L’assistenza domiciliare per la cura a lungo termine degli anziani fragili o con malattie croniche in Italia non è purtroppo una vera utopia.

Infatti, solo il 2,7% degli ultrasessantacinquenni italiani (in alcuni Paesi del Nord Europa sono assistiti in casa il 20% degli anziani) può beneficiarne e le prestazioni, le ore dedicate a ciascun assistito, la natura pubblica o privata degli operatori e il costo pro capite dei servizi sono differenti e variegati anche da regione a regione.

Lo rilevano i dati del Ministero della Salute e una survey effettuata da Italia Longeva, network scientifico dedicato all’invecchiamento attivo e in buona salute. I dati sono stati presentati nel corso della seconda edizione degli Stati Generali dell’assistenza a lungo termine (Long Term Care 2).

Tali dati fanno emergere che nel nostro Paese sono assistiti a domicilio solo 370mila over 65, a fronte di circa 3 milioni di persone con disabilità severe dovute a malattie croniche, che necessiterebbero di cure continuative.

Inoltre, a ciascun paziente si dedicano in media 20 ore di assistenza domiciliare ogni anno, mentre alcune nazioni europee garantirebbero le stesse ore in poco più di un mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.