giovani

Psoriasi, rischio più elevato quando c’è una ridotta attività fisica

Pubblicato il 19 Gen 2021 alle 6:00am

Non praticare sport, soprattutto se giovani può significare correre un maggiore rischio di soffrire poi di psoriasi autoimmune, “uno stato di instabilità della crescita dell’epidermide in alcune sedi, non una malattia vera e propria, quanto una anomalia della crescita dell’epidermide, che può comparire e scomparire spontaneamente”, come spiegato dal portale del polo ospedaliero “Humanitas”.

A sostenere la tesi di questa connessione sono gli scienziati dell’Università di Goteborg, in Svezia, attraverso una ricerca sui militari arruolati per la leva obbligatoria. Il rischio di sviluppare la psoriasi, tra chi in giovane età dimostra una scarsa forma fisica, è risultato del 35% più alto rispetto agli altri. Il lavoro si è basato sui dati di più di 1,2 milioni di 18enni arruolati nelle forze armate svedesi tra il 1968 e il 2005.

Giovani, il primo desiderio del 2021 è tornare a scuola

Pubblicato il 06 Gen 2021 alle 6:23am

In a bottle (www.inabottle.it) ha realizzato uno studio su 1500 studenti di età compresa tra i 18 e i 25 anni con il metodo della Web Opinion Analysis cioè monitorando social, forum e community. (altro…)

Piu’ tatuatori e dog-sitter, scelti tra i giovani

Pubblicato il 04 Set 2020 alle 6:23am

Tatuaggi e percing, ma anche giardinaggio o party planner. Sono queste le attività più gettonate, che i giovani di oggi, gli under 35 hanno deciso di intraprendere negli ultimi cinque anni.

Le donne invece hanno preferito indirizzarsi su centri estetici e parrucchieri. Mentre gli stranieri hanno puntato in questi anni su alcuni specifici lavori legati al mondo dell’edilizia. È quanto risulta dall’ultimo studio pubblicato da Unioncamere e InfoCamere sull’evoluzione dei mestieri in Italia.

Quasi 80mila lavoratori in un settore che conta poco meno di 1.300 attività, e che dal 2015 al 2020 alcune imprese della categoria sono cresciute, raggiungendo anche numeri consistenti mentre altre, come quelle del settore dell’edilizia e del piccolo trasporto (i padroncini) registrano una flessione.

Cresciute in maniera esponenziale le imprese legate ad ‘Altri servizi alla persona’ (+88,4% pari a 5.382 imprese in più) che si deve in gran parte ai tatuatori e agli addetti al piercing che sono passati da 2.150 di giugno 2015 a oltre 5mila di giugno 2020. Non solo. Sono aumenti anche i negozi che comprano e vendono oggetti usati (passati da 151 a 754), le imprese di organizzatori di feste e cerimonie (da poco più di mille a 1.700) e quelle che si occupano della cura di animali domestici (toelettatori, addestratori, dog sitting ecc., che erano meno di 2mila nel 2015, oggi sono quasi 2.700). Balzo in avanti anche per gli addetti alle pulizie, aumentati di 5.600 unità in 5 anni, i giardinieri (+3.200), i parrucchieri e gli estetisti: 2.344 le imprese in più nel periodo.

Foto Scoprilavoro.it

Brutte ma la vera rivelazione dell’anno anche in Italia, le Birkenstock

Pubblicato il 04 Set 2020 alle 6:00am

Un vero e proprio must dei paesi scandinavi, con una storia antichissima alle spalle che risale al 1774, dopo decenni in cui, perlomeno in generale, veniva guardata con un certo horror almeno in Italia, etichettata come ‘da frate’ e considerata poco elegante, ora è diventata la scarpa rivelazione dell’anno, amatissima anche dai giovani nell’estate post lockdown, stiamo parlando della Birkenstock.

Dal plantare comodo, e un’idea di comfort, di vacanze all’aria aperta hanno fatto di questa calzatura il boom, anche grazie alle collaborazioni d’autore con stilisti come Mario Valentino – che ha conquistato i piedi di tutte le fashioniste del mondo e alla quale nemmeno i più grandi brand del lusso hanno potuto fare di più.

Photo Credit Vanitycode.it

Adolescenti sedentari, a 18 anni più depressi

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 8:51am

La sedentarietà è il male del secolo. Fa male non solo al corpo ma anche alla mente. E anche fra i più giovani, infatti, non praticare attività fisica aumenta il rischio di avere sintomi depressivi fra gli adolescenti. Lo ha dimostrato uno studio condotto dalla University College London che ha osservato comportamento e umore di oltre 4.200 adolescenti. Nei quali è emerso che queste persone, più erano inattive e maggiore era il rischio che presentavano un umore basso e altre manifestazioni legate alla depressione… come scarsa concentrazione e attenzione, a 18 anni. I risultati sono stati resi noti sulla rivista scientifica The Lancet Psychiatry. (altro…)

Censis, per 1 giovane su 10, l’identità coincide con i social. Il 39,9% con l’essere italiano

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 7:21am

Per il 3,5% degli italiani la propria identità viene identificata attraverso un profilo di un social network. Una percentuale questa, che tende a salire del 9,1% tra i giovani: 1 su 10. (altro…)

Leo Gassmann è il vincitore della sfida delle Nuove Proposte 70° Festival di Sanremo

Pubblicato il 08 Feb 2020 alle 1:18pm

E’ Leo Gassmann il vincitore della sezione Nuove Proposte al 70° Festival di Sanremo, con il brano “Vai bene così”. Ha ottenuto il 52,5% nella sfida contro Tecla Insolia e il papà Alessandro festeggia. Dopo la vittoria del figlio l’attore e regista, che non era all’Ariston, ha postato sui social un video di esultanza.

Il testo di Leo Gassmann invita ad accettare i propri fallimenti. Il giovane cantautore l’ha scritto dopo aver vissuto una serie di vicissitudini e delusioni. “Dentro c’è tutto quello che avrei voluto sentirmi dire in quei momenti. Dobbiamo imparare che la vera sconfitta non è cadere, chiedere scusa e ripartire, ma l’ossessione della vittoria”. In conferenza stampa di ieri il ventiduenne aveva detto a proposito dei genitori (la mamma, l’attrice Sabrina Knaflitz): “Mi sostengono da lontano, perché sono a inseguire i loro di sogni. Ma fanno il tifo per me, ovvio. Per non farli agitare, come quando mi sono presentato a X Factor, non gli ho detto che ero stato selezionato per Sanremo Giovani. Non volevo farli preoccupare”.

Aids, arriva l’allarme dall’Oms: diagnosi tardiva per una donna europea su due

Pubblicato il 04 Dic 2019 alle 6:29am

Per una donna su due, europea, la diagnosi di Aids arriva in modo tardivo. A dirlo i dati diffusi dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dall’Ufficio regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per l’Europa. Secondo i quali nel 2018, nei 53 paesi della regione europea ci sono state oltre 140mila nuove diagnosi di infezione da Hiv, di cui più di 26mila nella Ue.

Ad alimentare l’Hiv in Europa è un problema persistente di diagnosi tardiva che caratterizza il 54% dei casi noti tra le donne. Dati in linea con quelli dell’ultimo Rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità: anche se per la prima volta si registra una diminuzione di circa il 20% delle nuove diagnosi, lo scorso anno il 57% delle persone ha scoperto di essere sieropositiva molti anni dopo essersi infettata e si stima che circa 15mila persone abbiano contratto il virus dell’Hiv senza saperlo. Questo perché oggi non fa più paura visto che i giovani la ritengono una malattia curabile. A fotografare il livello di conoscenza dei Millennials è una ricerca svolta su 5534 ragazzi – tra gli 11 e 25 anni – da Skuola.net col supporto non condizionato di Msd Italia, in occasione della Giornata mondiale dell’Aids.

La disinformazione è ancora alta tra i giovani e quelli della Generazione Z nati tra la fine degli anni ’90 e i 2000. Una delle false credenze più dure da abbattere è il fatto di non accettare che il virus dell’Hiv possa contagiare tutti, indipendentemente dallo stile vita tenuto: solo il 68% del campione esaminato è consapevole di ciò. Mentre quasi 1 su 3 associa il rischio di contrarre la malattia a determinati comportamenti, tipo, rapporti con molti partner, tossicodipendenza e omosessualità.

Preservativi anche a scuola

Pubblicato il 18 Nov 2019 alle 7:51am

Sul sito del ministero della Salute in un comunicato, si spiega che «Tra le nuove generazioni c’è ancora poca consapevolezza sul virus, su come si trasmetta e su cosa fare per proteggersi – a spiegarlo è Pierpaolo Sileri, vice ministro della Salute -. Aggiungendo anche che , molti confondono la prevenzione delle gravidanze indesiderate, e quindi l’assunzione della pillola contraccettiva, con la prevenzione dall’Hiv e il resto delle malattie sessualmente trasmissibili, contro cui lo strumento più efficace è senza dubbio il profilattico».

Ecco perché, in questa prospettiva, diventa «Fondamentale allora promuoverne l’uso nelle scuole e nelle università. Tra l’altro c’è già un protocollo d’intesa del 2015 tra il ministero della Salute e il Miur per l’educazione alla salute e alla sessualità in favore degli studenti e dei docenti. Sulla base di questa intesa – conclude – è già pronta una proposta di linee di indirizzo».

E mi sembra questa un’ottima iniziativa da parte del governo per le nuove generazioni, molto più precoci di quelle passate.

Vaccino Hpv gratis anche alle donne fino a 26 anni

Pubblicato il 01 Lug 2019 alle 10:03am

Anche per le donne con meno di 26 anni e mai vaccinate, diventa gratuita la profilassi anti-papilloma virus, già di routine per gli adolescenti di entrambi i sessi a partire dagli undici anni di età.

In alcune amministrazioni nazionali è un passo importante nell’ambito delle politiche di prevenzione sanitaria per contrastare con efficacia le patologie causate dal virus Hpv, riducendone la circolazione. Nel piano vaccini contro le infezioni da Papilloma virus, la strategia adottata in un primo tempo è stata di vaccinare le ragazze in età precoce per intervenire prima dell’inizio dell’attività sessuale e, poi, di introdurre la vaccinazione attiva anche per i maschi. Ora si assiste ad un’estensione gratuità del vaccino anche ad una platea più ampia per consentire una protezione anche in età più elevata contro il rischio di lesioni che possono trasformarsi in tumori.

Il vaccino potrà essere somministrato in concomitanza della prima chiamata per lo screening del tumore del collo dell’utero. Rientrano nell’ampliamento della copertura vaccinale gratuita anche le donne che abbiamo subito recenti trattamenti per il trattamento delle lesioni Hpv correlate, per ridurre il rischio di possibili recidive. Infine, la gratuità di questa vaccinazione è stata estesa anche alle persone che debbano svolgere terapie con immunomodulatori e immunosoppressori.

Per saperne di più informarsi presso il proprio distretto usl di competenza.