spazio

23 maggio Mission Dark Sky, al via la campagna contro l’inquinamento luminoso

Pubblicato il 22 Mag 2019 alle 10:28am

«Lanciamo una campagna di informazione e comunicazione contro l’inquinamento luminoso. Quindi, contro lo spreco di energia elettrica, e a vantaggio delle osservazioni astronomiche». Ad affermarlo Emmanuele Macaluso, studioso di marketing, di comunicazione e divulgatore scientifico di tematiche spaziali, che è il fondatore di Mission Dark Sky (Missione Cielo Buio) una campagna di sensibilizzazione che partirà il prossimo 23 maggio e che riguarderà tutta l’Italia, e che coinvolgerà esperti e scienziati del settore.

«L’Italia è tra i paesi del G7 quello che consuma maggiormente energia elettrica – spiega Macaluso – e lo possiamo notare anche dalle nitide immagini che ci inviano gli astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale. Questa campagna di comunicazione, serve a sensibilizzare un po’ tutti sulle conseguenze e l’uso scorretto degli apparati di illuminazione pubblici e privati, e vuole divulgare ricerche e materiale autoprodotto proveniente da partner scientifici e da enti di ricerca attraverso canali di comunicazione e stampa». E tutto questo è rivolto anche ad astronomi e astrofili, che a causa delle fonti luminose che si concentrano sempre più, hanno sempre maggiori difficoltà per le osservazioni astronomiche.

Organi in miniatura su chip pronti per a partire per lo spazio il prossimo 30 aprile

Pubblicato il 28 Apr 2019 alle 9:10am

Polmoni, reni, midollo osseo e cartilagine, sono gli organi in miniatura che si apprestano a partire alla volta della Stazione Spaziale Internazionale il prossimo 30 aprile, a bordo della capsula Dragon. Obiettivo dell’esperimento? Organizzato dai National Institutes of Health (Nih) degli Stati Uniti, e’ studiare le malattie in condizioni di microgravita’, nella speranza di poter osservare dettagli che sulla Terra e’ difficile cogliere.

Il lancio e’ in programma da Cape Canaveral con il razzo Falcon 9 della SpaceX. Gli organi in miniatura si trovano su chip tridimensionali e, oltre alle malattie, potranno essere la chiave per studiare fenomeno piu’ complessi e dovuti a numerosi fattori, come l’invecchiamento.

Foto Ansa

L’intelligenza artificiale può riconoscere l’obesità dallo spazio

Pubblicato il 06 Set 2018 alle 7:50am

L’intelligenza artificiale riconosce l’obesità dallo spazio: dopo avere analizzato 150.000 mappe di Google basate sulle immagini dei satelliti, ha incrociando questi dati con le statistiche relative alla diffusione dell’obesità fino ad ottenere una mappa delle aree nelle quali le persone obese sono più numerose. L’esperimento, che offre una base per mirare le campagne di salute pubblica contro l’obesità, è stato condotto per il momento in sei città americane: Bellevue, Seattle, Tacoma, Los Angeles, Memphis e San Antonio. (altro…)

Couture in orbit, collezione nata tra Esa e Scuola e Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, in mostra per il Fuorisalone

Pubblicato il 23 Apr 2018 alle 6:30am

Si ispira all’ambiente e alla microgravità degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale la collezione ‘Couture in orbit’ nata da un progetto dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con la collaborazione della Scuola e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, in mostra per il Fuorisalone nel neonato Bovisa Design District.

I materiali utilizzati sono quelli riflettenti e sono molto leggeri, fatti di multistrato di puro alluminio alternato a reti bianche simili a garze che sono utilizzate per realizzare i satelliti. I colori lunari dei bianchi e degli argenti si alternano a stampe ispirate alle immagini della terra prese dal satellite.

I vestiti sono il risultato di un progetto internazionale che ha visto l’ESA coinvolgere diverse scuole del design europee per produrre una capsule collection dai materiali innovativi derivanti dalla ricerca spaziale. Couture in Orbit è stato sviluppato dalla professoressa Annalisa Dominoni del Politecnico insieme ai suoi studenti in occasione del Master in Fashion Design ed è continuato come attività di ricerca grazie al supporto di ESA Technology Transfer Program (TTP) per l’integrazione di materiali e tecnologie nei capi. Le tecnologie scelte sono state sviluppate dal sistema di trasferimento tecnologico ESA Technology Transfer Program (TTP). Tra queste la Cooling Technology, utilizzata per mantenere la temperatura costante nelle tute degli astronauti, e successivamente scelta come spin-off dalla McLaren per le tute dei meccanici.

Paolo Nespoli riporta l’Italia nello spazio: nel 2017 volerà sulla Stazione Spaziale Internazionale

Pubblicato il 30 Lug 2015 alle 11:18am

Paolo Nespoli avrà compiuto 60 anni quando tornerà per la terza volta nello spazio. L’annuncio è stato dato questa mattina dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa). (altro…)

Samantha Cristoforetti, la prima donna italiana in orbita. Lancio previsto per questa sera

Pubblicato il 23 Nov 2014 alle 6:10am

Nella base di Baikonur è conto alla rovescia, per la prima donna italiana a volare nello spazio. (altro…)

Spazio: nella Via Lattea oltre 20 miliardi di pianeti simili alla Terra per dimensioni

Pubblicato il 06 Nov 2013 alle 9:04am

Grazie al telescopio Kepler della NASA, che ha scattato fotografie a 150.000 stelle nel campo della costellazione del Cigno, per 4 anni ogni 30 minuti, si è scoperto che esistono circa 20 miliardi di pianeti simili per dimensioni alla nostra Terra nella sola Via Lattea. (altro…)

L’astronauta italiano Luca Parmitano a bordo della Iss per la missione Volare

Pubblicato il 29 Mag 2013 alle 10:38am

La navetta russa Soyuz, con a bordo l’astronauta italiano Luca Parmitano, si è agganciata alla Stazione spaziale internazionale (Iss). La partenza è avvenuta alle 22.31 dalla base russa di Baikonur, in Kazakhstan, la Soyuz ha dunque completato il suo secondo viaggio “rapido” verso la stazione orbitale, dove è arrivata in meno di sei ore anziché in due giorni come annunciato. (altro…)

Luca Parmitano, il primo italiano a passeggiare nello spazio

Pubblicato il 22 Feb 2013 alle 4:00pm

Si chiama Luca Parmitano, ha 36 anni ed è siciliano. E’ il primo italiano scelto dalla Nasa per far parte del prossimo equipaggio della Stazione spaziale internazionale (Iss) che compiranno una passeggiata cosmica. (altro…)

L’asteroide che sfiorerà la Terra il 15 febbraio

Pubblicato il 06 Feb 2013 alle 11:27am

Il 15 febbraio un asteroide da 130.000 tonnellate passerà vicino la Terra intorno alle 20.24 ora italiana, facendo uno “slalom” tra i satelliti geostazionari. (altro…)