Al MUDEC– Museo delle Culture di Milano, il 13 settembre 2017 apre al pubblico la mostra intitolata “Egitto. La straordinaria scoperta del Faraone Amenofi II”, promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano.

Prima mostra archeologico/artistica ospitata al MUDEC di Milano e prima mostra monografica al mondo su questo faraone, vissuto tra il 1427 e il 1401 a.C. durante la XVIII dinastia e spesso rimasto in ombra a causa della fama del padre Thutmosi III.

La mostra, tramite la figura del valoroso faraone Amenofi II e il periodo in cui visse (1427-1401 a.C.), ha lo scopo di presentare ai visitatori gli aspetti principali della civiltà dell’antico Egitto.

La vita del faraone viene infatti narrata attraverso l’esposizione di statue, armi, stele commemorative e evocazioni dell’Egitto di cui egli fu eroico protagonista. La sua instancabile attività militare ed edilizia e i paesaggi egiziani vengono evocati virtualmente attraverso esperienze immersive nelle atmosfere nilotiche. La vita quotidiana delle classi sociali più vicine alla corte viene illustrata attraverso oggetti legati alla moda e alla cura del corpo, che mostrano il livello tecnologico e sociale raggiunto fin da quell’epoca egiziana.

A seguire, il visitatore avrà la possibilità di poter visitare una sezione che, attraverso il tema delle concezioni funerarie, lo porterà a spunti di riflessione sulla durata e complessità della civiltà egizia.

Infine la mostra, offrirà anche un’esperienza unica e irripetibile. Darà la possibilità di entrare nella sala a pilastri della tomba di Amenofi II e vivere così, la sensazionale scoperta archeologica di questa sepoltura nella Valle dei Re tramite i documenti originali dell’archeologo, scopritore, Victor Loret, oggi di proprietà dell’Università Statale di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.