abiti

“Eco Moda”, la moda sostenibile online. Piccole decisioni, grandi effetti

Pubblicato il 20 Mar 2020 alle 6:49am

Sostenibilità è il grido disperato della nostra società contemporanea, è la parola che troviamo rimbalzare su ogni notiziario, discorso, articolo, se fossimo nati nell’epoca di Andy Warhol la troveremo trasformata ad arte su tutti i manifesti, esposta nei musei magari accanto al viso pop art di Marilyn Monroe. È la parola per cui tante associazioni si battono in difesa dell ‘ambiente, è una delle preferite di Greta Thunberg la ragazzina svedese, che, discussa o meno, con al sua lotta per il clima ha provato a cambiare le cose. Sostenibilità però, da qualche anno a questa parte, è diventata un vestito da indossare! La troviamo scritta sui cartellini dei vestiti dei grandi brand e su quelli dei grandi magazzini, ma sono soprattutto i siti internet che ci permettono di contribuire acquistando capi “eco” direttamente da casa. Uno fra tutti Zalando, “top player” della moda online si fa promotore della sostenibilità facendo attenzione alla produzione, al consumo e alla vendita dei suoi prodotti. Questa grande azienda che fa impazzire le donne di tutto il mondo e non solo ha creato una selezioni di capi etichettati come sostenibili, difatti digitando questa parola sul loro motore di ricerca abbiamo accesso a tutti i prodotti che rientrano in questa categoria, ognuno di questi ha un certificato che spiega in che modo è stato realizzato e con quali materiali. Sono tutti brand che collaborano con Zalando e che hanno proposto sul mercato abbigliamento a prezzo contenuto, alla moda e soprattutto rispettoso dell’ambiente!

Su un cartellino di un vestito troviamo scritto: “It’s our mission to keep fashion moving forward in the most sustainable way, ensuring that customers never have to compromise in choice” la missione che si pongono è quella di far progredire la moda nel modo più sostenibile possibile, assicurandosi che i clienti non debbano mai scendere a compromessi nella scelta!

Le etichette mostrano svariate certificazioni come ad esempio “Organic cotton” la produzione di abiti che viene proposta è fatta con un cotone organico che contiene il 50% di un cotone prodotto senza pesticidi sintetici e coltivato con sistemi alimentati a pioggia che contribuiscono così al risparmio idrico, “Materiali eco” con utilizzo di materiali come la canapa, juta, viscosa sostenibile, e fibre derivanti dal legno, materiali ecologici che rispettano l’ambiente e le persone. Troviamo poi abiti prodotti con “Materiali riciclati”, ovvero creati con altri abiti usati, bottiglie di plastica e addirittura reti da pesca! e poi gli “Eco Processing” ovvero prodotti con processi ecologici che riducono i costi di energia e “Fairtrade CertifiedCotton” realizzati con almeno il 50 % di cotone del commercio equo e solidale, promuovono un uso efficiente dell’acqua degli agricoltori e vietano l’uso di sostanze chimiche nocive. Queste sono una delle tante certificazioni che possiamo trovare scritte e che ci danno l’opportunità di acquistare abiti a prezzo contenuto, di tendenza e in modo eco solidale senza, come sostiene Zalando, scendere a compromessi!

Piccole decisioni, grandi effetti.

di Francesca Curri

Dal tono del sottopelle i colori che ci valorizzano di più

Pubblicato il 18 Feb 2020 alle 6:26am

I colori giusti dell’abbigliamento o della tintura di capelli, in base al proprio sottotono di pelle, esaltano i propri lineamenti e valorizzano i colori degli occhi e dei capelli anche al naturale, senza l’aiuto del make up. Sono meno evidenti rughe, imperfezioni cutanee e occhiaie. Con la ricerca del colore del proprio sottopelle, gli anglosassoni dividono i colori accostandoli alle stagioni.

Ma come è possibile riconoscere il proprio sottopelle? Dal punto di vista scientifico è assodato che i colori che indossiamo interagiscono fisicamente con il nostro sottotono di pelle, ed è proprio da questa interazione che dipende quasi esclusivamente i colori che ci valorizzano e quali che invece ci “spengono”. Tutto dipende dal nostro sottotono di pelle, che, in parole semplici, può essere caldo (tendente al giallo) o freddo (tendente al blu). Sapere a quale delle due categorie si appartiene è importante perché il colore ha un grande potere sulla luminosità del viso e sull’immagine nel suo insieme.

Da qui anche la scelta della tintura di capelli e trucco di viso e occhi, che ci aiuterà a sembrar più giovani o anziane.

– Sottopelle caldo. Coloro che hanno un sottotono caldo hanno anche una pelle tendente al giallo. Ambrata, o molto chiara. Ci si abbronza bene, non ci si scotta e l’abbronzatura, anche se non intensa, risulta essere anche più dorata. Capelli castani, ramati o dorati. Il sottopelle che si rileva guardando l’interno del polso vede vene che tendono ad andare verso il verde o verso il viola. Alcuni esempi di carnagione dal sottotono caldo sono le rosse naturali come Julienne Moore, le bionde con occhi chiari come Nicole Kidman, le olivastre scure come Jennifer Lopez. In questi casi meglio i colori caldi per capelli e trucco. E per il guardaroba? Sono consigliati abiti dai colori naturali e neutri come ad esempio, l’avorio, il color crema, il beige, il tortora, il cipria e il cammello. Ma anche toni brillanti (rosso corallo, turchese, giallo, arancio, verde smeraldo, viola, marsala, ruggine, verde pistacchio, caffè, ottanio). I colori da evitare sono invece quelli troppo scuri come il nero, il fluo, colori freddi come blu elettrico, rosa baby e fucsia. Lo stesso principio vale anche per il make-up, capelli e accessori: il rossetto rosso corallo, i colpi di sole meglio biondo oro o rame, i gioielli dovranno essere in oro giallo o rosa.

Sottopelle freddo. Chi ha invece un sottotono freddo ha una pelle tendente al rosa, che si arrossa facilmente, si abbronza con difficoltà scottandosi. Sotto al polso le vene sono di colore blu. I capelli se chiari vanno dal biondo cenere al biondo nordico, se scuri dal castano cenere al nero con qualche traccia di blu. Alcuni esempi di pelle dal sottotono freddo sono le bionde naturali come Naomi Watts e Bianca Balti, castane come Winona Ryder, more dalla pelle olivastra come Mariagrazia Cucinotta. La regola vuole che chi ha un sottotono freddo venga valorizzato dai colori freddi: bianco gesso, sabbia, grigio grafite, rosa, azzurro pastello, turchese, rosso lampone, blu elettrico, fucsia, viola indaco, giallo lime, azzurro intenso, nero, blu navy, grigio antracite, marrone scuro, verde bosco, bordeaux. I colori da evitare sono quelli autunnali e caldi come cammello, cacao, verde oliva, ocra, giallo. Per il make-up e il colore dei capelli, la scelta deve essere per rossetti, il lampone, per i capelli i colpi di sole biondo cenere e non biondo dorato o rosso rame, gioielli in oro bianco, argento o platino.

Kate Middleton, vestito low-cost da 80 euro per fare gli auguri di Natale: i sudditi impazziscono, l’abito va letteralmente a ruba

Pubblicato il 24 Dic 2019 alle 7:01am

Kate Middleton è una dei reali più amata dai sudditi britannici, e una vera e propria influencer, in quanto seguita, imitata e ammirata da fan di tutto il mondo. La duchessa di Cambridge, moglie del principe William, somiglia molto nello stile alla suocera Diana.

Per gli auguri di Natale ai propri sudditi, Kate posa accanto al marito William e ai figli George, Charlotte e Louis, indossando un abito di colore azzurro, con motivi floreali bianchi, un collo a V e una fascia sulla vita. Il modello si chiama Aurora ed è prodotto da Boden: scontato, l’abito costa solo 60 sterline (meno di 80 euro).

Il vestito è andato letteralmente a ruba, a confermarlo il sito di Boden

Dagli Usa arriva il fashion renting, il noleggio degli abiti

Pubblicato il 17 Lug 2019 alle 6:25am

“Fashion renting”, arriva dall’America, e spopola in Cina e Gran Bretagna. Sta per esplodere anche in Italia. E’ il fenomeno che rivoluziona guardaroba e stile. (altro…)

Claudia Cardinale mette all’asta i suoi abiti più celebri

Pubblicato il 29 Apr 2019 alle 8:15am

Claudia Cardinale mette all’asta i suoi abiti più celebri. Centotrenta capi che l’attrice ottantunenne mette in vendita sul sito della casa d’aste Sotheby’s a partire dal 28 giugno e fino al prossimo 9 luglio e per soli due giorni (dal due al 4 luglio) e che saranno esposti al pubblico nella sede di Parigi. Lo annuncia la casa d’aste sul suo sito.

Tra i pezzi più pregiati, l’abito di paillettes nero lungo fino a piedi e con la scollatura vertiginosa bordata di fiori colorati firmato Nina Ricci che la Cardinale indossò alla cerimonia degli Oscar accanto a Steve McQueen nel 1965. Valore stimato tra i 6.000 e gli 8.000 euro. Di Nina Ricci, stilista che vestì l’attrice negli anni 60, anche l’abito da cocktail indossato nella scena finale de ‘Il magnifico cornuto’ di Antonio Pietrangeli (1964), che potrebbe raggiungere i 3.500. E ancora il costume da bagno della griffe Cole of California del film ‘Ne’ onore ne’ gloria’ con Alain Delon (700 euro) o il cappotto in pelle di ‘Ruba al prossimo tuo’ (2.000-3.000).

L’asta e la relativa mostra celebreranno la moda italiana dalla fine degli anni ’50 fino ai primi anni ’80 con abiti creati da Emilio Schuberth, Roberto Capucci, Irene Galitzine, Barocco e Balestra. La vendita includerà poi un abito lungo in organza fucsia ricamato con motivi floreali, indossato dalla Cardinale per la prima apparizione al Festival di Cannes nel 1961 (stima: 3.000 € – 4.000 €).

L’asta del guardaroba della Deneuve a gennaio realizzò la cifra record di ben 900.000 euro.

Collezione ad uncinetto e maglia di Anna Voronkova

Pubblicato il 25 Apr 2019 alle 10:35am

Arriva una collezione di abiti fatti ad uncinetto o ferri. Ma anche di scarpe e stivali, tutti assolutamente handmade, che non possono passare certamente inosservati.

L’idea è di Anna Voronkova, russa di origine ed italiana di adozione, un passato nel mondo della finanza nella City londinese e un presente all’Accademia del Lusso di Roma. La sua collezione di debutto, ‘Lost civilization’, è nata proprio come punto di incontro tra la ricca cultura russa, vita mondana respirata a Londra e moda fatta di artigianato, sartoria e sapiente manualità conosciuta anche in Italia. Per creare qualcosa di nuovo e personale, Anna ha preso in mano un oggetto apparentemente antiquato, i ferri, abbandonati da anni in un cassetto e ha rispolverato una tradizione che in Russia è ancora un’abitudine, tramandata in case da nonne, madri e figlie.

Il risultato finale non potrebbe essere più moderno e in alcuni casi futuristico: cappotti, ma anche body, mantelle, colli, cappucci, abiti fascianti, calze interamente lavorate all’uncinetto e stivali in maglia traforata che avvolgono la caviglia e la gamba con eleganza e sensualità insieme.

Ora però la sfida è portare una collezione unica su ampia scala. Per farlo, è iniziata una vera e propria caccia in giro per l’Italia ad artigiani ed esperti in grado di riprodurre i modelli: dall’Umbria, patria della maglia firmata Brunello Cucinelli, alla Lombardia, dalle botteghe ai garage fino ai laboratori dove si produce l’alta moda italiana. La scommessa non è facile: produrre con l’apporto delle macchine modelli interamente made in Italy per reinventare una tradizione che rischia oramai di estinguersi.

Cosa indossare a Capodanno

Pubblicato il 19 Dic 2018 alle 7:01am

Dopo Natale, oramai alle porte, è tempo di pensare anche al Capodanno. A cosa indossare. Non sempre la scelta è facile da prendere, specialmente se è la prima festa di capodanno a cui si partecipa. (altro…)

Kate Middleton ad un evento mondano veste Zara

Pubblicato il 31 Mag 2018 alle 7:26am

La duchessa di Cambridge continua a stupire per la sua classe, semplicità ed eleganza.

Si è presentata al Houghton Horse Trials, l’evento più prestigioso nel Norfolk, con un modesto abitino: pagato solo 39,9 sterline acquistato dal marchio Zara.

Nonostante l’abito non fosse firmato, Kate è apparsa come sempre impeccabile e raffinata. Infatti il vestito in cotone con stampa floreale, è andato subito a ruba in tutti i negozi di abbigliamento della catena del marchio Zara.

Mamma Kate si è goduta la giornata campestre all’aria aperta insieme ai figlioletti George e Charlotte.

Fantasie abiti estate 2018

Pubblicato il 03 Mag 2018 alle 6:24am

Le tendenze moda estate 2018 ci suggeriscono diversi modelli che variano per taglio, colore e fantasie. Tra tutti spicca il nostalgico amore per i capi vintage. Ritroviamo deliziosi abitini anni 50 dalle tinte più forti, senza però rinunciare a qualche tocco di pastello.

Non mancano proposte innovative che giocano con il patchwork e le sovrapposizioni, ma l’abito a grembiule o il baby doll dress sono di gran voga i più gettonati in spiaggia come in città.

Qui sotto una smart guide che vi aiuterà a capire e a scegliere meglio il fashion item più adatto a voi:

– abiti estivi a fantasia, sì ma nella versione patchwork: sovrapposizioni di teli e pattern diversi tra loro che fanno vibrare il look. Da provare nella versione over e di tessuto super light anche per andare a lavoro – check & plaid mania: scamiciati da indossare con polo e leggerissime bluse. Perfetti per un outfit multi-layered. – abiti over sized e leggerissimi: perfetti per chi ama il comfort senza rinunciare al glamour. – chemisier: un capo versatile, soprattutto nella sua versione classica in white. Come una tela bianca per il pittore, dà la possibilità a chi lo indossa di personalizzarlo con i diversi accessori. – abiti a fiori: scegliete le fantasie floreali, grandi e piccole nei toni pastello o nei colori accesi su sfondo anche nero. – abiti a pois: il must have dell’estate 2018. – abiti baby doll: gli stilisti hanno proposto dei romantici mini dress di pizzo, raso e tweed. Perfetti se si vuole ottenere un look romantico, sportivo o elegante. – abiti di paillettes: ideali per la sera, per il cocktail, molto di moda questa estate nei colori lavanda.

Come sembrare più alte

Pubblicato il 29 Apr 2018 alle 8:10am

Se volete slanciare la vostra silhouette e acquistare qualche centimetro in più in altezza, ecco alcuni accorgimenti che fanno al caso vostro.

Pantaloni sopra l’ombelico L’altezza della vita dei pantaloni, spostandola sopra all’ombelico, può fare la diffrenza.

Bluse e maglie con collo a V Sì, perché, va valorizzata il più possibile la scollatura per chi è in difetto di centimetri e in questo caso una scollatura a V è esattamente quello che serve per dare l’illusione di allungare il busto.

Scarpe color carne Un paio di scarpe nude-look allungano istantaneamente le gambe. sceglietele perfettamente intonate con la vostra carnagione, così da creare un effetto cromatico, e ovviamente con un bel tacco alto.

Minigonna La minigonna funziona sempre, mette in mostra le gambe e fa sembrare subito più alte e slanciate.

Pantaloni larghi Contrariamente a quanto si crede, anche le donne più basse possono indossare pantaloni a gamba larga. In questo caso il segreto è optare per un modello a righe verticali o con le pieghe, che catturano l’attenzione e fanno apparire più alte.

Righe verticali Questo look geometrico allunga la figura minuta e aggiungere centimetri in altezza là dove servono. Si può scegliere tra gonne, pantaloni, bluse e vestiti, le righe verticali possono essere interpretate in un’infinità di modi.

Monocolore Puntare su colori omogenei, può fare la differenza. Meglio una, tuta intera di una sola tonalità piuttosto che a fantasia. Abiti su misura Un completo sartoriale fatto su misura nasconde i difetti e valorizza le forme, la figura in generale. Se non volete spendere molto portate i pantaloni da una brava sarta, così che l’orlo cada alla perfezione.

Mini borse Per acquistare qualche centimetro in altezza un aiuto può arrivare anche dalla scelte delle borse. Ridurre le dimensioni della borsa è la soluzione ideale, perché l’attenzione si concentra sulla figura, che appare quindi più allungata.