Oggi è possibile giocare con le proteine: basta, infatti, partecipare al progetto Foldit, la nuova iniziativa lanciata dai laboratori del Center for Game Science della University of Washington in collaborazione con il Baker lab.

Sembra, infatti, che giocando con i nuovi modelli 3D messi a disposizione di questi scienziati, alcuni utenti di internet siano riusciti a ricostruire la struttura di una proteina molto particolare.

Foldit, è un vero e proprio gioco dove si collabora e ci si scontra con gli avversari. I risultati raggiunti dalle partite, vengono poi inviati agli esperti di biochimica in modo da essere perfezionate ed esaminate.

Grazie a questo gioco, si è riusciti a scoprire anche la composizione degli enzimi prodotti dal codice genetico dell’AIDS.

Giocando per tre settimane, è stata realizzata in 3D la forma di una particolare proteina della classe delle cosiddette ‘proteasi retrovirali’, prodotta dal virus della scimmia di Mason-Pfizer.

Per conoscere la sua struttura e quella degli enzimi questo gioco online, sarà ora molto utile per capire meglio i processi dei virus, compreso quello dell’Aids.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.