feto

Spina bifida: le estraggono il feto, lo operano e lo rimettono nella pancia. Mamma e figlio stanno bene

Pubblicato il 14 Feb 2019 alle 6:08am

Le hanno tolto il feto dalla pancia, lo hanno operato, e poi rimesso nel suo ventre per farla continuare normalmente con la gestazione. Un intervento pionieristico per Bethan Simpson, infermiera 26enne di Burnham, nell’Essex, che ha permesso di salvare la vita al piccolo ancora nato, affetto da spina bifida.

Quando la donna e il marito hanno scoperto la malformazione che il loro bambino avrebbe avuto, hanno pensato subito ad un’interruzione di gravidanza. Poi hanno scoperto però, che esisteva una procedura di salvezza. Una speranza di vita diversa per il loro bambino.

La donna è stata allora operata alla 24esima settimana dai chirurghi dell’University College Hospital e del Great Ormond Street Hospital. I dottori le hanno rimosso il feto dalla pancia, riparato la lesione spinale e poi rinserito in utero perché potesse terminare il suo sviluppo nel modo più naturale possibile, dentro il ventre della sua mamma. «Posso dire che è stato un successo. Sono ancora dolorante, ma finché il mio bambino sta bene, posso dire di essere felice», ha raccontato la donna dopo l’intervento chirurgico, secondo quanto riportato anche dal Daily Mail.

In Inghilterra, l’80% delle donne che scoprono che il loro feto è affetto da spina bifida decidono di abortire, ma con questa procedura riescono a salvare molte più vite.

Usa: drammatico aumento della sifilide tra neonati, raddoppio casi dal 2013

Pubblicato il 28 Set 2018 alle 10:26am

E’ in drammatico aumento il numero dei casi di sifilide tra i neonati americani: registrati dal 2013 a oggi. (altro…)

Milano, bimba salvata in utero grazie a trasfusioni di sangue molto raro

Pubblicato il 22 Set 2017 alle 5:41am

Una gravidanza a rischio, a causa di un sangue troppo raro rischiava di danneggiare il feto, ma per fortuna è stata portata a termine grazie alla capacità di trovare quell’unico donatore in Italia con un gruppo sanguigno compatibile, grazie al quale è stato possibile fare trasfusioni di sangue direttamente in utero e salvare così la vita della nascitura. (altro…)

Cuore malformato, operato a Bergamo prima di nascere

Pubblicato il 28 Feb 2014 alle 11:55am

Un intervento davvero straordinario e molto delicato, il primo in Europa, quello che è stato eseguito all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo su di un feto di circa 33 settimane, il 31 gennaio, perché colpito da una ipoplasia del cuore sinistro, ovvero un insufficiente accrescimento della parte sinistra dell’organo cavo che immette il sangue nel corpo. (altro…)

New York: ragazza fa shopping con un feto nella borsa

Pubblicato il 18 Ott 2013 alle 9:17am

Una ragazza di diciassette anni, dopo aver avuto un aborto spontaneo, se ne è andata in giro a fare shopping con un’amica da Victoria’s secret a Manhattan. Avendo un atteggiamento strano ha insospettito un agente di sicurezza che le ha chiesto di aprire la borsa pensando che avesse rubato qualcosa dalla boutique. (altro…)

Ravenna: bimba nata morta lasciata per tre ore su una barella

Pubblicato il 15 Gen 2013 alle 8:30am

Un feto nato morto domenica pomeriggio per complicazioni intervenute durante la gestazione, invece di raggiungere l’obitorio, e’ stato lasciato per diverse ore in una barella di un corridoio dove a trovarlo, nella mattinata di ieri, e’ stato un addetto alle lettighe. E’ accaduto all’ospedale di Ravenna dove la direzione sanitaria ha avviato un’indagine interna per capire come si sia potuto generare l’evidente errore di comunicazione tra reparti.

Secondo quanto ricostruito, le ostetriche hanno rilevato che il feto era morto e sono scattate tutte le pratiche del caso: il cadavere, corredato di relativa documentazione, e’ stato avviato all’apposito locale interdetto al pubblico. E’ li’ che verso le 7 di oggi gli operatori dell’obitorio lo avrebbero dovuto ritirare. E invece cio’ e’ non e’ accaduto perche’ c’era un altro cadavere presente in quel momento nella stanza, che e’ stato portato via.

Quando verso le 9.20 un’addetta ha trovato il corpo avvolto tra le lenzuola in un punto dell’area barelle, ha dato l’allarme. All’inizio si era ipotizzato potesse trattarsi di un feto abbandonato da ignoti tanto che e’ stato subito avvisato il posto di polizia interno e da qui la Questura. Poi sono emersi i fatti e il corpicino e’ stato ritirato dagli operatori dell’obitorio.

Il telefono cellulare durante la gravidanza può far male al feto

Pubblicato il 18 Mar 2012 alle 8:23am

Durante la gravidanza, l’esposizione del feto alle radiazioni del telefono cellulare può causare un’alterazione del suo sviluppo, nonché funzioni neurologiche. (altro…)

Gravidanza: dalla 7^ settimana di gestazione, test del sangue scopre identità del feto

Pubblicato il 11 Ago 2011 alle 7:11am

Se si vuole sapere in anticipo se il bambino che si attende sarà maschio o femmina, c’è un nuovo test del sangue, che la mamma può fare già dalla settima settimana di gravidanza. (altro…)