Il formaggio riduce il rischio di diabete 2, ma attenti ad obesità e colesterolo

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 18 Set 2014 alle ore 6:38am


Secondo un recente studio, condotto dalla Lund University Diabets Center di Malmoe, l’assunzione di 8 porzioni di formaggio al giorno può ridurre la probabilità di ammalarsi di diabete di tipo 2 del 23%.

Ricerca che offre però, risultati sconcertanti, ed opposti alle raccomandazioni che vengono fatte dai nutrizionisti circa l’assunzione continuativa e giornaliera di latticini e derivati, perché essendo grassi se ne consiglia al massimo la consumazione di due porzioni.

Eppure, tale studio, che ha esaminato per 14 anni le abitudini alimentari di 27mila soggetti, di età compresa tra i 45 e i 74 anni di età ha scoperto che assumere 8 porzioni di formaggi al giorno può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 del 23%.

Coloro che invece consumano formaggi light, pare non guadagnino alcun beneficio, sia dal un punto di vista dei livelli di sensibilità rispetto all’insulina che di metabolismo del glucosio.

La capacità del formaggio di ridurre il rischio di diabete di tipo 2, secondo gli esperti sarebbe da attribuire alla presenza di acido linoleico.

Ma sempre secondo gli stessi, mangiare otto porzioni al giorno di formaggi grassi, favorirebbe obesità e colesterolo alto, in un lungo periodo.