test di gravidanza

Gravidanza: quando fare il test

Pubblicato il 11 Ott 2018 alle 6:24am

Dopo quanti giorni si può fare il test di gravidanza? Il test di gravidanza dovrebbe essere eseguito almeno una settimana dopo dalla presunta data in cui le mestruazioni sarebbero dovute arrivare. Se avete un ciclo regolare, un ritardo di una settimana, potrebbe essere un sintomo di gravidanza, ma non è certo al 100%. La cosa si complica se avete invece un ciclo irregolare.

Il momento migliore per effettuare il test dovrebbe essere la mattina appena alzate, a digiuno, con la prima urina perché contiene una maggiore concentrazione dell’ormone beta hCG, ormone cosiddetto della gravidanza. La sintesi della gonadotropina corionica umana o ormone beta hcg inizia nel momento in cui si verifica l’annidamento dell’ovulo fecondato nell’utero, vale a dire una settimana circa dopo il concepimento (per questo motivo, occorre qualche giorno affinché sia dosabile). La funzione del beta-HCG è quella di provvedere al mantenimento della gravidanza, favorendo un ambiente ormonale e tissutale adatto allo sviluppo dell’embrione.

Una volta iniziata la produzione di tale ormone, la sua concentrazione raddoppia ogni due giorni. Il beta-HCG presenta un picco 60-70 giorni dopo la fecondazione, quindi diminuisce per rimanere a un livello minimo per il restante tempo della gestazione. Questo significa che potrebbe essere eseguita la sua rilevazione ancor prima che la donna possa verificare un ritardo delle mestruazioni. Appena viene secreto, l’ormone entra nella circolazione sanguigna e viene eliminato con le urine. Per questo motivo, la conferma della gravidanza può derivare sia dall’analisi di un campione ematico, sia da quella delle urine effettuato a casa propria.

L’ormone beta HCG presente nell’urina raggiunge il suo livello massimo tra la settima e dodicesima settimana di gravidanza.

Alcuni test sono in grado di calcolare la presenza di questo ormone già dopo due settimane dal concepimento, ma in alcuni casi, se c’è stato un ritardo nell’ovulazione, il risultato del test potrebbe essere anche negativo.

Quali sono i principali test gravidanza disponibili in commercio? ClearBlue Plus, Pic Personal test, Unifamily, My Test, per citarne alcuni.

Il test di gravidanza fai da te, impone di leggere attentamente le istruzioni sul suo corretto utilizzo. E’ infatti importante, che la striscia farmaceutica o il test digitale sia inserito sotto il flusso di urina della potenziale madre per verificare dopo pochi minuti la formazione di un colore (e la presenza o l’assenza di gravidanza). Il test di gravidanza in laboratorio, invece, prevede solo di recarsi in un laboratorio specializzato per il prelievo del sangue e nell’attendere in giornata o al massimo nel giorno seguente, i risultati del test (con conferma o meno dello stato di gravidanza).

Ikea, test di gravidanza: “Donne fate la pipì qui, potete vincere una culla”

Pubblicato il 21 Gen 2018 alle 9:12am

Una trovata pubblicitaria molto particolare quella del colosso di mobili low cost, Ikea. “Urinate su questo annuncio, potrebbe cambiarti la vita”, scrive il marchio del mobile rivolgendosi alle donne. (altro…)

Pillola dei 5 giorni dopo: bocciato il test di gravidanza

Pubblicato il 09 Lug 2011 alle 8:03am

Il 15 giugno scorso il Consiglio Superiore di Sanità aveva dato il via libera alla pillola contraccettiva dei 5 giorni dopo, ma gli esperti stavano ancora discutendo sulla possibilità di rendere obbligatorio un test di gravidanza prima della somministrazione. (altro…)

Quando il test di gravidanza? Istruzioni per l’uso

Pubblicato il 13 Set 2010 alle 1:29pm

Il test di gravidanza si compra in farmacia, si basa sulla verifica di una particolare sostanza presente nell’urina femminile, è facile da eseguire ed è possibile farlo già dopo pochissimi giorni dal concepimento. (altro…)

Gravidanza: quali sono i 10 sintomi per capire se si è in attesa

Pubblicato il 12 Set 2010 alle 9:31am

Per capire se si è incinte,  i primi segni compaiono a partire dalla sesta settimana di amenorrea e sono costituiti da fenomeni attribuibili all’attività del Sistema nervoso Simpatico : nausea, stipsi, bruciore di stomaco, salivazione abbondante. (altro…)