febbraio, 2020

Eros Ramazzotti, grande successo a stelle a strisce l’impresa live, per il cantautore dei record

Pubblicato il 27 Feb 2020 alle 6:20am

Prosegue senza sosta la VITA CE N’E’ WORLD TOUR, di Eros Ramazzotti all’estero. Dopo i recenti successi di Sao Paulo e Atlantic City, Eros ha trionfato anche a New York con uno show sold out, martedì 25 febbraio, all’Hulu Theater del Madison Square Garden. A distanza di quattro anni dal Perfetto World Tour, la Grande Mela è tornata ad applaudire il cantautore dei record, primo italiano nella storia ad essersi esibito in uno dei templi della canzone americana, il Radio City Music Hall. Il pubblico ha cantato instancabilmente assieme ad Eros i brani del nuovo album VITA CE N’È, oltre ai grandi successi che l’hanno reso celebre nei suoi 35 anni di carriera.

Prima di volare a Boston, il cantautore romano ha annunciato ieri una grande sorpresa: ad accompagnarlo sul palco dell’American Airlines Arena di Miami il 1 marzo prossimo, ci saranno quattro ospiti molto speciali, che si uniranno a lui, per celebrare la musica in una grande festa dal respiro internazionale.

A Miami con Eros Ramazzotti sul palco, ci sarà la star internazionale Luis Fonsi. L’autoreome della hit mondiale Despacito ha all’attivo una fresca collaborazione con il cantautore, con cui ha firmato il singolo “Per le strade una canzone”, contenuto nel disco VITA CE N’È e proposto anche in occasione della partecipazione al Festival di Sanremo 2019, dove Eros era super ospite e dove i due artisti hanno duettato insieme. E proprio le strade soleggiate di Miami erano state scelte lo scorso anno per girare il videoclip della canzone, riuscito inno alla musica, alla condivisione e al divertimento.

Ma non è tutto: ad aprire lo show di Eros a Miami saranno Takagi & Ketra, producer di punta nella rosa dei protagonisti del nuovo pop italiano: i due artisti, che hanno firmato le hit più fortunate degli ultimi cinque anni, condivideranno il palco con il rapper le cui canzoni hanno scalato tutte le classifiche digitali e di streaming, con trascinanti ritmi reggaetton, Fred De Palma. Una vera e propria festa nella festa, in cui Eros vuole celebrare la nuova scuola del pop italiano nel mondo e in particolare in una città che è da sempre punto di incontro e di espansione tra i ritmi latini e le produzioni internazionali.

Per Eros sarà il giusto coronamento di un’incredibile impresa live che ha già conquistato più di 80 città in tutto il mondo e oltre 800 mila spettatori, con nuove sorprese in serbo nelle ultime date di fuoco, previste a marzo tra States e Canada.

Il tour prodotto da Radiorama, la storica struttura di Ramazzotti coordinata da Gaetano Puglisi, è organizzato da Andrea Pieroni per Vertigo, società del gruppo internazionale CTS Eventim.

Sul palco insieme a Eros Ramazzotti, otto musicisti d’eccezione e due coristi per una produzione internazionale: Luca Scarpa (Direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (Tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro (Chitarra), Paolo Costa (Basso), e le tre new entry internazionali Corey Sanchez (Chitarra), Eric Moore (Batteria) fenomeno dell’r’n’b e della musica gospel e Scott Paddock (Sassofono), americano celebre per le sue influenze jazz che ha collaborato, tra gli altri, anche con artisti del calibro di Natalie Cole, Jackson Browne, Ray Charles. Ad accompagnare la voce di Eros, Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori).

Radio partner di VITA CE N’È WORLD TOUR è RDS.

Info su www.ramazzotti.com, www.ticketone.it e www.vertigo.co.it

Calendario 2020 concerti fissati ad oggi di VITA CE N’È WORLD TOUR //

FEBBRAIO

27 Boston, Boch Center – Wang Theater

MARZO

01 Miami, American Airlines Arena

04 Chicago, Rosemont Theater

07 Toronto, Scotiabank Arena

09 Montreal, Place Bell

13 Los Angeles, The Forum

Bar lombardi riaperti anche dopo le 18, purché vi sia numero di persone non superiore ai posti a sedere con servizio al tavolo

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 7:22pm

I bar in Lombardia tornano aperti anche oltre le 18, purché vi sia un numero di persone non superiore ai posti a sedere e venga effettuato servizio al tavolo.

La contrazione dei flussi turistici e il crollo della domanda interna di consumi fuori casa stanno determinando una riduzione fino al 70-80% del fatturato dei pubblici esercizi. Una situazione difficile che si è innestata in un contesto già delicato, caratterizzato da una preoccupante stagnazione dell’economia. Di fronte alle limitazioni imposte ai pubblici esercizi, la Fipe è intervenuta nella giornata di ieri inviando una lettera ai ministri dello Sviluppo Economico, dell’Economia, delle Politiche Sociali e del Turismo.

Il presidente nazionale Fipe Lino Stoppani ha chiesto in primis “la messa in stato di crisi del settore e interventi tempestivi ed efficaci, che possano aiutare le imprese a sostenere l’impatto derivante dal Coronavirus”.

Il chiarimento è arrivato dal sito della Regione Lombardia che precisa che: “I bar e/o pub che prevedono la somministrazione assistita di alimenti e bevande possono rimanere aperti come i ristoranti, a condizione che sia rispettato il vincolo del numero massimo di coperti previsto dall’esercizio”. La Faq pubblicata sul sito della Regione ricorda inoltre che “l’obiettivo dell’ordinanza che regola le prescrizioni per il contenimento del Coronavirus nelle aree regionali classificate come ‘gialle’ è quello di limitare le situazioni di affollamento di più persone in un unico luogo. Nei ristoranti può entrare un numero contingentato di persone. Lo stesso, dunque, vale anche per i bar dove ci sono posti a sedere contingentati e che effettuano servizio al tavolo e non al bancone”.

Coronavirus, guarita turista cinese a Roma. In Italia 12 morti e 374 contagi. “D’ora in poi tamponi solo a chi ha sintomi”

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 2:12pm

Salgono a 374 i contagiati e a 12 le vittime in Italia da coronavirus. Lo ha comunicato oggi in conferenza stampa il commissario straordinario Angelo Borrelli alla Protezione Civile. L’ultima vittima in Emilia Romagna è un paziente di 70 anni, cittadino lombardo, di Lodi, «già affetto da importanti patologie pregresse». Proveniva da uno dei comuni della zona rossa lombarda, era ricoverato all’ospedale di Piacenza, poi trasferito in terapia intensiva a Parma.

Sale a sei il numero dei minorenni risultati positivi al Coronavirus in Lombardia, due in ospedale (al San Matteo di Pavia e all’ospedale di Seriate in provincia di Bergamo). L’assessore al Welfare Giulio Gallera ha spiegato questa mattina: «Sono 4 i bambini positivi in Lombardia: 2 di 10 anni, 1 di 15 e 1 di 4 anni. Due sono stati dimessi e due sono in ospedale ma stanno bene. Tutti provengono dalla zona di Codogno».

Dieci le regioni colpite dal virus. La zona del focolaio è quella di Codogno, Casalpusterlengo e Lodi. La procura di Lodi ha aperto un’inchiesta conoscitiva per ricostruire le dinamiche sulla diffusione del Coronavirus e sulle procedure adottate negli ospedali di questi Comuni.

Guarita intanto, la turista cinese ricoverata allo Spallanzani di Roma, prima malata d’Italia.

Viene sciolta oggi, la prognosi della coppia cinese, dopo 29 giorni dal ricovero, casi confermati di Covid-19. La coppia cinese è attualmente ricoverata in degenza ordinaria. La donna è stata trasferita dal reparto di rianimazione a quello in condizione cliniche in chiaro miglioramento. Il marito, tuttora, risulta essere ricoverato in regime ordinario, e prosegue con successo la riabilitazione.

Il Consiglio superiore di Sanità fa sapere che i tamponi si faranno solo a sintomatici. Ad annunciarlo è Franco Locatelli alla protezione civile. I tamponi effettuati finora hanno dato nel 95% dei casi esito negativo, confermando che il rischio contagio “è elevato nei soggetti sintomatici mentre è marcatamente più basso nei soggetti asintomatici”. Da qui la “scelta di eseguire i tamponi solo in soggetti sintomatici, visto che siamo in un periodo di pandemia”.

Adolescenti sedentari, a 18 anni più depressi

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 8:51am

La sedentarietà è il male del secolo. Fa male non solo al corpo ma anche alla mente. E anche fra i più giovani, infatti, non praticare attività fisica aumenta il rischio di avere sintomi depressivi fra gli adolescenti. Lo ha dimostrato uno studio condotto dalla University College London che ha osservato comportamento e umore di oltre 4.200 adolescenti. Nei quali è emerso che queste persone, più erano inattive e maggiore era il rischio che presentavano un umore basso e altre manifestazioni legate alla depressione… come scarsa concentrazione e attenzione, a 18 anni. I risultati sono stati resi noti sulla rivista scientifica The Lancet Psychiatry. (altro…)

Censis, per 1 giovane su 10, l’identità coincide con i social. Il 39,9% con l’essere italiano

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 7:21am

Per il 3,5% degli italiani la propria identità viene identificata attraverso un profilo di un social network. Una percentuale questa, che tende a salire del 9,1% tra i giovani: 1 su 10. (altro…)

Donne che viaggiano da sole, sempre più numerose anche in Italia!

Pubblicato il 26 Feb 2020 alle 6:24am

Solo trenta anni fa era impossibile credere che una donna potesse viaggiare da sola, impossibile pensare che volesse viaggiare da sola. Eppure qualcosa è cambiato, aumenta sempre di più il desiderio di una donna di indossare uno zaino in spalla, mettersi un paio di scarpe comode e partire per l’avventura. E’ il sogno che molte di loro hanno nel cassetto, da sempre. Sole, senza dover rendere conto a nessuno, senza doversi preoccupare di piacere a qualcuno, di essere delle bravi figlie, mamme, fidanzate, lavoratrici. Semplicemente loro stesse e la strada che gli si porrà davanti. Perché alla strada non interessa che tipo di vestito indossano, se vestono alla moda oppure no, se non sono truccate, se non sono in forma, la strada non le giudica se non hanno voglia di sorridere. Non pretende nulla da loro. Lei è lì solo per ascoltare cosa hanno da dirle e per darle la libertà ogni qual volta vanno percorrendola. E non esiste una strada unica ma infinite strade, le strade del mondo, di quei luoghi e quelle città che aspettano solo di essere visti e conosciuti. Così nell’era in cui le donne come non mai affermano i loro diritti e rivendicano le loro libertà, l’era in cui l’emancipazione delle donne non è mai stata così forte, aumenta di anno in anno il numero di coloro che decidono di effettuare un viaggio da sole. (altro…)

Coronavirus chi è a rischio: indice mortalità per età, sesso e stato di salute. Il rapporto Chinese Centre for Disease Control and Prevention

Pubblicato il 25 Feb 2020 alle 12:57pm

Il Chinese Centre for Disease Control and Prevention ha diffuso una tabella dell’indice di mortalità del covid-19 in base ad età, sesso e condizioni di salute pregresse.

Il numero di decessi per Coronavirus nel Nord Italia è salito a sette, mentre sono stati scoperti nuovi contagiati a Firenze e Palermo.

Il tasso di mortalità di Coronavirus , come conferma il report del Chinese Centre for Disease Control and Prevention, pubblicato sul Chinese Journal of Epidemiology, è del 2-3%.

Gli esperti sostengono che vi sia un indice di mortalità del Coronavirus pari a zero nella fascia di età compresa tra 0-9 anni, il cui tend, salga poi con l’avanzare dell’età, un po’ come avviene per l’influenza stagionale. Con sintomi che in linea di massima si assomigliano anche.

Il problema che evidenziano gli scienziati è che per il covid-19 il nostro organismo non è dotato di anticorpi e al momento non è ancora disponibile un vaccino per prevenirlo e proteggere le fasce più deboli della popolazione. Il suo contagio avviene, pertanto, in maniera molto rapida. Un’azienda americana, ad aprile prossimo, avvierà i primi test clinici su persone sane.

Lo studio in questione, è stato incentrato su l’esame di oltre 70mila casi, e stima che l’indice di mortalità tenda a salire dallo 0,2% per persone di 10 – 39 anni fino ad arrivare al 14% negli over 80.

Gli uomini sono più a rischio delle donne (2,8% contro 1,7%) In Cina l’89,9% delle infezioni è di natura lieve mentre i casi critici, caratterizzati di crisi respiratoria o insufficienza multiorgano, è del 4,7%.

ETA’ INDICE DI MORTALITA’

80+ anni 14,8% 70-79 anni 8% 60-69 anni 3,6% 50-59 anni 1,3% 40-49 anni 0,4% 30-39 anni 0,2% 20-29 anni 0,2% 10-19 anni 0,2% 0-9 anni anni Nessun decesso

Persone a rischio

Il problema sorge quando in caso di contagio da Coronavirus all’età si sommano anche altre malattie preesitenti. Il tasso di mortalità è del 10,5% per chi soffre di malattie cardiovascolari e tende a scendere rispettivamente al 7,3% e 6,3% nei soggetti affetti da diabete o disturbi cronici respiratori. Per i malati di cancro il tasso di mortalità è del 6%. Per chi è invece sano al momento del contagio ed è in perfetta salute il tasso è dello 0.9%.

CONDIZIONI PREESISTENTI INDICE DI MORTALITA’

Malattie cardiovascolari 10,5% Diabete 7,3% Disturbi respiratori cronici 6,3% Ipertensione 6% Cancro 5,6% Nessun disturbo 0.9%

Festival di Berlino, 3 film italiani per raccontare purificazione, erotismo e inquinamento

Pubblicato il 25 Feb 2020 alle 7:54am

Sono 3 i film italiani in programma alla 70ma Berlinale, collocati nelle sezioni Panorama, Forum e Settimana della Critica. Parliamo rispettivamente di “Semina il vento” di Danilo Caputo, “La casa dell’amore” di Luca Ferri e “Faith” di Valentina Pedicini.

Un film di finzione, il primo, e due documentari gli altri due, tutti in première mondiale, e tutti realizzati da cineasti giovani. Il che non significa, naturalmente, che il loro sguardo sia deficitario di maturità o della capacità di far riflettere.

Andando in ordine di ‘apparizione’ sugli schermi berlinesi, il secondo lungometraggio del tarantino Danilo Caputo, classe 1984, traduce in romanzo di formazione lo speciale rapporto fra una giovane studentessa di agraria e la natura, mentre mette sotto processo il tragico stato d’inquinamento ambientale e politico in cui versa la sua terra. A soli 10 km dalla sua abitazione, si erge il più grande polo siderurgico d’Europa, chiaramente l’Ilva, di perenne e triste attualità. Non volendo tuttavia ‘puntare il dito’ in maniera qualunquista contro le svariate forme di ecomafia che avvelenano il territorio, Caputo ha scelto una strada obliqua, quella dell’inquinamento mentale, che a suo avviso è all’origine di ogni tossicità.

Di purificazioni più metafisiche trattano invece sia “La casa dell’amore” che “Faith”. Se il primo elabora la purificazione dal superfluo mentre dissoda le disfunzioni del pregiudizio, il secondo si mette in osservazione di come questa sia perseguita da una comunità di cristiani integralisti che praticano le arti marziali chiamati ‘Monaci Guerrieri’. Capitolo conclusivo di una trilogia definita ‘domestica’ perché composta da lavori girati all’interno di spazi domestici, “La casa dell’amore” che mette al centro dell’obiettivo la figura della transessuale milanese Bianca Dolce Miele; residente in un’abitazione senza luci artificiali ma illuminata solo a candele, la cui protagonista si guadagna da vivere come prostituta nelle forme più creative possibili, (di)mostrando un corpo mai servile ma ‘al servizio’ dell’amore.

Pompelmo, frutto di stagione e di bellezza! Come preparare maschera e scrub “fai da te”

Pubblicato il 25 Feb 2020 alle 6:45am

Tutto ciò che ci serve lo troviamo già in natura, come ad esempio nel pompelmo! Questo frutto invernale a tutto tondo è un vero toccasana per la salute e in particolar modo per quella della nostra pelle, tant’è che le sue proprietà preziosissime sono ampiamente sfruttate anche in cosmesi. (altro…)

Occhiaie, un aiuto dal bicarbonato di sodio

Pubblicato il 25 Feb 2020 alle 6:28am

Il bicarbonato di sodio è diventato negli ultimi anni un prodotto molto utilizzato per le tante proprietà e sui tanti benefici. Questo prodotto può essere utilizzato per una gran varietà di cose, dalla pulizia della casa alla cottura e alla preparazione di dolci e ricette varie. Ma non è finita qui, perché questo prodotto può essere utile anche per migliorare la vostra bellezza di pelle e capelli.

Come ingrediente naturale è efficace nella preparazione di creme, dentifrici, deodoranti, maschere.

Recentemente si è scoperto che il bicarbonato è utile per rimuovere occhiaie e segni di stanchezza dal nostro viso.

Vediamo come preparare una maschera che è un vero e proprio toccasana:

– Camomilla – bicarbonato di sodio – tè – dischetti di cotone

Ecco come preparare il vostro impacco:

1. Preparate una tazza di camomilla, fatela raffreddare e aggiungete un cucchiaio di bicarbonato di sodio e una bustina di tè. 2. Successivamente immergete due dischetti di cotone nella miscela e massaggiate sotto gli occhi. Ponete i due dischetti imbevuti sotto gli occhi e lasciateli agire per circa 15 minuti. 3. Rimuovete i dischetti, sciacquate il viso e applicate una crema idratante.

Ripetete questi passaggi tutti i giorni una volta al giorno. I risultati si avranno già nel giro di pochi giorni di applicazione.