Decadenza Berlusconi senatore: M5S chiede anticipo riunione ad agosto, ma Stefanò, dice no

a cura di Giovanna Manna
data pubblicazione 12 Ago 2013 alle ore 8:08am


I parlamentari del M5S alzano la voce sulla valutazione del futuro politico del senatore Silvio Berlusconi, mettendo sullo stesso livello, il procedimento disciplinare del Csm contro il giudice di Cassazione Antonio Esposito e l’azione della giunta per le elezioni ed immunità del Senato che deve votare sulla decadenza della sua carica di senatore.

I grillini, invitano, pertanto, il presidente della giunta, Dario Strefanò di Sel, ad anticipare la data della votazione, minacciando una protesta in quanto, sostengono, che vi sia il rischio di far saltare la sentenza della Cassazione sul caso dell’ex premier e di ritardare anche la decadenza di Berlusconi, finendo col consentirgli di restare a Palazzo Madama fino alle più probabili nuove elezioni in autunno.

Dario Stefàno, però, non ci sta e dice no ad un anticipo della riunione di giunta. Intervistato da Rainews24 ha confermato come all’unanimità la giunta ha deciso di riunirsi il 9 settembre prossimo, spiegando che: ‘‘La vicenda Esposito e quella della decadenza da senatore di Berlusconi sono due vicende distinte’‘.