Super batteri, testato con successo un nuovo antibiotico in grado di annientarli

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 30 Ott 2018 alle ore 6:07am

Ha avuto parere positivo, dopo una sperimentazione condotta su centinaia di pazienti, un nuovo antibiotico in grado di agire come un cavallo di troia, penetrando con un “trucco” nei batteri patogeni più temuti, quelli multiresistenti a diversi antibiotici oggi in uso: è il risultato a cui si giunto un trial clinico, reso noto sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.

Il nuovo farmaco si chiama “cefiderocol” e sembra essere in grado di annientare infezioni da Pseudomonas aeruginosa, Acinetobacter baumannii, Enterobacteriaceae.

Lo studio in questione, condotto da Simon Portsmouth, della Shionogi Inc, in Usa, coinvolgendo 448 adulti ospedalizzati per gravi infezioni del tratto urinario. Confrontato con la cura classica a base dell’antibiotico Imipenem insieme a Cilastatina, il nuovo farmaco ha mostrato di essere ben tollerato ed efficace contro infezioni multiresistenti. Il segreto del cefiderocol è in un piccolo “vettore” del ferro di cui i batteri hanno bisogno per sopravvivere.

I batteri resistenti ai normali antibiotici non lasciano penetrare queste medicine al loro interno ed hanno anche sviluppato sistemi di espulsione dei principi attivi in uso. Il cefiderocol, riesce a penetrare le roccaforti batteriche proprio perché trasporta il ferro e i patogeni lo lasciano entrare “ingannati” da questa sua funzione. Attualmente sono in corso altre sperimentazioni con cefiderocol, sia su pazienti con polmonite, che su altre gravi infezioni ospedaliere, i cui risultati arricchiranno le conoscenze sulle potenzialità di questo nuovo farmaco.