agosto, 2019

​Scarlett Johansson è l’attrice più pagata al mondo: 56 milioni di dollari secondo Forbes

Pubblicato il 29 Ago 2019 alle 6:46am

Scarlett Johansson è l’attrice più pagata al mondo per il secondo anno consecutivo. A comunicarlo la rivista statunitense Forbes, che pubblica la Top ten delle attrici più retribuite al mondo. (altro…)

Le Vibrazioni: aperte iscrizioni al bando per suonare con l’orchestra “Sesto Armonico” del Maestro Peppe Vessicchio nel nuovo tour

Pubblicato il 29 Ago 2019 alle 6:00am

Sono aperte le iscrizioni al bando per suonare con l’Orchestra “Sesto Armonico” del Maestro PEPPE VESSICCHIO nel nuovo tour “LE VIBRAZIONI IN ORCHESTRA DI E CON PEPPE VESSICCHIO” della rock band LE VIBRAZIONI nei più importanti teatri d’Italia.

Il tour partirà il prossimo 11 novembre dal Teatro Golden di Palermo, e vedrà per la prima volta il rock di una delle più longeve e attive band del panorama musicale italiano incontrare la musica classica: uno spettacolo unico, in cui Le Vibrazioni presenteranno tutti i loro più grandi successi in una chiave inedita, con nuovi arrangiamenti ideati e realizzati per l’occasione dal Maestro PEPPE VESSICCHIO.

Il bando per le selezioni è disponibile al seguente link: www.musicalchairs.info/it/competitions/2005?ref=19.

È possibile iscriversi entro il 1 ottobre.

Queste le date del nuovo tour de Le Vibrazioni:

11 novembre – Teatro Golden – PALERMO

12 novembre – Teatro Impero – MARSALA (TP)

13 novembre – Teatro Metropolitan – CATANIA

15 novembre – Teatro Rendano – COSENZA

18 novembre – TeatroTeam – BARI

20 novembre – Teatro Augusteo – NAPOLI

27 novembre – Teatro Tuscanyhall – FIRENZE

29 novembre – Teatro Colosseo – TORINO

2 dicembre – Teatro EuropAuditorium – BOLOGNA

5 dicembre – Gran Teatro Geox – PADOVA

10 dicembre – Teatro Nazionale – MILANO

12 dicembre – Auditorium Parco della Musica (Sala Sinopoli) – ROMA

I biglietti dei concerti sono disponibili in prevendita online sul sito di TicketOne (www.ticketone.it) e in tutti i punti vendita autorizzati. Per la data di Cosenza, invece, i biglietti sono disponibili in prevendita su InPrimaFila (www.inprimafila.net), mentre quelli per la data di Padova su Ticketmaster (www.ticketmaster.it).

Il tour è prodotto da 432, Color Sound e Therea Omnis.

Tra i brani che saranno proposti nei concerti de “Le Vibrazioni in orchestra di e con Peppe Vessicchio”, anche l’ultimo singolo “L’amore Mi Fa Male”, prodotto da 432 e distribuito da Artist First, attualmente in rotazione radiofonica e disponibile su tutte le piattaforme digitali (https://artistfirst.lnk.to/LAmoreMiFaMale).

Quirinale, convocazione di Conte per la formazione del governo Giallo – Rosso. Le consultazioni di oggi

Pubblicato il 28 Ago 2019 alle 8:31pm

Poco fa l’annuncio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha convocato per domani l’ex premier Giuseppe Conte al Quirinale, alle ore 9.30 per dare il via ad un nuovo governo a guida Giallo – Rosso, di cui sarà premier, come indicato e voluto anche dall’Europa e da Trump. (altro…)

Inquinamento, respirare aria di città e come fumare un pacchetto di sigarette

Pubblicato il 28 Ago 2019 alle 6:41am

Respirare aria inquinata nelle nostre città può provocare seri danni ai polmoni. Come fumare un pacchetto di sigarette al giorno. È questo in estrema sintesi il risultato che emerge da uno studio condotto dall’Università di Washington negli Usa.

Dati questi che potrebbero spiegare perché sempre più spesso non fumatori stanno avendo problemi ai polmoni, tra i quali anche il tumore.

Lo studio in questione si è concentrato soprattutto sull’enfisema polmonare. Patologia cronica e progressiva, che porta a un graduale peggioramento della funzionalità dell’apparato respiratorio.

Saltare su tappeti elastici può essere pericoloso, ecco perché

Pubblicato il 28 Ago 2019 alle 6:34am

A tutti i bambini piace tanto saltare su tappeti elastici e in estate, nelle aree dei giochi gonfiabili, i cosiddetti «saltarelli» sono super gettonati. E anche nei prati davanti a casa sempre più spesso si vedono i trampolini da giardino. I genitori guardano orgogliosi le piccole acrobazie dei figli, e qualcuno si chiede: ma sono pericolosi? La risposta, è sì. Ma con una guida e indicazioni corrette il rischio di incidenti si può contenere. E soprattutto si possono sfruttare i benefici offerti da un’attività divertente, ottimale nella gestione dell’equilibrio dinamico, quello che serve per andare in bicicletta o sullo skate.

“Saltare fornisce un ottimo controllo motorio e migliora la propriocezione (la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio)” afferma Andrea Farnese, laureato in Scienze Motorie e Osteopata, membro della Commissione tecnica nazionale per l’attività sportiva giovanile del Coni. I rischi di infortunio sono sempre più elevati, nonostante si siano evoluti nel tempo materiali e sicurezza: la maggior parte degli incidenti consiste in distorsioni, strappi, rottura dei denti, ma anche fratture a gambe o caviglie, fino ad arrivare a delle lesioni alla colonna vertebrale o alle ginocchia. Sono abbastanza frequenti anche traumi ai tessuti molli, come morsicarsi involontariamente la lingua. Quel che preoccupa di più è però il rischio, di possibili danni neurologici irreversibili se il trauma interessa il midollo spinale.

I più esposti a questi incidenti sono i bambini più piccoli perché non sono ancora in grado di controllare il salto: dice l’esperto Farnese.

Dieci anni fa uno studio condotto dall’American Academy of Pediatrics ha evidenziato che in un anno, solo negli Usa, che i tappeti elastici hanno causato 100 mila infortuni, con 3.100 ricoveri in ospedale. Nel 75 per cento dei casi gli incidenti si sono verificati quando più di un bambino saltava sullo stesso trampolino, scontrandosi o finendo sul bordo rigido del tappeto saltellante. A conferma di quanto detto, i più piccoli vanno più spesso incontro a traumi. In termini di sviluppo motorio poi, l’equilibrio comincia a potenziarsi dagli otto anni, con un picco tra gli 11-12. Prima il rischio di farsi male è più elevato.

Tumore al pancreas, 15enne inventa test per diagnosticarlo precocemente

Pubblicato il 28 Ago 2019 alle 6:12am

Il tumore al pancreas si manifesta quando alcune cellule, in particolare quelle di tipo duttile, si moltiplicano senza alcun controllo. Vari sono i fattori che lo determinano. Innanzitutto il tabagismo. Nei fumatori è stato infatti rilevato che la possibilità di ammalarsi risulta essere tre volte superiore rispetto ai soggetti che non fumano. Pur non essendo ancora chiare le motivazioni e i dettagli, altri fattori comprendono il diabete di tipo 2 e alcune malattie rare genetiche, come ad esempio la sindrome di von Hippel-Lindau. Cause secondarie che tuttavia non possono essere escluse a priori sono l’assunzione smodata di caffè e di alcool, l’esposizione professionale a solventi di uso industriale o agricolo derivati dal petrolio e l’obesità. Purtroppo il tumore al pancreas in fase precoce non dà segni di alcun tipo.

I sintomi più evidenti si manifestano quando la neoplasia è ormai già estesa. Tra questi si ricordano una perdita di peso e di appetito, l’ittero, un dolore sordo nella parte superiore dell’addome o alla schiena, debolezza estrema, nausea e vomito frequente.

A donare una nuova speranza agli ammalati è Jack Andraka, un brillante quindicenne di Crownsville, nel Maryland (USA) che ha ideato un test per la diagnosi precoce, i risultati ottenuti dai suoi esperimenti in laboratorio, hanno dato un tasso di accuratezza vicino al 100%. L’idea è sorta in seguito alla prematura scomparsa di un suo amico. Facendo alcune ricerche Andraka si è reso conto che i metodi di rilevazione di questa neoplasia sono vetusti e costosi. Il primo passo del ragazzo, dunque, è stato quello di isolare una molecola come biomarcatore del tumore che si può individuare durante gli esordi della malattia. In un secondo momento ha trovato degli anticorpi sensibili a questa proteina e poi li ha legati tra di loro con una rete di nanotubi. A questo punto Andraka ha inviato la sua tesi a 200 ricercatori e tra questi, il direttore di un laboratorio della John Hopkins School of Medicine, gli ha dato l’ok. Il giovane è riuscito a creare, un dispositivo piccolissimo. Una sonda con astina di livello con carta da filtro che, se usata con uno strumento per misurare la resistenza elettrica, è in grado di rilevare precocemente il cancro.

Nasa, pietra su Marte dedicata ai Rolling Stones

Pubblicato il 28 Ago 2019 alle 6:00am

I Rolling Stones, uno dei gruppi rock più leggendari del mondo intero, tra i tanti riconoscimenti importantissimi ricevuti nel corso della loro lunghissima carriera musicale, ne hanno ricevuto uno molto particolare. Una dedica su Marte. La NASA infatti, ha dato il nome della band britannica a una roccia che stava letteralmente rotolando (infatti Rolling Stones, in italiano significa pietre rotolanti), scovata dalla sonda spaziale InSight.

Quando la sonda InSight è approdata sul pianeta rosso il 26 novembre 2018, i suoi propulsori, con il loro getto d”aria, hanno spostato la roccia di quasi un metro, rendendola letteralmente una pietra rotolante. Stando a quanto dichiarato dall’agenzia spaziale statunitense, è stato il più grande spostamento roccioso durante un atterraggio. Tuttavia, essa ha anche spiegato che Rolling Stones non è ancora un nome ufficiale, questo perché è l‘International Astronomic Union ad essere incaricata per l’assegnazione dei nomi per i posti e e gli oggetti del sistema solare, come pianeti, asteroidi ecc. Gli scienziati della NASA danno spesso soprannomi a rocce e ad altre caratteristiche geografiche per riuscire a distinguerle. Così “anche se il nome Rolling Stones non è ancora formale, comparirà comunque sulle mappe di Marte“, ha dichiarato l’agenzia in un comunicato.

George Clooney in Sardegna: “Pecorino e Mirto il mio elisir di giovinezza”

Pubblicato il 27 Ago 2019 alle 7:33am

George Clooney considera il mirto e il pecorino suoi elisir di giovinezza. Durante le riprese tenute ad Olbia per la serie «Catch-22», andata in onda su Sky Atlantic, sia lui che lo staff della Paramount sono stati omaggiati del tipico liquore sardo nel catering del set che era stato allestito dalla squadra del festival Mirtò: Nicola Mancini, l’ideatore, Salvatore Pinducciu e Giovanni Pirina. « Clooney è un amico di Mirtò – raccontano gli organizzatori dell’evento – ed è diventato un ottimo testimonial: non solo per le bellezze della Sardegna, ma anche le sue eccellenze agroalimentari, che hanno fatto breccia nel cuore dell’attore e regista». Il primo ‘amorè è stato il pecorino sardo, che ora Clooney punta ad importare negli Usa. Dopo averlo assaggiato in Sardegna dal pastore Peppino, ne avrebbe già spediti 32 chili a Los Angeles per farlo assaggiare ad amici e futuri clienti.

Ma la sua seconda passione è il mirto. In un’intervista al settimanale Oggi in occasione delle riprese della serie Sky all’aeroporto di Olbia, Clooney aveva raccontato anche «Adoro il pane Carasau! Ne mangerei a quintali. E poi il mirto: lo conosco da 20 anni, ma bevendolo tutti giorni per mesi, guardami: non mi ha fatto ringiovanire?», aveva scherzato con il giornalista.

Funghi alla crema di formaggio

Pubblicato il 27 Ago 2019 alle 6:32am

Ecco a voi una ricetta facile facile da preparare e gustare. Per un aperitivo con amici, un pranzo o una cena: Funghi con aggiunta di crema al formaggio.

Vediamo subito come prepararli e gustarli. INGREDIENTI per 2 persone:

– 1/2 litro di latte – 350g di Bel Paese Forma – 3 tuorli d’uovo – 4 cappelle di funghi porcini – olio

PREPARAZIONE:

1. Scaldare il latte e mettendoci dentro il formaggio Bel Paese Forma tagliato a cubetti. 2. Una volta sciolto il formaggio, aggiungervi dentro i tuorli d’uovo, continuando a riscaldare il tutto a bagnomaria. 3. Cuocere le cappelle dei funghi alla griglia salandole leggermente. 4. Adagiare sul piatto la crema di formaggio cosi ottenuta con aggiunte di funghi. Servire all’istante.

Ricerca scopre ruolo analgesico del partner

Pubblicato il 27 Ago 2019 alle 6:17am

Avere un partner può avere un effetto analgesico sulla nostra salute, lo dice ora anche la scienza. Non un amico qualsiasi, ma il proprio compagno di vita. Secondo uno studio infatti condotto dall’Università delle Isole Baleari e dell’Umit, l’Università di scienze della salute di Hall in Tirol, in Austria, avere un sostegno sociale (anche senza un contatto verbale o fisico nel particolare momento in cui si sperimenta la sofferenza) può comunque ridurre la percezione del dolore. I ricercatori hanno valutato la sensibilità al dolore da pressione di 48 coppie, con ciascun partecipante che è stato testato sia da solo sia in presenza del proprio partner.

Spagnoli e austriaci hanno poi somministrato loro un questionario per cercare di capire quale fosse stata la loro percezione del dolore. In presenza dei loro partner, uomini e donne hanno mostrato soglie di tolleranza del dolore più elevate. L’empatia del partner è stata positivamente associata alla tolleranza al dolore ed è stata inversamente associata alla stessa esperienza dolorosa. La ricerca è stata poi pubblicata sulla rivista scientifica Scandinavian Journal of Pain.