psoriasi

Psoriasi: oltre 2mln gli italiani che ce l’hanno

Pubblicato il 20 Apr 2019 alle 7:35am

La psoriasi è una malattia che colpisce il 3% della popolazione mondiale e nel 10-20% dei casi può presentarsi in forma grave o medio grave. In Italia soffre di questa patologia autoimmune circa il 3-4% della popolazione pari a circa 2,5 milioni di persone. “La psoriasi – spiega Piergiacomo Calzavara Pinton, presidente della Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse (Sidemast) – è una malattia della pelle molto diffusa, e colpisce ad ogni età, dall’infanzia fino alla tarda età. Ha un andamento cronico con delle recidive, e si presenta prevalentemente con una forma che colpisce le superfici di ginocchia e gomiti o la testa, ma può apparire anche in altre parti del corpo”.

“È molto importante tener presente – aggiunge ancora lo specialista – che la psoriasi è una malattia sistemica con un coinvolgimento articolare molto frequente, ma spesso si associa anche ad una sindrome metabolica, ovvero l’aumento di peso e il rischio cardiovascolare aumentato, a fenomeni di tipo depressivo in alcune persone, e quindi il paziente va inquadrato nella sua interezza”. “La psoriasi è una malattia non infettiva né contagiosa – avverte Ketty Peris, direttore Dermatologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma – ma è una malattia infiammatoria cronica, quindi mediata dal sistema immunitario. La forma più frequente, la cosiddetta psoriasi a placche che viene detta lieve quando prende meno del 10% della superficie corporea, moderata-severa quando ha un ‘Pasi’ (ovvero un sistema che si utilizza per valutare la gravità della malattia) maggiore di 10”.

“Oggi – afferma Francesco Cusano, presidente dell’Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi) – l’obiettivo principale è quello di perseguire con i farmaci moderni è di ottenere il cosiddetto Pasi 90, ovvero un miglioramento fino al 90% o del 100%, quindi una tenuta completamente pulita della pelle. In questo ambito gli ultimi ritrovati, tra cui il risankizumab che è un’anti-interleuchina 23, sembrano estremamente promettenti e fra pochi mesi quando saranno a disposizione di tutti, potranno sicuramente darci una grossa mano nell’ottenere grossi risultati permanenti e duraturi nel controllo di questa patologia”.

Psoriasi, dal 31 ottobre disponibile un nuovo farmaco per forme moderate o gravi

Pubblicato il 03 Nov 2018 alle 6:39am

E’ disponibile dal 31 ottobre, un nuovo farmaco in grado di spegnere l’infiammazione e di aiutare a contrastare i sintomi della psoriasi. (altro…)

Psoriasi: un’iniezione al mese per una pelle “pulita” per 3 anni

Pubblicato il 29 Mag 2018 alle 6:16am

E’ in arrivo un innovativo trattamento per liberare la pelle dai segni della psoriasi nel giro di un solo mese. Grazie infatti ad una semplice iniezione da fare a casa da solo, il paziente può vedere ottimi risultati ogni 4 settimane, e mantenere la pelle “pulita” per ben 3 anni.

A dimostrarlo uno studio l’“Unicover-3” incentrato sull’anticorpo monoclonale ixekizumab di Eli Lilly, presentato in occasione del 93° Congresso nazionale della Sidemast, la Società italiana di dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle malattie sessualmente trasmesse, in corso a Verona.

Il farmaco protagonista del trial agisce sull’interleuchina 17A, fattore chiave nella psoriasi, inattivandone la capacità di accendere e far progredire la malattia. Unicover-3, di fase clinica III, viene descritto come “il primo studio su 3 anni con un risultato di efficacia così elevato“. Sono stati coinvolti e monitorati più di 1.300 pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave, che “in oltre l’80% dei casi hanno ottenuto risultati più che soddisfacenti a 156 settimane rispetto agli indici Pasi 90 e Pasi 100, i ‘misuratori’ di risposta terapeutica più elevata per la psoriasi“. Ma l’efficacia prolungata senza cali di prestazione “non è il solo dato positivo: lo studio ha evidenziato anche un elevato profilo di sicurezza, ovvero massima tollerabilità con modesti effetti collaterali, e di ‘convenienza’, mantenendo cioè i risultati promessi con una sola iniezione autosomministrabile dal paziente al proprio domicilio, visibili già dopo 2-4 settimane dal primo utilizzo rispetto alle 24 settimane di altre terapie simili“. Per il paziente questo significa “confortevolezza per la risposta visiva immediata, facilità di impiego, riduzione del tempo da dedicare alla terapia, tranquillità terapeutica priva di rischi e/o eventuali complicanze: in una parola migliore aderenza terapeutica, di norma difficile nel lungo periodo“.

Per Giampiero Girolomoni, direttore della Clinica dermatologica dell’università di Verona e presidente del Congresso Sidemast, “abbiamo a disposizione una cura, già molto efficace su 2 anni, ora con risultati mantenuti a un livello costante per un tempo di almeno 3 anni. Sono questi i due target più significativi dimostrati dallo studio Unicover-3“, randomizzato, controllato, in doppio cieco.

Una bellissima notizia dunque per milioni di persone che devono fare i conti giornalmente con questa imbarazzante patologia della pelle.

Psoriasi, la fototerapia arriva a casa dei pazienti gratis. Al via un progetto-pilota in Emilia Romagna

Pubblicato il 12 Apr 2018 alle 9:43am

La fototerapia resta l’unica arma vincente contro la psoriasi: anche perché presenta pochi effetti collaterali, può essere utilizzata anche nei bambini ed è una buona opzione per chi, pur avendone bisogno, non può prendere i medicinali generalmente prescritti nei casi più gravi (ad esempio in gravidanza, oppure per chi soffre di altre patologie). (altro…)

Psoriasi, Italia agli ultimi posti per la felicità dei pazienti

Pubblicato il 23 Nov 2017 alle 7:11am

L’Italia si colloca nelle ultime posizioni, al 16.esimo posto su 19 nazioni considerate, come Paese dove le persone affette da psoriasi sono più felici. E’ quanto emerge dal ‘World Psoriasis Happiness Report 2017’, una delle più grandi ricerche mai condotte a livello mondiale sull’impatto psicologico di questa patologia cronica della pelle. (altro…)

Psoriasi: i benefici delle Terme di Comano. I consulti gratuiti

Pubblicato il 19 Ott 2017 alle 9:24am

La psoriasi è una malattia della pelle. Una dermatite cronica, ossia persistente e duratura, che causa nella maggior parte dei casi lesioni caratterizzate da pelle ispessita con aspetto squamoso bianco-argenteo, spesso associate a prurito. (altro…)

Come guarire da vitiligine e psioriasi con la microfototerpia

Pubblicato il 12 Mar 2017 alle 9:51am

Chi soffre di vitiligine o psioriasi può ricorrere alla microfototerapia, una valida terapia per le malattie della pelle altamente innovativa. (altro…)

Dalla frutta la scoperta di una molecola capace di curare asma grave e psoriasi

Pubblicato il 07 Mar 2017 alle 6:00am

E’ stata scoperta nella frutta una piccola molecola dall’azione antinfiammatoria che potrebbe rivelarsi molto efficace nella lotta all’asma e alla psoriasi. (altro…)

Giornata Mondiale della Psoriasi, 28 ottobre, visite gratuite. 3mln di italiani ne soffrono ma non si curano

Pubblicato il 24 Ott 2016 alle 5:48am

Sarebbero tre milioni gli italiani costretti a fare i conti con la psoriasi, malattia infiammatoria cronica della pelle dall’altissimo impatto estetico, e sociale, almeno nei casi più gravi.

Per almeno 750mila le terapie sono inadeguate, tardive per colpa della crisi e delle Regioni che tagliano il budget, col rischio che la malattia progredisca e diventi sempre più grave.

A lanciare l’allarme, in occasione della Giornata mondiale della psoriasi, che si celebra il 29 ottobre, l’Adipso (Associazione per la difesa degli psoriasici) mette in guardia spiegando che la situazione potrebbe addirittura sfuggirre di mano.

Parla infatti con numeri alla mano, di 12 mila persone, che sono in terapia biologica con i farmaci di nuova generazione, ma ad averne bisogno sarebbero addirittura 750 mila. Per questo, qualcosa bisogna fare al più presto.

Altro problema che emerge è che «La maggior parte dei pazienti viene discriminata – spiega il presidende dell’associazione – si sentono chiusi in una gabbia, ma la chiave per aprirla è una terapia corretta e tempestiva dal momento che tanti, affetti da forme lievi o misconosciute, restano disorientati negli ambulatori tradizionali e non ricevono la diagnosi».

Per questo motivo, in occasione della Giornata mondiale della psoriasi, ci sarà un open day in oltre 150 ospedali e in alcune piazze gazebo informativi. «Uno psoriasico grave non curato – ha concluso la Maccarone – non va al lavoro, non può prendersi cura della famiglia, è spesso costretto al ricovero e finisce non di rado nel tunnel della depressione».

Kim Kardashian malata di psoriasi, lo rivela sui social

Pubblicato il 04 Set 2016 alle 6:16am

Kim Kardashian rivela di essere malata e di soffrire di una malattia cronica che le è stata diagnosticata nel 2010, la psoriasi.

Una patologia cronica è caratterizzata da eritemi, solitamente urticanti, che compaiono su diverse parti del corpo, ginocchia, gomiti, nuca, ecc.

Per Kim Kardashian la parte più colpita sono state le gambe, in particolare quella destra e per questo per dare conforto a quanti combattono nel quotidiano la sua stessa malattia, ha deciso di condividere i dettagli, me lei, ne soffre e prova vergogna. “Non ci provo neppure più a coprire l’eritema” ha spiegato sui social, rivelando di aver cercato inizialmente di nascondere l’eritema, ma di essere stanca di dover fingere di stare bene.

“Tutti coloro che hanno la psoriasi presentano differenti sintomi”, parlando così dei suoi.