maggio, 2013

Roland Garros, Schiavone, Errani e Vinci, avanti tutta a Parigi

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 11:26pm

Prosegue la marcia delle tenniste italiane rimaste ancora in gioco al Roland Garros. Parliamo di Francesca Schiavone, Sara Errani e Roberta Vinci che riescono ad aggiudicarsi il passaggio rispettivamente al terzo turno e agli ottavi di finale.

La leonessa milanese impiega tre set per avere la meglio su Kirsten Flipkens che al turno precedente aveva battuto un’altra azzurra, Flavia Pennetta. 6-1, 4-6, 6-3 è il risultato finale a favore della Schiavone dopo oltre due ore e mezza di gioco. Il prossimo turno non sarà semplice per l’ex campionessa di Parigi che dovrà vedersela con la padrona di casa, numero 13 del mondo, Marion Bartoli. I precedenti sono favorevoli alla nostra portacolori che comanda 5-2 e proprio sulla terra rossa del Roland Garros si è imposta per 6-3, 6-2 in semifinale nel 2011. Chissà che non le porti bene.

Sarita, invece, dimostra il suo ranking da numero 5 del mondo eliminando in poco più di un’ora la tedesca Sabine Lisicki, numero 32 del mondo, per 6-0, 6-4 e ora se la vedrà con la spagnola Carla Suarez Navarro.

6-1, 2-6, 6-2 è invece il risultato dei parziali a favore della Vinci contro la ceca Petra Cetkovska. Accesso agli ottavi assicurato anche per la nostra Robertina che è apparsa in gran forma ma che è attesa da un compito piuttosto impegnativo che risponde al nome di Serena Williams.

The Voice of Italy è Elhaida Dani

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 1:23pm

Si è conclusa con la vittoria di Elhaida Dani la prima edizione del live show di Rai 2 “The Voice of Italy”.

La 19enne cantante di Tirana, scelta da Riccardo Cocciante nel team da lui coordinato, ha battuto la concorrenza di Silvia Capasso del team di Noemi, di Veronica De Simone del team di Raffaella Carrà e di Timothy Cavicchini del team di Piero Pelù.

A contendersi con lei il titolo di The Voice sul palco è stato proprio il pupillo del leader dei Litfiba. La protetta di Noemi, Silvia, è stata la prima eliminata della serata conclusiva, mentre dopo è toccato a Veronica.

Il giudizio del pubblico, però, è stato insindacabile quando con il televoto ha dovuto decretare il vincitore: Elhaida è stata eletta a furor di popolo con più del 70% dei voti aggiudicandosi così il contratto discografico con la Universal Music.

La cantante albanese ha commosso tutti nel duetto con il suo maestro Cocciante dove ha cantato “Margherita” e ha incantato con l’inedito “When love calls your name” scritto per lei proprio dal suo coach.

“Non è importante che io sia albanese, perchè credo che la voce sia di tutto il mondo e penso che gli italiani abbiano capito che bisogna andare oltre la nazionalità“, ha commentato la prima vincitrice di The Voice of Italy al termine della trasmissione. Le critiche nei suoi confronti in quanto albanese non sono mancate, ma cantanti e coach l’hanno sostenuta, giustamente convinti delle sue qualità. Lo stesso Cocciante durante la serata, prima che il televoto desse il suo responso, aveva dichiarato: “La voce di Elhaida Dani è l’unico motivo per cui deve vincere questa competizione”.

E pensare che Elhaida era stata scartata ai provini di Amici nel 2010. Chissà se qualcuno ci ripenserà…

Napoli ha il suo “Parco dell’amore”: privacy e profilattici per coppie di ogni sesso ed età

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 11:43am

Anche la Campania ha ora il suo Parco dell’amore, dopo la Puglia e la Lombardia. Si chiama “La Parada del Amor” ed è un grande parcheggio realizzato in un’area verde di Pozzuoli, in provincia di Napoli, destinato alle coppie in cerca d’intimità. (altro…)

Dichiarazione dei redditi 2013 prorogata la scadenza al 10 giugno

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 11:00am

E’ stata prorogata al 10 giugno la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi riferita all’anno 2012. (altro…)

El Salvador: feto anencefalico, aborto negato a madre gravemente malata che ora rischia la vita

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 10:50am

Beatriz è una giovane donna di 22 anni, vive in El Salvador, ed è alla 25esima settimana di gravidanza. Purtroppo la giovane è affetta da una malattia (il lupus eritematoso sistemico) che potrebbe ucciderla durante il parto. (altro…)

Istat, disoccupazione salita al 12%: siamo tornati ai livelli record del 1977

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 10:39am

Nel primo trimestre di quest’anno il tasso di disoccupazione è salito al 12,8%. A rilevarlo è l’Istat, anche in base ai dati non destagionalizzati. (altro…)

Vasco Rossi torna sul palco “Ho pensato al suicidio, sono salvo grazie ai miei fan”

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 10:30am

Vasco Rossi confida di essersi salvato grazie all’amore dei suoi fan. Ha rischiato di morire per un batterio killer, ma come raccontato ha pensato anche a togliersi la vita: “Volevo farla finita, ho pensato anche al suicidio, non ho visto la luce nella fede, mi ha aiutato l’affetto della mia famiglia, dei fan, mi è stato di conforto Internet“. (altro…)

Sanità, stop aumento ticket, Lorenzin-Saccomanni cercano alternativa

Pubblicato il 31 Mag 2013 alle 10:12am

Si fa sempre più strada l’idea di non aumentare i nuovi ticket sanitari previsti per il 2014, con i quali si contava di incassare due miliardi di euro. (altro…)

Matteo Renzi: “Non remo contro il governo”

Pubblicato il 30 Mag 2013 alle 1:10pm

Matteo Renzi, a Roma per presentare il suo libro ha detto: “Non sto mettendo fretta al governo, non è vero che voglio accelerarne la fine“. (altro…)

Un uso massiccio di antidolorifici fa male al cuore

Pubblicato il 30 Mag 2013 alle 1:01pm

L’uso massiccio di alcuni antidolorifici appartenenti alla famiglia dei FANS, ovvero farmaci antinfiammatori non steroidei, può essere associato a un aumento di circa un terzo del rischio di infarto, ictus e morte.

Questo, perché, in essi sono contenuti alcuni principi attivi legati a tale rischio, come il diclofenac e l’ibuprofene, mentre il naprosseneé non ne aumenta il rischio, avendo invece effetti protettivi che ne contrastano la potenziale cardiotossicità.

Questi i risultati che sono emersi da un’importante studio condotto dai ricercatori del MRC Clinical Trial Service Unit & Epidemiological Studies Unit (CTSU) presso la University of Oxford, diretti da Colin Baigent, in collaborazione con Carlo Patrono, Ordinario di farmacologia all’Università Cattolica di Roma e finanziata dal Medical Research Council e dalla British Heart Foundation.

Ebbene la ricerca in questione, è stata pubblicata sulla rivista The Lancet e raccomanda che una terapia di lunga durata con FANS debba essere fatta in modo ragionato, scegliendo pertanto l’antidolorifico giusto, soprattutto se il paziente è già a rischio cardiovascolare. Il medico, deve informarlo circa i potenziali rischi legati a tali farmaci.

Gli studiosi, hanno preso in considerazione i risultati di 639 trial clinici per un totale di oltre 300.000 persone coinvolte ed analizzato i dati dei singoli pazienti al fine di predire l’entità degli effetti collaterali causati dai FANS in particolari tipi di pazienti, in cura con dosi massicce e per un tempo prolungato.

Da qui, è emerso in costoro un rischio più alto di complicanze vascolari, soprattutto a livello cardiaco, e un rischio da 2 a 4 volte superiore di emorragia gastrointestinale, che tuttavia raramente è fatale.

Per ogni 1000 soggetti trattati si verifichino tre infarti in più rispetto ai soggetti non trattati con i FANS, di cui uno con esito fatale.

Questi rischi riguardano persone malate di artrosi o artrite. Un breve trattamento con dosi più basse degli stessi farmaci è relativamente sicuro.