Copasir, paura per l’Italia: “Terroristi Isis potrebbero arrivare dal mare”

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 15 Ago 2016 alle ore 8:53am

immigrazione

“Cresce oggettivamente il rischio che dei militanti possano fuggire in Europa anche via mare”.

Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, non ha dubbi: se “a lungo è stato altamente improbabile, se non impossibile che Daesh facesse viaggiare suoi affiliati sui barconi, esponendo ai rischi oggettivamente alti della traversata uomini su cui aveva investito in tempo e soldi”, oggi si è “in pieno caos, e nella fuga dalla Libia quelli che non sono diretti verso sud potrebbero anche decidere di tentare la carta del viaggio in mare verso l’Europa. Sono cani sciolti, gente allo sbando – prosegue Stucchi – poi si tratta di capire quali intenzioni ha chi dovesse davvero arrivare in questo modo: semplicemente far perdere le proprie tracce oppure voler continuare a ‘combattere’ in nome della propria causa?”.

La paura per l’Italia è dunque alta. Roma è la culla del cristianesimo. E le scritte sui muri della città libica strappata all’Is, per il presidente del Copasir “vanno lette nell’ottica della propaganda fatta da Daesh negli ultimi anni e negli ultimi mesi, soprattutto in Libia. Nel mirino c’è l’Occidente in genere con tutti i simboli che il sedicente Califfato intende abbattere, e Roma come culla della cristianità è un bersaglio come qualsiasi altra città degli ‘infedeli’”.