Novità importanti per il nuovo Riccometro Isee: ovvero l’indicatore che è stato rinnovato rispetto alla prima versione.

Al fine di evitare l’evasione, ci saranno misurazioni più accurate di quanto posseduto dai cittadini. Gli indicatori usati non saranno d’ora in poi solo barche, auto e moto di grossa cilindrata, immobili, ma anche fondi di investimento, conti correnti e titoli di Stato.

Riguarderà, dunque, anche i redditi derivanti da un affitto. Ogni Regione, a propria discrezione, potrà introdurre criteri aggiuntivi.

Per l’entrata in vigore delle nuove regole, bisogna aspettare l’approvazione della Conferenza Stato- Regioni prevista per oggi, quando il governo emanerà un decreto della presidenza del consiglio dei ministri.

A questo punto il nuovo Isee giungerà in Parlamento, e poi introdurrà le ultime modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.