letteratura

La Giornata Mondiale del Libro in streaming, la maratona con oltre 100 interventi della Fondazione De Sanctis | 23 aprile 2020

Pubblicato il 19 Apr 2020 alle 7:58am

In occasione della Giornata Mondiale del Libro del prossimo 23 aprile, la Fondazione De Sanctis, in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura, organizza la sua prima maratona letteraria in streaming. Grazie a una piattaforma creata appositamente per l’occasione e alla partecipazione di grandi autori e attori, la Giornata Mondiale del Libro verrà così festeggiata in tutte le case attraverso la piattaforma www.capolavoridellaletteratura.org, sul sito di Repubblica, della Corte dei Conti e di TIM.

In apertura i saluti del Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati, del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e della Vice Ministra per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale Marina Sereni. La Corte dei Conti è partner istituzionale dell’iniziativa.

La Maratona Letteraria della Fondazione De Sanctis, ideata dieci anni fa con appuntamenti periodici in sedi istituzionali, si svolgerà così per la prima volta in streaming, raggiungendo la durata eccezionale di sette ore per un evento straordinario che unirà la comunità di lettori: un modo diverso per festeggiare comunque insieme la Giornata Mondiale del Libro e l’apertura della campagna Il Maggio dei Libri.

L’evento avrà inizio alle 11.00 del 23 aprile e proporrà interventi di commento critico di alcuni autori alle grandi opere della letteratura e la lettura di alcuni passi significativi dei grandi classici da parte degli attori che hanno aderito al progetto. Il programma completo verrà annunciato nei prossimi giorni.

La conduzione verrà curata dallo scrittore Paolo Di Paolo che, assieme a Pietro del Soldà, Franco Di Mare, Veronica Gentili, Francesca Fialdini, Vladimiro Polchi, Benedetta Rinaldi, Andrea Velardi introdurrà gli ospiti della maratona per una staffetta culturale che si propone di raggiungere non solo il pubblico adulto, ma anche le giovani generazioni e le scuole, che potranno fruire dell’evento anche a scopo didattico. Per commentare in diretta la Maratona sarà possibile utilizzare l’hashtag #CapolavoriDellaLetteratura.

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è nata sotto l’egida dell’UNESCO nel 1996 per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la tutela del copyright. Il 23 aprile è stato scelto perché è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre scrittori considerati dei pilastri della cultura universale: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garcilaso de la Vega.

Da oltre un decennio la Fondazione De Sanctis promuove iniziative dedicate alla promozione della lettura e alla riscoperta dei classici, tra cui spiccano la mostra “Viaggio tra i capolavori della letteratura italiana” del 2011 al Quirinale; diversi cicli di letture di classici italiani nelle sedi istituzionali, negli istituti italiani di cultura, nei più importanti teatri, ma anche nelle carceri; molti convegni che hanno visto protagonisti i nomi più importanti della cultura italiana; fino a giungere al ciclo di letture tuttora in corso, dedicato ai capolavori della letteratura, di cui autorevoli rappresentanti della cultura leggono e commentano i passi più significativi. La promozione della grande letteratura presso un vasto pubblico e della lettura ad alta voce dei classici costituiscono anche un omaggio al pensiero di Francesco De Sanctis e alla sua convinzione, più volte espressa, che la libertà degli uomini e dei popoli dipendessero dallo studio e dalla cultura.

Il Centro per il libro e la lettura è un Istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, istituito nel 2007 con l’obiettivo di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia, nonché di promuovere il libro e la cultura italiana all’estero. Promuove la campagna nazionale “Il Maggio dei libri” e l’iniziativa “Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole”; ha creato il progetto “Città che legge” e promuove la diffusione della lettura a partire dall’infanzia e dalla scuola attraverso il “Programma 0-6”, il progetto “Educare alla lettura”, i premi “Scriviamoci”, “Premio Strega Ragazze e Ragazzi” e il portale tematico 0-20 www.ioleggoconte.it; diffonde la conoscenza del libro e della cultura italiana all’estero attraverso la partecipazione alle fiere internazionali e la promozione di premi di traduzione letteraria. Tra le sue pubblicazioni, il periodico “Libri e riviste d’Italia” e il catalogo “Scelte di Classe”.

L’evento è organizzato con la collaborazione di ACI, TIM, Rai Cultura, Rai Radio 3, Robinson – l’inserto culturale di Repubblica, il Libraio – www.ilLibraio.it, Croce Rossa Italiana e Conad.

#CapolavoriDellaLetteratura

www.capolavoridellaletteratura.org

Milano , in lizza a Città creativa Unesco, il responso per fine mese

Pubblicato il 13 Ott 2017 alle 7:02am

La città di Milano sta vivendo un vero e proprio boom economico e culturale, motivo per cui il capoluogo lombardo concorre per diventare una Città creativa Unesco per la letteratura Italiana.

Il verdetto arriverà entro la fine di ottobre, la candidatura è stata già inoltrata tramite un ricco dossier dall’assessore comunale alla Cultura Filippo Del Corno, volato a Parigi per l’occasione.

Nella capitale francese si trova la sede generale dell’Unesco, che ora dovrà decidere se fregiare la città italiana dell’ambito titolo oppure no. Per vincere il concorso Milano ha messo in campo un cartellone di avvenimenti di tutto spessore a dir poco entusiasmante, che entreranno in scena da qui fino alla fine di dicembre in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura. In programma ci sono mostre, incontri, concerti di vario tipo.

Patti Smith laurea ad honorem in Lettere a Parma

Pubblicato il 06 Mag 2017 alle 9:48am

Patti Smith ha ricevuto giorni fa la laurea ad honorem. Icona del rock, contante, compositrice, poetessa, fotografa e scrittrice, ha ricevuto dall’ateneo emiliano la laurea ad honorem in Lettere Classiche e Moderne.

L’artista ha regalato al pubblico una lectio unica: una performance con letture di poesie e di brani tratti dal suo volume ‘M Train’ e proiezioni di brani del documentario ‘Dream of Life’, realizzato nel 2008 da Steven Sebring.

La laurea le è stata assegnata soprattutto per la sua grande attività letteraria. “Da bambina – ha spiegato, ricordando il suo amore per i libri – ero affascinata da questi oggetti che mia madre e mio padre tenevano in mano e osservavano così attentamente. Mi chiedevo cosa ci fosse in loro e cosa significavano tutte quelle misteriose parole”.

“Quando ero giovane sognavo di frequentare una grande università e di avere accesso alle grandi biblioteche del mondo – ha dichiarato l’artista americana nella sua lectio magistralis – Ma venendo da una famiglia povera, non c’era denaro per realizzare questi obiettivi e non avevo la capacità accademiche necessarie per vincere una borsa di studio. Ma questo sogno ha sempre vissuto in me. Ricevere questo titolo mi connette profondamente con una delle nostre grandi istituzioni di istruzione superiore e di ciò vi sono molto grata”.

A salutarla il rettore dell’Università di Parma Loris Borghi che ha parlato di lei come artista che “da sempre si contraddistingue per la ricerca e la sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi capaci, nel contempo, di veicolare contenuti spirituali e sociali di particolare rilevanza”.

Patti Smith è venuta in Italia per ritirare questo importante riconoscimento e per una serie di concerti che terrà fino al prossimo 13 maggio.

Ieri, venerdì 5 maggio ha anche visitato la mostra fotografica a lei dedicata e incontrato il ministro dei beni culturali Dario Franceschini.

Date italiane tour Patti Smith:

4 maggio – Parma, Teatro Regio 6 maggio – Torino, Auditorium Rai Arturo Toscanini 7 maggio – Sanremo, Teatro Ariston 8 maggio – Verona, Teatro Filarmonico 10 maggio – Cremona, Teatro Ponchielli 12 maggio – Bologna, Teatro Manzoni 13 maggio – Roma, Auditorium Parco della Musica

Festivaletteratura di Mantova, in scena fino all’11 settembre

Pubblicato il 09 Set 2016 alle 10:26am

Il Festivaletteratura di Mantova compie 20 anni, nell’anno in cui la sua città natale è stata nominata capitale della cultura italiana. Quest’anno si festeggia con questo importante appuntamento, tanto atteso, in scena dal 7 all’11 settembre, con ospiti davvero straordinari, come l’irlandese Edna O’Brien, i Premi Pulitzer americani Roger Rosenblatt e Philip Schultz, la vincitrice del Prix Goncourt Lydie Salvayre, Charlotte Rampling e Dany Laferrière, autore di romanzi d’impronta autobiografica e primo scrittore di origine haitiana a diventare accademico di Francia; la francese Linda Lê e l’irlandese Maggie O’Farrell.

Festivaletteratura continua ad avere un grande successo anche perchè riesce ad annullare le distanze tra chi scrive e chi legge senza confondere i ruoli e aprendo una relazione a doppio senso di percorrenza. In ogni incontro infatti, gli autori sono chiamati a mettersi in gioco di fronte ad un pubblico che sa ascoltare, chiedere e rilanciare.

Premio Biagio Agnes 2016, tra i premiati: Sergio Lepri, Di Bella e Fontana

Pubblicato il 15 Giu 2016 alle 11:24am

Si terrà a Sorrento, dal 24 al 26 giugno, l’ottava edizione del ‘Premio Biagio Agnes’, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Presidenza del consiglio dei Ministri, del ministero dei Beni Culturali e del Turismo e del Comune di Sorrento.

Un importante riconoscimento, istituito nel 2009 con lo scopo di esaltare il giornalismo moderno senza rinunciare a quello tradizionale, che quest’anno consegnerà, fra gli altri, il Premio alla Carriera a Sergio Lepri; il Premio Internazionale a Adam Michnik, direttore e fondatore di Gazeta Wyborcza; il Premio per la Carta Stampata a Luciano Fontana, direttore de Il Corriere della Sera e il Premio per il Giornalismo Televisivo alla Testata giornalistica regionale; il Premio Giornalista Scrittore ad Antonio Di Bella; il Premio Medicina e Informazione Scientifica all’Adnkronos Salute.

Alla conferenza di presentazione, che si è tenuta nella sede Rai di Viale Mazzini, hanno preso parte tra gli altri, il presidente della Giuria del ‘Premio Biagio Agnes’ Gianni Letta, il presidente della Rai Monica Maggioni, il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto, il direttore di Rai Uno Andrea Fabiano e Simona Agnes, in qualità di presidente della ‘Fondazione Biagio Agnes’.

La cerimonia di premiazione di sabato 25 giugno si svolgerà a Marina Grande, e sarà condotta dai giornalisti Alberto Matano e Francesca Fialdini, ripresa dalle telecamere di Raiuno che la trasmetterà in differita il 29 giugno, in seconda serata.

Ma ci sono altri riconoscimenti che saranno assegnati dal premio internazionale di giornalismo ‘Biagio Agnes’: Premio per la Radio a ‘Prima Pagina’ in onda su Rai Radio3; Premio Costume e Società a Barbara Palombelli; Premio Giovani under 35 a Claudio Cerasa, direttore de il Foglio; Premio Stampa Periodica a Luigi Vicinanza, direttore de L’Espresso; Premio Giornalista Sportivo a Ilaria D’Amico; Premio Nuova Frontiera del Giornalismo a ‘Buongiorno dal tuo amico Sole!’.

Quattro i premi speciali che andranno a Bruno Vespa (per i 20 anni di “Porta a Porta”); Paolo Borrometi dell’Agi (il cronista vive sotto scorta a causa dei suoi articoli sulla mafia); redazione di Polizia Moderna, mensile ufficiale della Polizia di Stato; Don Marco Pozza per il suo impegno come teologo, scrittore e giornalista.Per il quarto anno consecutivo saranno assegnate anche due borse di studio a giovani giornalisti praticanti della Luiss di Roma e dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Ambra Angiolini testimonial del Festival Andersen 2016

Pubblicato il 17 Gen 2016 alle 7:23am

Il Premio H. C. Andersen-Baia delle Favole giunge alla sua 49° edizione (apertura del bando sabato 16 gennaio 2016).

Lo storico concorso letterario internazionale per la fiaba inedita, promosso dal Comune di Sestri Levante e realizzato in collaborazione con Artificio 23, tocca in questo anno un importante traguardo e la presenza di una madrina d’eccezione: Ambra Angiolini.

Dal 1967 la commissione di lettura presieduta da David Bixio (che inventò il premio in onore del celebre scrittore) premierà le fiabe inedite, operando una selezione fra le oltre 1.000 favole, suddivise nelle varie sezioni collettive e individuali del concorso.

Al fine di accogliere fiabe provenienti sia dagli adulti (oltre i 17 anni), che dai ragazzi, nelle sezioni: Scuola materna (da 3 a 5 anni), Bambini (da 6 a 10 anni) e Ragazzi (da 11 a 16 anni).

Ma il concorso è aperto anche agli autori stranieri, che possono partecipare con fiabe sia in versione lingua inglese, che francese, tedesca, spagnola, araba, cinese e russa.

Al testo vincitore del premio H. C. Andersen Baia delle Favole, verrà conferito un riconoscimento economico di € 3.000 e la pubblicazione presso una casa editrice riconosciuta.

Queste le modalità di partecipazione: il bando si potrà scaricare dal sito www.andersenpremio.it a partire dal 16 gennaio 2016 e sarà possibile inviare i propri componimenti sia dal sito stesso, che per posta – all’indirizzo Giuria del Premio Hans Christian Andersen – Baia delle Favole – Sezione (indicare qui la categoria per la quale si concorre) Piazza Matteotti, 3 – 16039 Sestri Levante, entro il 31 marzo 2016.

Per la prima fiaba il contributo è di € 20, per l’invio della seconda il costo è la metà, per la terza metà della metà e così via…

La premiazione avverrà sabato 11 giugno in occasione dell’Andersen Festival (in programma da giovedì 9 a domenica 12 giugno 2016).

Ma non è tutto. L’Andersen Festival indagherà quest’anno sul tema delle Passioni e uno dei suoi momenti importanti, la sezione Realtà del mondo – un momento della grande festa in cui si approfondisce la conoscenza di realtà geografiche lontane da noi, ma che hanno in qualche modo segnato la storia recente o meno recente del mondo. – sarà dedicata alla Tunisia.

Roma, Istituto Cervantes “Il Romanzo Giallo di Mendoza e De Cataldo”, Giovedì 15 ottobre 2015

Pubblicato il 14 Ott 2015 alle 6:26am

Giovedì 15 ottobre alle 18:30 l’Istituto Cervantes di Roma (piazza Navona, 91) ospita un incontro letterario che vede protagonisti due figure di rilievo della narrativa noir europea: Eduardo Mendoza e Giancarlo De Cataldo. Moderato dal professor Nicola Bottiglieri dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e introdotto da Sergi Rodríguez López-Ros, direttore del Cervantes.

Il Romanzo Giallo di Mendoza e De Cataldo” è un appuntamento organizzato dall’istituto di cultura e lingua spagnolo, in collaborazione con la FUIS – Federazione Unitaria Italiana Scrittori. Un interessante incontro ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, con uno sguardo sul genere letterario del giallo, che dà voce a due delle figure di spicco.

Mendoza e De Cataldo si racconteranno al pubblico svelando aneddoti e retroscena della fase creativa. Parlando delle loro letture, delle loro inquietudini espressive e del modo in cui il noir, la novela negra e il romanzo d’avventura hanno accompagnato le rispettive carriere.

Eduardo Mendoza (Barcellona, 1943) è uno dei più rinomati e apprezzati scrittori spagnoli contemporanei, ritenuto una sorta di memoria critica della Spagna. Il suo romanzo d’esordio “La verità sul caso Savolta” (La verdad sobre el caso Savolta) è stato pubblicato nel 1975, un mese prima della morte del dittatore Francisco Franco ed è considerato il primo romanzo della transizione democratica spagnola. È autore di opere in cui i canoni del genere poliziesco o del feuilleton sono utilizzati per narrare, con fantasia e umorismo, intricate e inverosimili avventure sullo sfondo di città mitizzate. “La ciudad de los prodigios”, “Sin noticias de Gurb”, “El asombroso viaje de Pomponio Flato” sono alcuni dei suoi titoli divenuti ormai dei classici, che lo hanno reso autore amatissimo sia dalla critica che dal pubblico, non solo in patria.

Giancarlo De Cataldo (Taranto, 1956) è un magistrato, scrittore, drammaturgo e sceneggiatore italiano. Il suo libro più significativo è senza dubbio il bestseller “Romanzo criminale”, dal quale è stato tratto anche un film (diretto da Michele Placido) e una serie televisiva (diretta da Stefano Sollima). Autore di numerosi libri di successo pubblicati per le maggiori case editrici italiane – “Nelle mani giuste”, “I Traditori”, “Giudici” con Andrea Camilleri e Carlo Lucarelli, “Cocaina” con Massimo Carlotto e Gianrico Carofiglio – ha esordito nel 1989 con “Nero come il cuore”. Collaboratore di prestigiose testate nazionali, ha scritto racconti anche per varie antologie (“The Dark Side” e “Crimini italiani” su tutte) oltre che per serie tv, cinema e teatro. È stato anche giudice di Masterpiece, il primo talent show letterario in onda su Rai3.

Per ulteriori informazioni: www.roma.cervantes.es – tel. 06.686 1871 – cenrom@cervantes.es

Milano, Casa Manzoni, riapre oggi al pubblico, l’ingresso è gratuito

Pubblicato il 06 Ott 2015 alle 12:56pm

Riapre oggi al pubblico, Casa Manzoni dopo i lavori di restauro della scorsa estate. (altro…)

Farinelli e la Spagna, conferenza con Jesús Ruiz Mantilla, 26 Maggio, Auditorium del Cervantes Napoli

Pubblicato il 21 Mag 2015 alle 6:38am

Martedì 26 maggio Jesús Ruiz Mantilla sarà all’Auditorium del Cervantes di Napoli per parlare diffusamente del suo romanzo Yo, Farinelli, el capón (2007), in cui racconta ed esplora la biografia del più grande cantante castrato di tutti i tempi, di memorie come scritte in prima persona. Ritiratosi a Bologna a 75 anni, Farinelli ripercorre tutta la sua vita. Una vita contrassegnata dalla sua professione quanto dal successo che questa gli portò, trasformandolo nel più famoso dei castrati, legato alla Spagna dagli anni che trascorse alla corte di Felipe V. (altro…)

Il Premio Nobel per la Letteratura al francese Patrick Modiano

Pubblicato il 10 Ott 2014 alle 11:46am

Lo scrittore francese Patrick Modiano è il vincitore del Premio Nobel per la Letteratura. (altro…)