rapina

Roma, ucciso carabiniere con 8 coltellate per 100 euro: è caccia a due nordafricani

Pubblicato il 26 Lug 2019 alle 10:45am

Carabiniere di 35 anni, Mario Rega Cerciello, vicebrigadiere, è stato ucciso a Roma mentre tentava di fermare due rapinatori che avevano derubato una donna. Un altro è rimasto ferito. L’episodio è avvenuto in pieno centro a Prati. La vittima, un’italiana, era stata borseggiata martedì sera nei pressi di piazza Cavour. Subito dopo il colpo la donna chiamando al telefono ha cercato di recuperare almeno la borsa con i documenti e le chiavi di casa. A rispondere, però, sono stati proprio i due balordi che hanno tentato di estorcere alla donna un po’ di soldi.

I due uomini ora ricercati avevano richiesto cento euro in cambio della restituzione del borsello rubato con il «cavallo di ritorno». All’appuntamento fissato giovedì notte dai due poco lontano dal luogo del borseggio, in via Pietro Cossa, la vittima è stata accompagnata dai carabinieri che avevano preparato la trappola.

Una volta arrivata sul posto, iniziato lo scambio, i militari sono intervenuti per tentare di bloccare i due nordafricani, probabilmente magrebini. Ne è nata così una feroce collutazione. Uno dei malviventi, per tentare la fuga, ha estratto un coltello colpendo più volte uno dei militari. Il vicebrigadiere si è accasciato a terra, mentre gli altri colleghi, uno dei quali è rimasto ferito, tentavano inutilmente di fermare i rapinatori.

Sul posto sono accorse poi pattuglie e pronto soccorso. Il vicebrigadiere, trasportato d’urgenza al Santi Spirito, è morto poco dopo il ricovero. Almeno sette i fendenti che ha subito, uno dei quali proprio vicino al cuore.

Napoli, donna violentata e rapinata da due uomini

Pubblicato il 22 Mar 2017 alle 10:12am

Un fermo e un arresto è stato eseguito oggi dai Carabinieri del Vomero nei confronti di due uomini di trentatré anni. I due, originari di Aversa e Grumo Nevano, sono finiti sotto accusa dopo aver rapinato e violentato una ragazza di ventisette anni. (altro…)

Bari, anziana trovata morta in casa con la testa impacchettata in una busta

Pubblicato il 14 Nov 2016 alle 10:57am

A Palese, nel quartiere alla periferia nord di Bari, ieri sera una donna di 71 anni è stata trovata morta nel salotto di casa, con la testa chiusa in una busta di plastica sigillata con lo scotch e le mani sporche di sangue. (altro…)

Da Palermo ad Asti, gruppo criminale si muoveva per rapinare banca

Pubblicato il 05 Set 2016 alle 1:05pm

Emesse misure cautelari nei confronti di un gruppo criminale con base ad Asti, supportato da ‘trasfertisti della rapina’ provenienti dalla Sicilia, smantellato dalla squadra mobile astigiana.

Sette le misure cautelari eseguite nei confronti di altrettante persone, quattro delle quali finite in carcere, e disposto l’obbligo di dimora nei confronti di altre tre persone.

Tutte accusate a vario titolo, di rapina e sequestro di persona per il colpo da 150mila euro avvenuto lo scorso 17 febbraio alla filiale astigiana di Intesa Sanpaolo di corso Savona.

Due delle persone arrestate si trovavano in carcere per la rapina alle Poste dello scorso aprile, ad Asti, sempre in corso Savona. La banda effettuava numerosi sopralluoghi per individuare gli obiettivi da colpire e con il bottino portava via anche la cassetta di videoregistrazione interna della Banca per rendere più difficile l’identificazione.

Roma, tenta di rapire due bambini a coppia di conoscenti

Pubblicato il 15 Mag 2016 alle 1:50pm

E’ accaduto ieri sera a Roma. Dopo aver offerto un passaggio a una coppia di conoscenti con due bambini di 2 anni e 9 mesi, a cercato di rapire questi due. (altro…)

Kenya, dottoressa italiana uccisa per difendere la madre, ferito il padre e due infermiere

Pubblicato il 29 Nov 2015 alle 11:13am

Rita Fossaceca di 51 anni, dottoressa italiana è stata uccisa mentre altri tre connazionali sono rimasti feriti in Kenya. Si trovavano a Mijomboni, villaggio nell’entroterra di Malindi, per conto della ForLife Onlus, associazione umanitaria internazionale.

La donna sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola mentre cercava di difendere la madre Michelina, aggredita con un machete.

I connazionali sarebbero stati vittima di una rapina.

A riferirlo è proprio l’associazione. Il padre della dottoressa italiana è rimasto ferito, insieme a due infermiere di Novara, Monica Zanellato e Paola Lenghini. Le condizioni delle donne sembrano essere invece molto gravi.

Alessandro Carriero, fondatore della Onlus, e direttore del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell’Ospedale Maggiore della Carità di Novara, dove la dottoressa Fossaceca lavorava ha detto all’Ansa in lacrime «Era il mio braccio destro non so come farò ad andare avanti».

Rita era lì da un paio di settimane, dove l’associazione sostiene l’orfanotrofio di Mijomboni, che ospita una ventina di bambini. profess

Milano, gioielliere spara e uccide il ladro in casa. Era ricercato. E’ caccia ai complici

Pubblicato il 25 Nov 2015 alle 10:25am

È caccia all’uomo in tutto il Nord Italia. Si cercano i due complici del rapinatore ucciso, ieri sera, in una villetta della frazione Lucino di Rodano, in provincia di Milano, da un commerciante di gioielli, durante una rapina finita poi in sparatoria.

I carabinieri del Comando provinciale di Milano, che indagano sul fatto hanno esteso la ricerca in tutte le direzioni di fuga, coordinati dal pm di Milano Grazia Colacicco.

Secondo quanto riferito dall’imprenditore, Rodolfo Colazzo, i tre rapinatori parlavano italiano ma avevano un accento straniero, dell’Est Europa. Non lontano dalla villetta era parcheggiata una Golf che risulterebbe essere stata rubata ma al momento non si hanno ancora conferme che possa essere stata usata proprio dai rapinatori.

Il bandito rimasto ucciso si è scoperto un pericoloso ricercato. Valentin Frrokaj, questo il suo nome, è un albanese di 37 anni, era già noto alle forze dell’ordine per alcuni rocamboleschi fatti di cronaca e criminalità.

Rodolfo Corazzo è arrivato a casa sua con un motorino poco prima delle 21. Nell’oltrepassare il cancello – secondo quanto egli stesso ha dichiarato ai carabinieri – è stato aggredito alle spalle da tre persone, che lo hanno colpito con pugni e schiaffi al volto e al collo. Lo hanno strattonato e costretto ad aprire la porta di casa, a spegnere le telecamere a circuito chiuso della sua villetta a due piani, in via Matteotti.

In casa è scoppiato il conflitto a fuoco, la dinamica ancora da chiarire. Servono ulteriori accertamenti, ma sembra che le armi utilizzate nella sparatoria siano tutte di Corazzo, che le deteneva legalmente. Il padrone di casa si occuperebbe infatti di televendite di gioielli e girerebbe abitualmente armato.

Dopo un primo colpo sparato in aria dal commerciante, uno dei rapinatori avrebbe reagito e risposto al fuoco. A quel punto il malvivente, di una trentina d’anni, sarebbe stato centrato da una pallottola e sarebbe morto sul colpo. I suoi complici sarebbero riusciti a scappare.

Padova, rapina in casa, preso in ostaggio un minore

Pubblicato il 09 Ott 2015 alle 10:50am

Una violenta rapina si è consumata nella notte in un’abitazione di Montegrotto Terme (Padova) intorno alle 4. (altro…)

Catania, duplice omicidio, anziano sgozzato, moglie lanciata dal balcone

Pubblicato il 30 Ago 2015 alle 1:48pm

Una coppia di anziani settantenni è stata uccisa nella sua villa nel Catanese. A scoprire i loro corpi senza vita, gli agenti della polizia stradale. (altro…)

Nel Vercellese in dieci assaltano caveau con ruspa e kalashnikov

Pubblicato il 27 Gen 2015 alle 11:58am

Un commando di una decina di malviventi, ha tentato di assaltare il caveau dell’istituto di vigilanza Fidelitas di Quinto Vercellese con una ruspa, facendo partire una sparatoria con kalashnikov contro i carabinieri che sono intervenuti sul posto. (altro…)