aprile 25th, 2016

Prince, non ha dormito per 154 ore di seguito. Ieri i funerali e la cremazione

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 11:27am

Maurice Philips cognato della celebre pop star Prince, rivela che l’artista non avrebbe dormito nelle ultime sei notti: “Ero con lui l’ultimo weekend: ha lavorato 154 ore di seguito”. A parlare è il marito della sorella del cantante, Tyka Nelson. (altro…)

Notre Dame de Paris lo spettacolo musicale più famoso al mondo. Ancora due date al Palapartenope, il 30 aprile e 1 maggio al PalaSele di Eboli

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 10:10am

Il nuovo tour italiano di Notre Dame de Paris, l’opera popolare moderna tratta dall’omonimo romanzo di Victor Hugo prodotta da David Zard, con le musiche di Riccardo Cocciante e le liriche di Luc Plamondon, adattate in italiano da Pasquale Panella, ha ripreso a marzo 2016 il suo viaggio musicale riscuotendo ancora tantissimo successo.

Ad ogggi, tappa dopo tappa il tutto esaurito. Come sta accadendo in questi giorni anche a Napoli, al Palapartenope di Napoli dove lo show di David Zard è già andato in scena dal 20 al 24 aprile.

Oggi e domani si replica, poi il 30 aprile e il 1 maggio lo spettacolo approderà anche al PalaSele di Eboli.

Gli organizzatori delle date campane FastForward Live e Anni 60 produzioni.

Notre Dame de Paris è uno spettacolo che torna in scena dopo 4 anni di pausa, con un cast straordinario, originale composto da Lola Ponce (Esmeralda), Giò Di Tonno (Quasimodo), Vittorio Matteucci (Frollo), Leonardo Di Minno (Clopin), Matteo Setti (Gringoire), Graziano Galatone (Febo) e Tania Tuccinardi (Fiordaliso) assieme al secondo cast e agli oltre 30 ballerini e acrobati.

Uno show che solo in Italia ha superato nel corso degli anni i 2.500.000 spettatori in circa 1000 spettacoli e si appresta a superare con il nuovo tour ogni record.

I prossimi appuntamenti in calendario:

– Napoli Palapartenope 25 e 26 aprile – Eboli PalaSele 30 aprile e 1 maggio – Conegliano Zoppas Arena dal 6 all’8 maggio – Firenze Mandela forum dall’11 al 16 maggio – Torino PalaAlpitour dal 19 al 22 maggio – Pesaro Adriatic Arena dal 26 al 29 maggio – Perugia PalaEvangelisti dal 3 al 5 giugno – Roma Il Centrale Live dal 9 giugno – Parma Piazza della Pilotta dal 3 luglio – Palermo Teatro di Verdura dal 15 luglio – Agrigento Teatro Valle dei templi dal 28 al 30 luglio – Cagliari dal 6 al 8 agosto – Torre del lago Gran Teatro all’aperto Giacomo Puccini dal 15 al 19 agosto – Chieti Anfiteatro La Civitella dal 24 al 27 agosto, Verona Arena di Verona dal 1 settembre – Palmanova dal’8 all’11 settembre – Genova dal 21 al 25 settembre – Acireale dal 17 al 20 novembre – Reggio Calabria Palacalafiore 25 e 26 novembre

I biglietti di Notre Dame de Paris sono in vendita sul circuito Ticketone.

Notre Dame de Paris ha già fatto tappa: dal 3 marzo al 3 aprile a Milano (Teatro LinearCiack), a Trieste al Politeama Rossetti dal 6 al 10 aprile, e al PalaFlorio di Bari dal 13 al 18 aprile. E’ uno spettacolo per tutta la famiglia che merita di essere visto anche più volte.

Rinite allergica, ne soffre il 12,5% degli italiani, ma il 64% non si cura come dovrebbe

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 9:45am

La rinite allergica (RA), uno dei disturbi cronici più diffusi in tutto il mondo.

Secondo la fotografia scattata da GfK Eurisko per Meda Pharma, sono oltre 6 milioni gli italiani che ne soffrono e, nonostante la maggioranza (64%) faccia uso di farmaci, non riesce a raggiungere un risultato soddisfacente dal punto di vista dei sintomi: quasi 8 su 10 (75%) considerano il disturbo molto o estremamente fastidioso e 1 su 2 (47%) lo reputa molto o estremamente fastidioso.

A soffrine: giovani (oltre il 50% è under 44 anni), con una leggera prevalenza al femminile (le donne colpite sono il 55% contro il 45% degli uomini) e quasi il 40% soffre del disturbo in modo cronico e persistente, con picchi in coincidenza della stagionalità pollinica (primavera e inizio autunno).

Dall’indagine emerge anche che i sintomi più frequenti sono: nasali (congestione e prurito per il 70% del campione, starnuti per il 63% e naso che cola per il 60%), oculari (prurito per il 46% e lacrimazione per il 42%) e respiratori, con ben il 36% dei sofferenti che riferisce difficoltà a inalare aria. Un dato questo molto preoccupante, alla luce del fatto che chi soffre di rinite e non si cura in modo appropriato corre anche un rischio fino a 1,5-4,5 più elevato di soffrire di complicanze gravi.

“Recenti studi clinici condotti su pazienti osservati nella loro quotidianità, dimostrano che l’utilizzo delle più innovative terapie e di nuovi strumenti per misurarne l’efficacia, possono offrire migliori prospettive di cura e gestione della patologia” – spiega iG.Walter Canonica, Presidente della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaac).

Medico di famiglia, assistenza garantita 16 ore, 7 giorni su 7

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 9:31am

Molto presto l’assistenza dei medici di base sarà garantita 16 ore e 7 giorni su 7 con gli studi aperti dalle 8 alle 24, mentre nelle ore notturne entrerà in campo il 118.

Non ci saranno più file estenuanti per pagare ticket e prenotare visite mediche specialistiche: si farà tutto direttamente dallo studio del proprio medico di famiglia.

La nuova organizzazione è prevista nell’Atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale, che il Comitato di settore Governo-Regioni ha approvato in questi giorni.

Un meccanismo che potrebbe portare anche maggiore trasparenza nella gestione delle liste d’attesa.

Non scuotere il neonato che piange, rischi gravissimi

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 8:34am

Quando un neonato piange, raccomandano gli esperti, di non scuoterlo per cercare di calmarlo perché altrimenti potrebbe ammalarsi della Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome).

Oggi i medici preferiscono la definizione Abusive Head Trauma (AHT), trauma cranico conseguente a un abuso.

I bambini che presentano questa tipologia di sindrome possono presentare vomito, convulsioni e danni neurologici che possono portare fino al coma se non addirittura alla morte. A lungo termine presentare difficoltà di apprendimento, cecità, disturbi dell’udito, della parola, epilessia e paralisi.

Secondo un recente studio infatti, condotto in Scozia, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Svizzera, l’incidenza di AHT sarebbe di 14,7-38,5 ogni 100mila bambini.

Il 25-30% dei bambini vittime dello scuotimento non riesce a vivevre, solo il 15% sopravvive senza riportare conseguenze drammatiche.

In Italia la situazione è di 3 casi ogni 10mila bambini. La Società Italiana di Neonatologia (SIN) ha lanciato per questo una campagna di sensibilizzazione. Rivolta soprattutto a bambini tra i 4 e i 6 mesi perché hanno la testa più pesante rispetto al corpo.

A rischio i bambini con genitori troppo giovani, ragazze madri, famiglie con basso livello di istruzione e contesti in cui esistono episodi di violenza.

500 anni dalla pubblicazione de l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto

Pubblicato il 25 Apr 2016 alle 7:35am

Fu pubblicato per la prima volta il 22 aprile 1516, l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto. Corretto, riscritto, ampliato, fino all’ultima edizione risalente al 1532.

Un volume che diventa subito un best seller in tutto il mondo, tra i testi letterali più consigliati nelle scuole. Parla di immaginazione, feste e rituali dell’Italia ma anche dell’Europa.

Ora a distanza di cinque secoli, la Treccani ha deciso di dare alle stampe il volume “L’Orlando Furioso nello specchio delle immagini”.

Un percorso, un’opera, sotto la guida di Lina Bolzoni, che si snoda attraverso venti autorevoli saggi, ciascuno dei quali corredato da una galleria di illustrazioni, tese a ricostruire i modi in cui l’Orlando furioso, nel corso dei secoli, si è proiettato ed è penetrato negli oggetti della nostra vita quotidiana, ispirando danze, musiche, spettacoli, fino al punto da essere amato e conosciuto a memoria.

In occasione dei 500 anni dalla pubblicazione in diverse città si sono tenute mostre e celebrazioni varie.