 di bicarbonato, posso aiutare a contrastare l’acne asciugando il sebo. Tuttavia, si raccomanda di non utilizzarlo a lungo per evitare il rischio di pelle secca.

Il bicarbonato, però, è efficentissimo anche per altri usi e rimendi naturali. Vediamo quali.

– Sbiancamento dentale

Cospargete del bicarbonato sullo spazzolino bagnato per ottenere un abrasivo dolce per i denti e rafforzare l’azione di spazzolatura della placca e promuovere lo sbiancamento dentale. Per una maggiore efficienza, è possibile combinare bicarbonato e dentifricio. Non superare un utilizzo a settimana, in quanto può essere troppo aggressivo quotidiano e danneggiare lo smalto dentale.

– Alitosi

Il bicarbonato di sodio può anche influire sull’igiene orale e far sparire l’alitosi. In veste di potente antibatterico naturale usato come collutorio, vi aiuterà ad eliminare le impurità combattendo i batteri responsabili dell’alito cattivo. Vi basteranno degli sciacqui di limone e bicarbonato. Facile, no?

– Scrub pelle

Grazie alla sua consistenza granulare, il bicarbonato se applicato sotto forma di pasta sulla vostra epidermide, eliminerà immediatamente le cellule morte e i pori ostruiti da punti neri. È efficace sia per la pelle grassa che mista.

– Pulizia, cura capelli

Se avete capelli grassi, potete aggiungere allo shampoo un pizzico di bicarbonato di sodio, ottimo rimedio naturale per lavare e pulire i capelli in modo sano ed efficace.

– Cattivo odore corporeo

Grazie agli agenti antibatterici e proprietà alcaline del bicarbonato di sodio si può proteggere l’organismo da germi e batteri, ed odori correlati a sudore. Facendo un bagno e aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato di sodio gli sarete più rilassati, puliti, e avrete anche una pelle più belle e luminosa!

– Unghie

Un preparato a base di bicarbonato e acqua, renderà le vostre unghie più bianche e brillanti.

– Deodorante naturale

Le proprietà antibatteriche del bicarbonato vi permetteranno anche di utilizzarlo come deodorante per ascelle, se mischiato a dell’acqua.

– Infezioni fungine unghie

Per difendervi da micosi, in palestre, piscine, associatelo con aceto di mele, egli effetti saranno potenziati.

Sviluppato gel iniettabile che rigenera muscoli e pelle danneggiati da incidenti stradali e interventi chirurgici

Pubblicato il 04 Mag 2019 alle 7:30am

Arriva un’importantissima scoperta scientifica. Cicatrici e ferite indelebili, muscoli danneggiati da incidenti stradali, interventi chirurgici andati male presto saranno solo un bruttissimo ricordo. Grazie ad un nuovissimo gel riparatore, che promette veramente miracoli per la pelle e muscoli danneggiati!

Un team di ricercatori di Baltimora, nel Maryland, ha annunciato ora un rivoluzionario gel iniettabile, in grado di rigenerare muscoli e pelle cancellando addirittura ogni traccia, ogni segno e ogni cicatrice lasciata sul corpo umano. La soluzione, testata per il momento solo su ratti e conigli, ma si è dimostrata essere veramente molto efficace ed esente da ogni effetto collaterale.

“Un grave danno all’epidermide – spiega Sashank Reddy, chirurgo ricostruttivo e responsabile dello studio – rappresenta per la medicina clinica un problema spesso insormontabile. I chirurghi possono trapiantare del tessuto prelevandolo da un’altra area del corpo, ma questo comporta dei traumi e l’inevitabile perdita di tessuto da un’altra parte del corpo. Oggi si utilizzano anche impianti sintetici, ma il sistema immunitario li combatte, lasciando comunque delle spesse cicatrici. Un’alternativa, efficace tuttavia soltanto sulle piccole ferite, sono i filler di acido ialuronico, ma questi sono inefficaci nella cura di danni complessi”.

Il gruppo di scienziati con a capo il professor Reddy ha trovato un modo per “fortificare” i gel, potenziando i collegamenti molecolari. Tale procedura risulta efficace, ma presenta ancora dei limiti, perché i pori che vengono a crearsi risultano esser tanto piccoli da impedire ai macrofagi e alle altre cellule di penetrare. La soluzione al momento è giunta per caso. Il team ha unito il gel ad un noto polimero biodegradabile, utilizzato per i punti di sutura solubili (polycaprolactone).

L’unione delle due molecole ha permesso di ottenere un composto gel che, nell’arco di poche ore, dava origine ad una vera e propria pelle dalla consistenza e resistenza in tutto e per tutto identica all’epidermide. Il gel al momento è stato testato con successo solo sui ratti e i conigli. Nelle cavie, si legge sulle pagine della rivista Science Translational Medicine, è stato possibile ricostruire blocchi di tessuto delle dimensioni di un dito umano.

Il nuovo gel è “scientificamente all’avanguardia”, commenta Ali Khademhosseini, bioingegnere all’Università della California, a Los Angeles e si spera possa superare i test della Food and Drug Administration degli Stati Uniti (Fda), ed essere utile anche per riparare tessuti molli con funzioni specifiche, come le cellule del muscolo cardiaco. Il composto, in questo caso, dovrà esser testato in laboratorio. Nel frattempo, però, gli scienziati hanno costituito una società, denominata LifeSprout, per commercializzarne il prodotto.

Psoriasi: oltre 2mln gli italiani che ce l’hanno

Pubblicato il 20 Apr 2019 alle 7:35am

La psoriasi è una malattia che colpisce il 3% della popolazione mondiale e nel 10-20% dei casi può presentarsi in forma grave o medio grave. In Italia soffre di questa patologia autoimmune circa il 3-4% della popolazione pari a circa 2,5 milioni di persone. “La psoriasi – spiega Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse (Sidemast) – è una malattia della pelle molto diffusa, e colpisce ad ogni età, dall’infanzia fino alla tarda età. Ha un andamento cronico con delle recidive, e si presenta prevalentemente con una forma che colpisce le superfici di ginocchia e gomiti o la testa, ma può apparire anche in altre parti del corpo”.

“È molto importante tener presente – aggiunge ancora lo specialista – che la psoriasi è una malattia sistemica con un coinvolgimento articolare molto frequente, ma spesso si associa anche ad una sindrome metabolica, ovvero l’aumento di peso e il rischio cardiovascolare aumentato, a fenomeni di tipo depressivo in alcune persone, e quindi il paziente va inquadrato nella sua interezza”. “La psoriasi è una malattia non infettiva né contagiosa – avverte Ketty Peris, direttore Dermatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma – ma è una malattia infiammatoria cronica, quindi mediata dal sistema immunitario. La forma più frequente, la cosiddetta psoriasi a placche che viene detta lieve quando prende meno del 10% della superficie corporea, moderata-severa quando ha un ‘Pasi’ (ovvero un sistema che si utilizza per valutare la gravità della malattia) maggiore di 10”.

“Oggi – afferma Francesco Cusano, presidente dell’Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi) – l’obiettivo principale è quello di perseguire con i farmaci moderni è di ottenere il cosiddetto Pasi 90, ovvero un miglioramento fino al 90% o del 100%, quindi una tenuta completamente pulita della pelle. In questo ambito gli ultimi ritrovati, tra cui il risankizumab che è un’anti-interleuchina 23, sembrano estremamente promettenti e fra pochi mesi quando saranno a disposizione di tutti, potranno sicuramente darci una grossa mano nell’ottenere grossi risultati permanenti e duraturi nel controllo di questa patologia”.

Cellulite, quale sport può eliminarla?

Pubblicato il 25 Mar 2019 alle 10:51am

La cellulite è un disturbo della pelle e circolatorio che accomuna moltissime donne di diverse età: per poter contrastarlo è necessario intervenire su più cose. Praticare uno stile di vita sano, evitare di indossare e, soprattutto, evitare di stare troppe ore sedute o in piedi. Tra le attività da fare c’è senz’altro anche lo sport. Che è in grado di tonificare il corpo e ridurre la ritenzione idrica, tra le principali cause della cellulite. (altro…)

Creme solari, arrivano nuove regole per riconoscere quelle sicure

Pubblicato il 01 Mar 2019 alle 11:09am

Come scegliere la crema solare? Oggi, più che mai, siamo informati sui possibili danni causati dai raggi solari UVA e UVB. Il sole infatti può provocare scottature, eritemi e, peggio ancora, il melanoma, il terribile dei tumori cutanei. Per questo motivo, è di vitale importanza, scegliere sempre un prodotto di qualità, che possieda un buon fattore protettivo e che sia adatto per la nostra pelle. (altro…)

Per una pelle bellissima, ecco cosa mangiare

Pubblicato il 25 Feb 2019 alle 7:36am

Tè verde, curcuma, frutti rossi, frutta secca, semi di lino, cereali integrali e cioccolato crudo fondente, sono i 7 alimenti principali che possono contribuire a fare bella la nostra pelle. Mantenendola anche più giovane grazie ad effetti antiossidanti. A spiegarlo è la dottoressa Maria Teresa Viviano, responsabile di Dermocosmetologia dell’Idi di Roma. In generale, alla pelle fa bene un’alimentazione con pochi cibi che possono provocare infiammazione, ricca di vitamine e antiossidanti, meno di carboidrati raffinati, latticini e insaccati.

“Il cioccolato fondente crudo – evidenzia l’esperta – e’ ricco di polifenoli, ha un’azione antiossidante e antiradicalica. Si trova anche in polvere, con la quale si possono realizzare dolci con farina integrale, uova e zucchero grezzo”.

Il germe di grano, sotto forma di pane e pasta integrale, ha la vitamina E, e il te’ verde e’ ricco di polifenoli, in particolare l’epigallocatechingallato, con azione anti tumorale e anti- infiammatoria. Nonché, un’azione drenante sul microcircolo che può essere utilizzato per lo schiarimento naturale delle occhiaie grazie anche ad un’azione sinergica data dalla vitamina k.

La curcuma poi, ha un’azione antinfiammatoria. “Ha il problema però – sottolinea Viviano – di essere poco assimilabile. Per assorbirla si può accostare a olio d’oliva, avocado, salmone. E si attiva con piatti caldi, come zuppa di legumi o uova”. Infine, la pelle, in base all’età ha bisogno di cure diverse. Nei giovani, con acne e dermatite seborroica, meglio evitare carboidrati raffinati, mangiare meno latticini ed evitare integratori per lo sport e energy drink. In età adulta, l’ideale e’ una dieta ricca di vitamina E a base di mandorle, avocado, spinaci. Poi vitamina c che la si trova negli agrumi, nel kiwi, nelle fragole, nei peperoni e nei pomodori. Ottimi anche gli omega 3 del pesce azzurro e i carotenoidi, come carote, zucca, albicocche e il licopene del pomodoro, che hanno un effetto di stimolo sul collagene. Per la pelle matura luteina e reaxantina proteggono la pelle esposta al sole e aiutano a prevenire le macchie: si trovano in kiwi, uva, cavoli spinaci, zucchine.

Dermatologia bambini, al Meyer di Firenze, un laser all’avanguardia tutto per loro

Pubblicato il 04 Feb 2019 alle 5:00am

Il Meyer di Firenze ha investito su un laser tecnologicamente all’avanguardia in grado di curare i bambini che soffrono di problemi dermatologici e che, fino ad ora, erano costretti a rivolgersi a strutture private sul territorio o andare fuori regioni per curare la loro condizione di salute. (altro…)

Il tè fa bene alla salute, ma è perfetto se fatto con l’acqua in bottiglia. Ecco perché

Pubblicato il 21 Gen 2019 alle 6:57am

Il tè è buono e fa bene alla salute, parola di esperti. Ma se fatto con l’acqua in bottiglia è meno buono rispetto a quello fatto con acqua di rubinetto, ma contiene più sostanze benefiche. Ad affermarlo, un recente studio pubblicato dalla rivista scientifica Nutrients della Cornell University, secondo cui la differenza sta nel diverso contenuto di minerali tra le due acque.

I ricercatori hanno sottoposto a un panel di 100 persone un tè verde preparato nei due modi, verificando che quello preparato con acqua in bottiglia risultava essere più amaro nel gusto. Un’analisi del contenuto però ha evidenziato che nel tè fatto con acqua di rubinetto c’era una quantità dimezzata di epigallocatechina gallato, una sostanza antiossidante che protegge dai danni dei raggi Uv.

Il fenomeno, spiega Robin Dando, uno degli autori dello studio, è dovuto probabilmente alla minore presenza di calcio, ferro, magnesio, sodio e rame nell’acqua in bottiglia. “Un’acqua filtrata – spiega – riesce ad estrarre meglio la sostanza. Più pura è l’acqua migliori sono quindi i benefici per la salute”.

Il tè verde è una delle fonti maggiori di antiossidanti presenti in natura! L’azione antiossidante è utile per contrastare la formazione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. All’interno del tè verde troviamo infatti i polifenoli che sono più potenti della vitamina C e E.

Ricerca svela segreto della pelle più giovane

Pubblicato il 02 Gen 2019 alle 9:49am

E’stato svelato di recente il segreto di una pelle più giovane. Tutto dipenderebbe dalle cellule, chiamate fibroblasti, specializzate nella generazione di tessuto connettivo nel derma e rigenerazione dopo le ferite. Alcuni di esse, infatti, hanno la capacità di convertirsi in cellule adipose, dando alla pelle un aspetto giovanile e paffuto, producendo un peptide con ruolo chiave di combattere le infezioni cutanee. (altro…)

Pelle luminosa e bella con il savonage

Pubblicato il 31 Dic 2018 alle 7:44am

La soluzione per una detersione più accurata è semplice per la pelle si chiama savonage, una tecnica che arriva dal mondo mediorientale e che in Italia si può sperimentare negli hammam e nelle spa.

Il sapone è il primo ingrediente del savonage. Negli hammam si usa quello di Aleppo ma può andar bene qualsiasi altro tipo di sapone a patto che sia a base di oli naturali, tipo quello di Marsiglia, in in modo che pulisca l’epidermide in profondità senza seccarla eccessivamente. Il sapone va grattugiato e messo in una ciotola (ne bastano tre, quattro cucchiai) aggiungendo poi un cucchiaio di argilla: si unisce a poco a poco anche un po’ di acqua tiepida mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo.

Si lascia riposare il composto per circa dieci minuti, si aggiungono cinque, sei gocce di olio essenziale di alloro, rosmarino oppure eucalipto dall’azione purificante e con i loro aromi aiutano a rilassarsi a fondo.

Provare per credere, vi sentirete anche più rilassate!