attività fisica

Movimento, la camminata ideale è almeno 100 passi al minuto

Pubblicato il 26 Lug 2018 alle 6:09am

Camminare fa bene a tutti, ma la velocità a cui bisogna procedere per fare in modo che l’esercizio fisico sia anche efficace è un’andatura che ci lascia il fiato per parlare ma che non consenta di cantare. (altro…)

Banane, meglio degli sports drinks per chi fa’ attività fisica

Pubblicato il 09 Apr 2018 alle 8:30am

Se si fa sport solo acqua non basta. Una banana come integratore durante l’esercizio fisico è più salutare degli “sports drinks”, i beveroni a base di zucchero che assumono gli atleti in allenamento che fanno affidamento sui carboidrati per alimentare intensità di esercizio e velocità di recupero.

A dirlo una ricerca condotta dall’Appalachian State University di Kannapolis, pubblicata sulla rivista Plos One, che ha voluto confrontare gli effetti sulle cellule dei carboidrati generalmente consumati durante lo sport.

I ricercatori hanno chiesto a 20 ciclisti, uomini e donne, di partecipare a un’estenuante corsa in bicicletta di circa 75 chilometri, bevendo solo acqua. L’esperimento è stato poi ripetuto successivamente per testare gli effetti fisiologici dovuti in un caso all’assunzione delle bevande sportive e nell’altro a quella delle banane, con due settimane di washout tra i vari test. Tra cui esami del sangue prima della corsa o dopo (a 0 ore dalla fine dell’esercizio, a tre quarti d’ora, a un’ora e mezza, e ad altri intervalli di tempo, fino a 45 ore dopo). Lo scopo era quello di andare a esaminare le concentrazioni ematiche di alcuni metaboliti – i cui livelli possono cambiare quando si è o meno sotto sforzo, indicando dunque se il fisico è stressato – e alcuni marcatori di infiammazione.

Ebbene, dai risultati ottenuti, i ricercatori hanno riscontrato livelli relativamente alti dei marcatori infiammatori, quando i ciclisti bevevano semplicemente acqua. Al contrario, i livelli apparivano più bassi se gli sportivi avevano assunto la bevanda sportiva o la frutta.

Le banane infatti sono ricche di sali minerali e di potassio. Efficaci per il fisico ma soprattutto per la resistenza muscolare.

Gravidanza, in forma per battere il diabete gestazionale

Pubblicato il 04 Apr 2018 alle 7:31am

Tenersi in forma prima della gravidanza abbassa il rischio di sviluppare il diabete gestazionale di tipo2. Si riduce infatti la possibilità del 21% proprio in virtù di una forma fisica migliore derivante da attività fisica costante e moderata prima della gravidanza. (altro…)

Andare in bici migliora la vita sessuale delle donne

Pubblicato il 25 Mar 2018 alle 8:01am

Andare in bici fa’ bene alla vita sessuale delle donne, parola di esperti. Un’abitudine quella di andare in bici, sempre più diffusa, soprattutto tra le donne. Perché muoversi all’aria aperta fa bene alla mente, allo spirito e alla salute. E per questo scelgono la bici, o preferiscono andare in palestra prediligendo soprattutto in inverno, quando il tempo non lo permette, hydrobike, cyclette, spynning per mantenersi in forma.

Pedalare aiuta a dimagrire e a tonificare i muscoli delle gambe, dei glutei e dell’addome, punti critici anche per la cellulite, e quindi ritenzione idrica.

Ora invece secondo uno studio recente, condotto dall’Università della California , su di un gruppo di 3100 donne delle quali alcune andavano in bici sporadicamente mentre altre più spesso, si è scoperto che i benefici arrivano anche per l’attività sessuale delle donne.

Una scoperta molto importante che fa apparire più marginale il rischio di possibili infezioni che il sellino della bici può causare al tratto urinario femminile. Problema che col tempo potrebbe essere risolto da nuovi appoggi studiati appositamente per evitare questo fastidioso inconveniente.

Come aggiungere massa muscolare dormendo

Pubblicato il 24 Feb 2018 alle 7:52am

Usando alcuni piccoli accorgimenti si può guadagnare muscolo anche durante il sonno. Parola di esperti. (altro…)

Oms: la scarsa attività fisica tra gli adolescenti, mette a rischio lʼ81% di essi

Pubblicato il 13 Feb 2018 alle 8:24am

I ragazzi di oggi fanno poca attività fisica, cosa motlo garve. Andando incontro a seri rischi per la salute e anche a un pericolo di morte superiore alla norma. E’ la fotografia che emerge da uno studio condotto dall’Organizzazione mondiale della sanità sulel abitudini degli adolescenti, scoprendo che la maggior parte di essi è a rischio. (altro…)

Lo sport aiuta a smettere di fumare, parola di esperti

Pubblicato il 21 Dic 2017 alle 8:49am

Un recente studio condotto su animali mostra che l’attività fisica aiuta a sconfiggere la dipendenza dalla nicotina e la sensazione di crisi d’astinenza tipica di quando si tenta di smettere di fumare. (altro…)

Attività fisica: con 150 minuti a settimana si può evitare l’8% dei decessi a livello globale

Pubblicato il 25 Set 2017 alle 8:15am

L’attività fisica (palestra, passeggiate a piedi, bici, lavori di casa) può salvare la vita. I numeri arrivano da un recente studio pubblicato su Lancet che rivela che a livello globale si potrebbe avere una riduzione dell’8% dei decessi, che possono essere prevenuti con 30 minuti di attività giornaliera 5 giorni su 7. (altro…)

Bambini in movimento sono più intelligenti degli altri

Pubblicato il 24 Ago 2017 alle 7:34am

Secondo un recente studio, condotto dall’Università di Toronto, il movimento rende i bambini (e gli adulti) più intelligenti. L’attività fisica preserva, il nostro e il loro organismo e salute intellettiva. Agendo su vari meccanismi fisiologici svolge un ruolo positivo anche per le funzioni cognitive. Benefici che si estendono poi in tutto l’arco della vita. (altro…)

Scoperto l’ormone dell’invecchiamento, che può essere messo Ko dall’attività fisica

Pubblicato il 06 Giu 2017 alle 6:52am

I ricercatori del Vimm, Istituto molecolare veneto, e università di Padova, sono riusciti a individuare l’ormone dell’invecchiamento capace di mettere Ko all’attività fisica.

Tale scoperta è stata pubblicata sulla rivista scientifica ‘Cell Metabolism’ e apre a nuovi scenari per vivere meglio e più a lungo.

Già da tempo i ricercatori avevano scoperto che il deterioramento dei mitocondri, cioè delle centrali energetiche di ogni cellula, è legato all’invecchiamento. Ma questa nuova scoperta apre a nuovi scenari.

Marco Sandri e Luca Scorrano, e il loro team sono arrivati alla conclusione che la causa dell’invecchiamento dell’organismo è la produzione di un ormone chiamato FGF21. Che può rimanere a livelli bassi se si esegue una costante attività fisica.

Sì, avete capito bene. Pertanto, spiega Sandri: “Lo studio dell’ Università di Padova – ha evidenziato la doppia vita di FGF21. Per anni si è pensato che questo ormone fosse prodotto solo dal fegato e dal grasso e che avesse un’azione benefica, migliorando il metabolismo di grassi e zuccheri. Oggi sappiamo invece che l’FGF21 è prodotto anche dai muscoli, che è risultato essere con valori elevati negli anziani sedentari e bassi in quelli attivi. Inoltre quando questo ormone è prodotto dal muscolo, esso manda un segnale di invecchiamento a l’intero organismo”.

Ecco allora, che quando i livelli di FGF21 nel sangue sono alti per lungo tempo, l’organismo risponde anche con l’invecchiamento della pelle, del fegato e dell’intestino, perdendo neuroni, e causando un’infiammazione generalizzata.

“Tutto questo – sottolinea infine Sandri – accorcia drasticamente la vita”. Bloccando invece la produzione di FGF21, possono essere arrestati segni di invecchiamento a livello di cute, fegato, intestino e cervello. Il prossimo step del team sarà dunque quello di realizzare farmaci che contrastino l’invecchiamento anche per chi è impossibilitato ad esercitare una normale attività fisica.