aprile 11th, 2017

Morgan lascia Amici, ecco perché

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 7:55pm

Morgan, il coach della squadra bianca lascia il programma Amici di Maria De Filippi.

La conduttrice e presentatrice tv, nonché ideatrice dello show dichiara quanto segue, spiegandone le motivazioni: “Sono purtroppo costretta a confermare le voci che annunciano l’uscita di Morgan da Amici. È vero e lo considero un mio fallimento. Dopo una lunga e vana attesa di un incontro con gli autori e con chi gestisce la produzione, tutto è degenerato. Da lui sono partiti gli insulti, le accuse, le teorie complottiste e persecutorie, fino alla ovvia e necessaria risoluzione degli impegni reciproci. Peccato”.

Considero Morgan – prosegue Maria – un artista a tutti gli effetti, un uomo pieno di cultura, pieno di ironia e di doppifondi (perché contengono tutto e il suo contrario), di conoscenza e di esperienza. È un musicista e sa tanto di musica, doti eccezionali per ricoprire, credevo, il ruolo di Coach capitanando una delle due squadre che si fronteggiano durante la fase serale di Amici. E ho sbagliato. Non nel riconoscergli queste prerogative perché le ha – aggiunge ancora la de Filippi – ma perché ho creduto che potessero bastare, non valutando che avrebbe anche dovuto ricoprire un altro aspetto purtroppo altrettanto necessario: corrispondere alle esigenze dei ragazzi. Creare quel legame che porti i ragazzi in gara, a credere nel loro coach; far sì che i ragazzi gli riconoscano le capacità di guida e di crescita come è giusto che sia in ogni rapporto costruttivo e mai impositivo. Questo non è successo””. “Anzi – sottolinea la conduttrice – purtroppo è successo l’esatto contrario. La squadra che Morgan ha capitanato è composta attualmente da quattro partecipanti e tre di loro hanno chiesto a noi una soluzione immediata, disposti – uno di loro con certezza – anche a lasciare il programma pur di non dover più avere obbligatoriamente Morgan come coach. Si sono sentiti non compresi, mai esaltati non nelle loro doti perché non sanno nemmeno se le hanno, ma nello spirito di entusiasmo inteso come tensione positiva, e di fiducia con cui si vorrebbe e dovrebbe affrontare il palco del serale e la gara”.

Pertanto, “Amici – fa notare ancora Maria – è e vuole rimanere un programma che racconta al pubblico le vicende di alcuni ragazzi che hanno talento e che sperano di vederlo riconosciuto da chi fuori dal programma, potrà offrire loro un’occasione di far diventare quel che sognano, realtà. E io questo non posso tradirlo Dato lo stato dei fatti, e non volendo perdere una risorsa come Morgan, ho proposto ai ragazzi e a lui stesso, che la sua figura potesse rimanere a fare quello che spesso lui mi ha ricordato essere la miglior espressione di sé: fare musica e parlare di musica. Svincolando lui dagli obblighi degli schemi che invece purtroppo servono a far andare avanti la macchina organizzativa. E svincolando loro, i ragazzi, dalla regola che vuole che il coach decida in accordo con la produzione, i brani da assegnare, i brani da schierare e le scelte di chi, in caso di perdita di partita, debba affrontare il ballottaggio e poi magari anche l’abbandono del programma. Morgan non ha voluto incontrare né noi né ha voluto accettare l’invito a parlare lui direttamente con i ragazzi. Ha scelto di mandare un suo rappresentante con l’intento di spiegare ai ragazzi chi fosse davvero Morgan e quali qualità avesse da offrir loro. L’incontro tra il suo rappresentante e i ragazzi c’è stato e non ha sortito nessun cambio di visuale da parte loro. Dopo una lunga e vana attesa di un incontro con gli autori e con chi gestisce la produzione, tutto è degenerato. Da lui sono partiti gli insulti, le accuse, le teorie complottiste e persecutorie, fino alla ovvia e necessaria risoluzione degli impegni reciproci. Peccato”. “Morgan – conclude la De Filippi – è e rimane una persona che ho stimato e che stimo per essere com’è. Tutti mi dicono che presto farà in modo che su di noi ricadano le più brutte nefandezze. Spero di no e laddove fosse, spero di continuare a rimanere salda nel mio pensiero su di lui”.

D’altronde, tale decisione da parte del coach e della produzione aleggiava già nell’aria, visto che in sole tre settimane Morgan è riuscito a litigare proprio con tutti. Con i suoi stessi allievi (Mike Bird e Lo Strego, che gli contestano scelte artistiche azzardate), con i giudici, e perfino con i ragazzi del pubblico, additandoli nell’ultima puntata dello show serale, come “bimbiminchia”.

Insomma, un clima non certamente sereno, brutto da vedersi per le tante polemiche in studio, che nel corso delle settimane si è visto perdere per strada un gran numero di spettatori.

Ora la squadra bianca è sola, senza un coach, una guida. In un’anticipazione della puntata serale, postata sulla pagina del programma, che vedremo sabato prossimo, è la stessa De Filippi a prendere il posto di Morgan che abbandona il programma.

Il pubblico chiede il ritorno di Emma, e sul web c’è anche chi è dalla parte di Morgan.

Come creare un albero di Pasqua fai da te

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 10:10am

Anche in occasione della Santa Pasqua, un po’ come succede anche in alcuni paesi europei, c’è l’usanza di addobbare alberi da giardino, o di creare dei graziosi alberelli casalinghi con ovetti, pulcini, fiori, fiocchi, campanelle, ecc.

Bastano infatti, circa 7 rami di ciliegio o pesco o albicocco ma vanno bene anche altre tipologie di rami purché siano spogli o con piccole gemme di primavera. Un vaso abbastanza alto per contenere i rami (in vetro, terracotta, latta, peltro, ceramica, plastica) e se volete anche un ramo di ulivo benedetto da inserire nell’albero come buon auspicio, che avrete conservato in occasione della Domenica delle Palme.

Ecco allora alcune idee per il decoro dei rami.

Potete prendere delle palline colorate decorate da voi a mano, o a maglia, degli di cioccolato da appendere, dei fiocchi colorati, dei pulcini di lana, dei bottoni colorati, degli uccelletti di cartapesta, e chi più ne ha più ne metta.

Potete disegnare voi i pulcini stessi, gli ovetti, le campanelle, i graziosi coniglietti su del feltro o del cartoncino colorato. Forarlo e impreziosirlo con un nastrino che vi servirà per appendere le vostre originali creazioni, sbizzarrirvi con i vostri figlioli.

Ecco alcuni esempi

Come avere assistenza domiciliare per ogni necessità grazie alla start up Safecare24

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 9:45am

Grazie all’innovativa start up SafeCare24, piattaforma, completamente gratuita e operante in tutta Italia, è possibile avere la giusta assistenza domiciliare per i propri cari senza andare incontro a spiacevoli inconvenienti.

In Italia, la maggior parte delle strutture sanitarie non offre servizi di assistenza a domicilio, pertanto molti cittadini sono costretti a rinchiudere i propri cari in ospizi o case di riposo per far sì che questi dispongano di personale h24.

Grazie a SafeCare24 invece, è ora possibile richiedere diverse forme di assistenza domiciliare, con personale altamente specializzato e referenziato.

Tant’è che l’azienda stessa verifica le esperienze pregresse degli operatori, i quali, verranno poi ritenuti idonei a prestare assistenza domiciliare, saranno inseriti nel sistema online della piattaforma, così che ogni cliente possa selezionare personalmente l’operatore più adatto alle proprie esigenze e, successivamente all’erogazione del servizio, rilasciare una recensione su di esso.

Il compito di un’assistente alla persona è quello di soddisfare ogni esigenza del paziente o dell’anziano. Fornirgli ogni aiuto possibile ed immaginabile secondo il suo fabbisogno giornaliero: aiuto fisiologico, sociale ed emotivo.

Pertanto, la start up Safecare24 offrirà assistenza domiciliare in ogni attività della giornata:

– Infermieri qualificati daranno all’assistito le migliori cure a casa propria. – Assistenza diurna o notturna per non lasciare mai solo il paziente durante il corso della giornata. – Esperti burocrati saranno messi a disposizione delle famiglie che necessitano di un aiuto nella gestione finanziaria. – Badanti conviventi referenziate saranno completamente in grado di aiutare l’assistito in suo fabbisogno giornaliero. Terranno in ordine la casa, gli faranno compagnia e lo accompagneranno nel suo percorso di riabilitazione.

Moglie e Marito, la nuova commedia di Simone Godano al cinema dal 12 aprile

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 8:36am

Il 12 aprile esce al cinema la nuova commedia di Simone Godano, “Moglie e marito” con Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak e Valerio Aprea. , prodotto da Warner Bros. Entertainment Italia, insieme a Matteo Rovere per Groenlandia e Roberto Sessa per Picomedia.

TRAMA Andrea e Sofia sono una bella coppia, anzi lo erano. Sposati da dieci anni, in piena crisi, pensano al divorzio. Ma a seguito di un esperimento scientifico di Andrea si ritrovano improvvisamente uno dentro il corpo dell’altra. Letteralmente. Andrea è Sofia e Sofia è Andrea. Senza alcuna scelta se non quella di vivere ognuno l’esistenza e la quotidianità dell’altro. Lei nei panni di lui, geniale neurochirurgo che porta avanti una sperimentazione sul cervello umano, lui nei panni di lei, ambiziosa conduttrice televisiva in ascesa.

Una commedia graffiante e rocambolesca che racconta il viaggio incredibile e sorprendente che Sofia e Andrea saranno costretti a fare nella vita del partner; esperienza che li cambierà per sempre, facendogli ritrovare quel senso di empatia reciproca e vera connessione, indispensabile per amare veramente qualcuno.

Pupa, le novità per l’estate 2017: fondotinta solare e spray per le gambe, anche in città

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 7:18am

Il marchio Pupa presenta tre nuovi prodotti make-up legati al mondo dell’abbronzatura per l’estate 2017. (altro…)

Ricette Pasqua: come preparare i Cannelloni al Salmone

Pubblicato il 11 Apr 2017 alle 6:51am

Ecco a voi una gustosa ricetta pasquale, ideale per tutta la famiglia, semplice e veloce da preparare, light e a base di pesce, in alternativa ai ripieni di carne macinata.

Un ottimo primo da servire per questa occasione, ma anche durante i pranzi della domenica o cene con amici e parenti.

Ricetta Cannelloni al Salmone INGREDIENTI

– 12 rettangoli di pasta fresca – 200 g di salmone affumicato – 250 g di Ricotta Santa Lucia Galbani – 200 ml di besciamella – 1 albume d’uovo – parmigiano grattugiato q.b. – pangrattato q.b. – sale q.b. – pepe q.b. – prezzemolo tritato q.b. – 60 g di Burro Santa Lucia Galbani

PREPARAZIONE

1. Stendete la pasta fresca dei cannelloni e ritagliatela in rettangoli lunghi circa 10 centimetri. 2. Sbollentate i rettangoli di pasta fresca in abbondante acqua salata per circa due minuti. 3. Tagliate a striscioline il salmone affumicato e mettetelo in una ciotola con la Ricotta Santa Lucia, una manciata di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e pepe e l’albume e amalgamate il tutto. 4. Mescolate bene il composto fino a quando non avrete ottenuto un ripieno corposo ed omogeneo. 5. Mettete un cucchiaio di farcia sui rettangoli di pasta e arrotolateli a forma di cannelloni. 6. Foderate la teglia con la carta forno e copritela con besciamella conservandone una parte per dopo. 7. Adagiateci sopra i cannelloni e ricopriteli con altra besciamella, fiocchi di Burro Santa Lucia, un pizzico di pangrattato e parmigiano reggiano grattugiato. 8. Cuocete i cannelloni in forno già caldo a 200° per circa 30 minuti. 9. Aggiungete del prezzemolo tritato. 10. Servite i vostri cannelloni dopo averli fatti intiepidire per circa 10 minuti.