facebook

Arriva in Italia Facebook Film, il cinema che diventa social

Pubblicato il 30 Mag 2019 alle 6:23am

Arriva anche nel nostro Paese il Facebook Film, una funzionalità dedicata agli appassionati del cinema. Lanciata per la prima volta negli Stati Uniti e poi nel Regno Unito e in Canada, Film permette di visualizzare tutti gli spettacoli cinematografici nelle vicinanze, ovunque ci si trovi, e di condividere quest’esperienza con i propri amici con un semplice clic.

Warner Bros. Entertainment Italia è una delle prime major a testare questa nuova funzionalità in occasione dell’uscita nelle sale italiane di Godzilla II King of the Monsters – nuovo capitolo dell’universo MonsterVerse – il 30 maggio.

Per provare questa nuova applicazione basta semplicemente accedere al menu generale di Facebook e selezionare l’icona con l’immagine di una bobina cinematografica. A questo punto si presenteranno due sezioni: “Film”, con l’elenco degli spettacoli in programmazione, la descrizione, il trailer, tutte le informazioni su cast e regista; e “Cinema”, con la lista delle sale, gli orari degli spettacoli e i link per acquistare il biglietto online. Una volta selezionati film e sala, i biglietti potranno essere acquistati direttamente sul sito del cinema, dove è disponibile l’e-commerce, sul quale viene effettuato il pagamento e la transazione completa. A fine procedura, il cinema invierà all’acquirente una conferma via email con il codice a barre o il QR code dell’e-ticket, a seconda di quanto previsto dal sistema di e-commerce utilizzato.

7^ Giornata Nazionale per la lotta alla trombosi «Quanto ne sai di embolia polmonare?». Fai il test su facebook

Pubblicato il 11 Apr 2018 alle 6:09am

In occasione della 7°Giornata Nazionale per la Lotta alla Trombosi, appuntamento organizzato da ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle Malattie Cardiovascolari – Onlus per dire «No!» alle malattie cardiovascolari da Trombosi torna anche quest’anno mercoledì 18 aprile un focus sull’Embolia Polmonare con appuntamenti social dedicati apposta all’informazione e alla promozione della salute.

L’Embolia Polmonare è una malattia che colpisce ogni anno, in Italia, una persona su 100 ed è la causa di morte nelle donne dopo il parto. Inoltre, 11 persone su 100 tra quelle colpite muoiono nel giro di 30 giorni. La malattia è la conseguenza di trombosi venosa grave che, se non riconosciuta, un embolo che, viaggiando lungo tutto l’organismo, può arrivare sino al polmone e causare anche la morte del paziente. Una trombosi venosa non riconosciuta e non curata si trasforma infatti in Embolia polmonare in 40 casi su 100.

Per questo, ALT ha scelto di lanciare un messaggio forte e chiaro, affidandosi anche ai social. E già a partire dal prossimo 11 aprile ALT invita tutti a collegarsi alla sua pagina Facebook per rispondere al sondaggio «Quanto ne sai di Embolia Polmonare?». Gli internauti saranno messi alla prova con 7 domande – ne verrà pubblicata una al giorno – a cui rispondere con VERO o FALSO per testare il livello di informazione e conoscenza su questa malattia. E alla fine della settimana, sempre su Facebook, saranno svelati i risultati che i naviganti potranno approfondire leggendo il nuovo numero di SALTO, dedicato proprio a Trombosi ed Embolia Polmonare, o guardando le nuove puntate di «Mi Curo di Te» che saranno pubblicate online dal 19 al 22 aprile.

Siete tra gli utenti spiati? Lunedì Facebook manda agli utenti sfortunati una comunicazione

Pubblicato il 08 Apr 2018 alle 9:10am

Sarebbero oltre 200mila gli italiani che sono stati spiati da Facebook, secondo quanto emerso dalle indagini svolte dopo lo scandalo Cambridge Analytica. Lunedì il social network invierà una notifica agli utenti coinvolti in tutto il mondo. Ad annunciarlo è stato Mike Schroepfer, chief technology officer di Facebook. (altro…)

Claudio Baglioni: “Sanremo è stata una pazzia”, ma non esclude un bis

Pubblicato il 21 Feb 2018 alle 11:48am

Calato il sipario sul festival di Sanremo, Claudio Baglioni, direttore artistico e co- conduttore del festival della canzone italiana 2018, con Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino, scrive sulla sua pagina Facebook “Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile e per questo la fecero”, citando il filosofo Bertrand Russell sintetizzando la sua ‘avventura’ sanremese, in un lungo post pubblicato ieri, tutto dedicato al suo primo festival, nel giorno in cui è stata annunciata una nuova data all’Arena di Verona, del tour ‘Al Centro’ che celebrerà i suoi primi 50 anni di carriera (data del 15 settembre è già sold out e si aggiunge anche quella del 14 settembre), da oggi al via le prevendite per gli iscritti al fan club.

Un post in cui, sul finale, Baglioni accenna anche alla possibilità di ritorno alla guida del festival: “Mentre andavo via, mi chiedevo: chissà se ci torneremo? Mi allontanavo da Sanremo, dal suo mare, dai suoi carruggi, dal suo milione di scale, dal suo presepe di case colorate, dalle sue voci e pensavo che è vero: anche dalle esperienze più belle, prima o poi – purtroppo – si deve uscire, ma le avventure più belle sono quelle che non escono mai da noi. Se pure non si dovesse tornare, dunque, sarà solo per un motivo: noi non siamo mai andati via. Non sapevamo che l‘impresa fosse impossibile e allora l’abbiamo fatta. Insieme. E l’abbiamo fatta davvero grossa! Una gran bella cosa. Che non si dimentica”.

Poi usando la frase di Bertrand Russell sottolinea: “Rubo questa frase a un grande pensatore del Novecento perché, in qualche modo, è andata davvero così. Parlo del Festival. E, con innocenti, intendo, naturalmente, ingenui. Perché questo è ciò che siamo stati: ingenui. Così tanto da non renderci conto a cosa andavamo incontro e, dunque, da andarci. Perfino adesso penso sia stata una pazzia. Provare a riportare la musica e le parole al centro. Musica e parole come meta e luogo dell’appuntamento. E una pazzia è stata. Pazzesco assecondarla, pazzesco quanto è successo lì e ancora più pazzesco quanto è successo tutt’intorno a noi”.

“Ancora oggi – prosegue il direttore artistico e cantautore romano – sogno le riunioni con gli autori e le prove con i conduttori, i musicisti e gli ospiti. E ancora oggi avverto un brivido corrermi lungo la schiena, l’istante prima di andare in scena, al pensiero di non aver messo bene a fuoco questo o quel momento o di non aver avuto il tempo di provare quanto avremmo dovuto quel pezzo o quel duetto. Ormai non c’è più tempo, però: la regìa sta chiamando il tempo. Pochi secondi e parte la diretta. Ma quando mi trovo nel mezzo del palco e tutto sta per cominciare, mi sveglio, apro gli occhi, in un silenzio immobile e irreale, e il respiro sonnacchioso della città dietro ai vetri, mi ricorda non solo che è tutto finito, ma che è andata: al di là di ogni aspettativa. Missione compiuta. Volevamo sorprendere Sanremo portando l’immaginazione al Festival, ma il Festival ha sorpreso noi, regalandoci un’esperienza al di là di ogni immaginazione. E, così, mentre l’ansia a poco a poco si allontana, si avvicinano visi, sguardi, gesti e parole di tutti gli ingenui che, insieme a me, hanno reso l’impossibile possibile. Va a loro il mio primo grazie. A chi mi ha seguito in tante scelte difficili e progettazioni complesse, da vicino e a chi lo ha fatto da un po’ più lontano. Tutti, però, con la stessa passione. Grazie alla loro fantasia, alla loro energia, alle loro idee, alle loro parole; soprattutto a quelle che mi hanno costretto a lottare per migliorare le mie e migliorare me. Una formidabile squadra. Un equipaggio fantastico, unito e intrepido, che ha saputo tenere la rotta con qualunque mare e qualunque tempo. E se, rientrando in porto, le sirene hanno suonato e le altre navi hanno issato il gran pavese, è merito di tutti loro”.

“Il secondo grazie – continua Baglioni – è per i protagonisti di questo irripetibile film: giovani, big, ospiti di qui e di fuori. In una parola: gli artisti, coloro senza i quali l’arte semplicemente non esisterebbe e la nostra vita – che lo ammettiamo o no – sarebbe un po’ più pesante e affannosa e di certo un po’ meno ricca di pensieri, emozioni, sorrisi e leggerezza. Le canzoni saranno pure un’espressione breve, è vero, ma sono, pur tuttavia un’arte. Un’arte semplice, povera, fragile, piccola che entra, però, dentro di noi, ci prende, ci stordisce, ci travolge, ci commuove, ci emoziona, ci innamora e ci resta addosso per sempre. Nient’altro riesce a cambiare il mondo fuori e dentro di noi in pochi secondi. Una bella canzone lo fa. Invisibile agli occhi, come tutte le cose essenziali. Non al cuore, però, al quale regala battiti nuovi e un nuovo paio di ali, per volare a tempo con mille altre vite e mille altre storie”.

E conclude: “L’ultimo grazie – il grazie più grande – va a tutte le persone che si chiamano pubblico. Un numero – sottolinea – enorme, impensabile, straordinario. A tutti voi, perché, se è vero che senza gli artisti l’arte non esisterebbe, è ancora più vero che, senza di voi, l’arte non avrebbe alcun senso; così come non avrebbero alcun senso un panorama, un tramonto o una stellata di quelle che lasciano senza fiato, se non ci fossero almeno degli occhi da stupire, una bocca che l’incredibile ci fa lasciare aperta o un petto che comincia a palpitare. Grazie a tutti voi, milioni di individui e di universi, che vi siete ritrovati a condividere tutto questo. A vivere, per qualche giorno, al centro della musica. A rimetterla al centro dei prossimi sguardi, dei pensieri futuri. Dei viaggi a venire”.

Facebook, presto news a pagamento

Pubblicato il 08 Ott 2017 alle 5:58am

Facebook è diventata tra le fonti primarie da cui gli utenti traggono notizie e informazioni. (altro…)

Niccolò Fabi, risponde così a chi parla di un suo ritiro dalle scene

Pubblicato il 02 Set 2017 alle 7:25am

A seguito di alcune informazioni, divulgate nei giorni scorsi da diversi mezzi stampa, sul presunto ritiro dalle scene di NICCOLÒ FABI, il cantautore romano, giovedì 31 agosto, ha voluto intervenire direttamente sulla questione, facendolo attraverso il suo profilo Facebook ufficiale, dichiarando quanto segue: (altro…)

Social blocca lo spot della mostra di Sgarbi “Seduzione e potere”

Pubblicato il 13 Ago 2017 alle 8:37am

La nuova mostra di Vittorio Sgarbi, ‘Seduzione e potere’, si aggiudica il ‘bollino rosso’ di Facebook, che indica come non appropriate ad un pubblico non adulto le meravigliose opere d’arte che raccontano la bellezza femminile tra Cinquecento e Settecento. (altro…)

Facebook, la funzione per trovare wifi aperti è arrivata anche in Italia

Pubblicato il 05 Lug 2017 alle 6:21am

Facebook ha introdotto nella sua app per smartphone e tablet una funzione hotspot wifi aperti ai quali è possibile collegarsi quando il proprio credito è in esaurimento o la connessione cellulare fa capricci. (altro…)

Facebook, studio rivela: “Rende infelici e fa male alla salute”

Pubblicato il 05 Giu 2017 alle 9:54am

L’utilizzo di FACEBOOK renderebbe più infelici e farebbe male alla salute. A rivelarlo uno studio uscito sull’American Journal of Epidemiology secondo cui ci sarebbe una stretta connessione tra l’utilizzo del social network e lo stato di salute e la soddisfazione personale di coloro che lo adoperano. (altro…)

Epatite C, un test su Facebook per capire se si è a rischio

Pubblicato il 19 Feb 2017 alle 7:26am

Per capire o meno se si è rischio di epatite C, basta fare un semplice test su Facebook. Lanciato sul social network dai promotori della campagna ‘Una malattia con la C’, sostenuta da Abbvie, il test prevede dieci step per ottenere una valutazione personale del rischio di epatite C e imparare, rispondendo ad ogni domanda, qualcosa di più su quelle che potrebbero essere le possibili dinamiche del contagio. (altro…)