L’Associazione “Apple” di Padova, si è rivolta al TAR del Lazio per ordinare al Ministero della Salute e al governo di effettuare una campagna di prevenzione che parli dell’utilizzo dei telefoni cellulari e delle modalità per annullare o ridurre al massimo l’esposizione, giacché un uso prolungato può essere molto dannoso per la salute.

Si tratta della prima azione legale ed è stata notificata questa mattina ai Ministeri della Salute, dell’Ambiente, dell’Istruzione e dello Sviluppo Economico, per costringere il governo a fare una campagna di sensibilizzazione sui possibili rischi che ne conseguono sulla salute, anche perché i telefonini sono usati con una certa frequenza anche dai bambini.

Il primo passo ad esempio, è quello di inserire la scritta, come quella che compare sui pacchetti di sigarette: “Può nuocere alla salute”, e imporre agli operatori telefonici l’obbligo di comunicare che i cellulari «sono dannosi per la salute perché possono provocare il cancro», vietarne la pubblicità e impedirne l’uso ai minori. Perché a rischio ci sono ben 40 milioni di italiani, un numero di certo superiore rispetto a quello dei fumatori.

Queste solo alcune delle richieste fatte dall’associazione.

Ricordiamo che in Italia, il cellulare è considerato il terzo oggetto più usato; l’uso costante del telefonino, che emette onde elettromagnetiche ad altissima frequenza, è stato scientificamente accertato che fa aumentare del 40% il rischio di sviluppare il glioma (cancro al cervello).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.