Papa Francesco in riposta a Erdogan “rispetto dei diritti umani e libertà religiosa”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 29 Nov 2014 alle ore 11:59am


Papa Francesco ha chiesto alle autorità turche “l’impegno di costruire una pace solida, fondata sul rispetto dei fondamentali diritti e doveri legati alla dignità dell’uomo“.

Ed in risposta al presidente Erdogan, il pontefice ha sottolineato “Per questa strada si possono superare i pregiudizi e i falsi timori e si lascia invece spazio alla stima, all’incontro, allo sviluppo delle migliori energie a vantaggio di tutti”.

Poi il Santo Padre ha fatto presente che “è fondamentale che cittadini musulmani, ebrei e cristiani, tanto nelle disposizioni di legge, quanto nella loro effettiva attuazione, godano dei medesimi diritti e rispettino i medesimi doveri“.

Infine Bergoglio, continuando il suo discorso col governo turco ha concluso dicendo che “musulmani e cristiani, più facilmente si riconosceranno come fratelli e compagni di strada, allontanando sempre più le incomprensioni e favorendo la collaborazione e l’intesa. La libertà religiosa e la libertà di espressione, efficacemente garantite a tutti, stimoleranno il fiorire dell’amicizia, diventando un eloquente segno di pace”.