inverno

Cardiopatici, attenti al freddo! Il gelo, nemico del cuore. Aumenta il rischio infarto del 34%

Pubblicato il 17 Dic 2018 alle 8:18am

I cardiologi lanciano in questo periodo un allarme freddo in occasione del settantanovesimo congresso nazionale della Società italiana di cardiologia. «L’associazione fra fatica e temperature polari, infatti, può essere un vero nemico per il cuore».

Il freddo, annunciato in arrivo, può essere un nemico temibile per coloro che soffrono di problemi di cuore: «I rischi d’infarto aumentano fino al 34% – dicono gli esperti -. Mentre l’aumento di 8 gradi della temperatura riduce infatti il rischio d’infarto del 3%. Meglio poi proteggersi dai malanni invernali, perché le infezioni respiratorie aumentano fino a 6 volte il pericolo di andare incontro a un attacco cardiaco».

La Sic spiega anche nel dettaglio l’allerta: «Gli studi che indicano il freddo intenso come un possibile pericolo per cuore e vasi sono numerosi: una recente indagine svedese condotta su oltre 274 mila pazienti con problemi di natura cardiovascolare seguiti nell’arco di 16 anni, pubblicata su “Jama”, ha dimostrato che nelle giornate con una temperatura al di sotto di 0 gradi centigradi il numero di infarti cresce – spiega Giuseppe Mercuro, presidente Sic – La neve invece non sembra essere affatto un fattore di rischio, quello che conta, però, è sempre la bassa temperatura che è l’elemento maggiormente associato all’aumento della probabilità di eventi cardiovascolari. Tuttavia, anche la velocità del vento, un minore numero di ore di luce e la bassa pressione atmosferica fanno salire il pericolo: in altri termini, quindi, le giornate invernali fredde e di maltempo sono quelle in cui la probabilità di problemi cardiovascolari è massima.

Il suggerimento degli esperti cardiologia è dunque quello di rivolgersi al proprio specialista affinché riveda la terapia anticoagulante riducendo tra le altre cose l’esposizione al freddo attraverso abbigliamento e riscaldamento adeguati.

Da venerdì in arrivo Attila e il primo freddo in tutta Italia

Pubblicato il 15 Nov 2018 alle 7:37am

Arriva l’inverno. Da venerdì 16 novembre è in arrivo l’anticiclone che dalla Scandinavia porterà sulla nostra amata Italia l’arrivo di aria fredda direttamente dalla Russia. Attila farà dunque piombare il Bel Paese in pieno inverno.

Il team de iLMeteo.it comunica che il clima sarà ancora piuttosto mite fino ad oggi con bel tempo prevalente in quasi tutta Italia e le ultime nebbie sulla Pianura padana. Da venerdì, poi, l’arrivo di aria fredda portata da Attila, farà registrare una sensibile diminuzione delle temperature e il tempo peggiorerà sulle regioni adriatiche con qualche pioggia o nevicata a 1200 metri, nubi e precipitazioni anche sulle Alpi piemontesi, mentre in Sicilia un ciclone nordafricano in avvicinamento all’isola provocherà nubifragi sul catanese.

Il crollo termico sarà di 12°C; temperature che di giorno si assesteranno attorno ai 10°C al Nord e fino a 15°C al Centro-Sud, valori sotto i 7°C invece di notte al Centro-Nord. Ma il freddo continuerà ed anzi si accentuerà nella prossima settimana quando la neve potrebbe cadere fino in pianura, almeno al Nord e di giorno non si supereranno i 6°C con gelate notturne fino in pianura.

Malone Souliers, una collezione di scarpe con il calzino incorporato

Pubblicato il 25 Nov 2017 alle 7:22am

Si ispira alle ballerine di tango la nuova collezione di calzature firmata da Malone Souliers. I modelli della nuova linea giocano su colori e materiali diversi per simulare l’esistenza di un calzino corto. (altro…)

Ora Solare, nella notte tra il 29 e il 30 ottobre lancette indietro di un’ora

Pubblicato il 28 Ott 2016 alle 8:00am

Nella notte tra il 29 e il 30 ottobre le lancette degli orologi dovranno essere spostate indietro di un’ora. La prima notte si godrà un’ora in più di sonno, ma nei giorni successivi sarà la luce ad essere ridotta.

Le giornate si accorceranno e il sole tramonterà prima facendoci entrare subito in inverno.

Molti studi sottolineano infatti, che il passaggio dall’ ora solare a quella legale influenza il tono dell’umore delle persone e le abitudini.

Soprattutto anziani e bambini. Interessi, passeggiate, alimentazione, sonno potranno subire qualche variazione.

Milano Moda Uomo 2016, al via stasera la fashion week

Pubblicato il 16 Gen 2016 alle 10:41am

Parte stasera la Milano Moda Uomo 2016, la Settimana della moda milanese in cui verranno presentate le collezioni maschili per il prossimo Autunno/Inverno 2016-2017.

La Milano Fashion Week partirà con la sfilata di Roberto Cavalli e la presentazione del marchio Ports 1961.

Tra gli stilisti che porteranno in passerella le loro collezioni per la prossima stagione ci saranno anche Versace, Gucci, Prada, Giorgio Armani, Etro, Diesel Black Gold, Salvatore Ferragamo, Missoni, Antonio Marras, Ermanno Scervino e Dsquared2.

Tra le novità di nuova edizione, certamente, l’ingresso nel calendario ufficiale di Pal Zileri e l’esordio alla moda uomo di Peter Dundas che, dopo aver presentato a settembre la prima collezione femminile disegnata per Roberto Cavalli, si lancerà in questa nuova avventura tutta al maschile.

Altra collezione molto attesa è quella di Milano Ports 1961, brand diretto da Milan Vukmirovic, che presenterà la collezione uomo alla Fashion Week con una presentazione evento allestita allo Scalone Arengario (nella Sala delle Cariatidi) e il debutto di James Long, nuovo direttore creativo della linea uomo di Iceberg, brand che quest’anno non sfilerà ma presenterà le proprie creazioni con una vera e propria presentazione.

Influenza, in ritardo in molte regioni per clima mite. Meno casi rispetto all’anno passato

Pubblicato il 11 Gen 2016 alle 6:00am

Sono quasi 100mila i casi stimati, per la precisione 99800, nella settimana di Capodanno, per un totale di circa 746mila (745600) dall’inizio del monitoraggio eseguito dal sistema Influnet, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

Un’influenza che quest’anno sembra ancora non arrivare a differenza di quanto accaduto lo scorso anno che ha causato oltre un milione di casi.

“L’attività dei virus influenzali e ai livelli di base e, nelle ultime due settimane – si legge in un rapporto, relativo alla settimana dal 28 dicembre al 3 gennaio, con le segnalazioni di 623 medici ‘sentinella’ – il valore dell’incidenza, e inferiore a quello raggiunto in molte delle precedenti stagioni influenzali”.

Lo scorso anno i casi registrati nella settimana dal 29 dicembre 2014 al 4 gennaio 2015, segnalati da 671 medici ‘sentinella’, sono stati pari a 239mila, per un totale di circa 1.031.000.

Tutte le regioni sono sotto la soglia epidemica tranne Piemonte, Lazio, Campania, Sardegna, Basilicata e Provincia autonoma di Trento.

L’incidenza totale è di 1,64 casi per mille assistiti. I più colpiti sono i bambini: tra 0 e 4 anni, in quanto l’incidenza è pari a 5,59 casi per mille assistiti, per ridursi fino a 0,65 tra chi ha oltre 65 anni.

“Questo non ‘decollo’ e’ dovuto all’andamento meteorologico: il freddo e’ arrivato solo ora e gli effetti li vedremo tra un po’ – spiega il virologo Fabrizio Pregliasco – nelle prossime settimane entreremo nel vivo dell’influenza”.

Gomme invernali, scatta l’obbligo dal 15 novembre

Pubblicato il 09 Nov 2015 alle 6:45am

Le temperature si abbassano, l’arrivo della prima neve è ormai vicino, i nubifragi sono già arrivati, ecco allora che per condizioni meteo avverse c’è anche un peggioramento delle condizioni stradali la cui guida diventa davvero difficile per la nostra sicurezza stradale e per quella degli altri.

Ecco perché dal 15 novembre prossimo sarà obbligatorio il cambio dei pneumatici.

Ma per scegliere il prodotto più adatto alla nostra auto è possibile consultare il sito web Euroimportpneumatici.com, leader nella vendita online di pneumatici, che ci aiuterà a muoverci all’interno di un vasto universo.

La direttiva indica tassativamente la data di inizio e di fine dell’ordinanza che è fissata e non può essere derogata in alcun modo.

E’ necessario però fare molta attenzione poiché in alcune regioni è già scatta. L’Anas Lombardia impone ad eempio l’obbligo già a partire dal 1 novembre su molti tratti delle arterie della Regione.

Anche quest’anno infatti si calcola che le ordinanze in tutto il Paese saranno oltre 200, andando a coprire quasi tutte le Regioni d’Italia in almeno una Provincia (esenti per il momento solo Basilicata e Sardegna).

Ma la cosa fondamentale è questa. Prima di scegliere gli pneumatici è molto importante controllare le sigle e i simboli presenti sulla spalla esterna della gomma che indicano idoneità del modello rispetto alle normative. Innanzitutto la sigla M+S che indica la capacità dello pneumatico di poter affrontare anche condizioni avverse: M+S sta appunto per “Mud and Snow” cioè fango e neve. A questa sigla può essere affiancato il simbolo della montagna a tre punte con un fiocco di neve all’interno, il cosiddetto 3PMSF (“three peak mountain snow flake” appunto), lanciato già dall’inverno scorso. Questo simbolo indica l’omologazione del modello al Regolamento Comunitario 117 riguardo la sicurezza stradale invernale.

Altro simbolo molto importante presente sulla spalla è quello relativo agli indici di velocità per il tipo di pneumatico. Questa sigla è indicata da una lettera che va da A1 per la velocità minima, e arriva a Y per velocità oltre i 300 km/h. L’indice giusto per la propria vettura è indicato nel libretto di circolazione.

I pneumatici invernali possono essere anche scelti con un indice di velocità inferiore.

Fitness: ecco, perché, correre in inverno all’aperto fa molto bene alla salute

Pubblicato il 09 Nov 2014 alle 7:53am

Praticare fitness all’aperto anche in inverno fa molto bene alla salute. Aumenta la capacità polmonare e permette di smaltire calorie mantenendo tonica la muscolatura. Il tutto grazie all’effetto corroborante del freddo. (altro…)

Meteo, sull’Italia arriva Attila, temperature in calo di 10 gradi, forti venti di Bora e Tramontana

Pubblicato il 26 Nov 2013 alle 8:02am

Dopo il ciclone Cleopatra che ha colpito nei giorni scorsi il Mediterraneo, è la volta di un nucleo di aria gelida di provenienza artica. Il suo nome è ‘Attila’, e ci porterà in pieno inverno con valori di -4*C in pianura al nord, oltre 10*C in meno rispetto alle temperature di questi giorni, facendo tornare la neve lungo le coste adriatiche, dalle Marche alla Puglia. Nevicherà inoltre oggi e domani, anche in pianura. Arriveranno inoltre le prime gelate notturne a Roma. (altro…)

Primi freddi: come proteggere la pelle?

Pubblicato il 02 Nov 2012 alle 7:46am

Con l’arrivo dei primi freddi, la nostra pelle inizia a risentirne. Coprirsi bene e idratarsi molto, sia internamente bevendo molta acqua che esternamente, facendo quotidianamente uso di creme per il corpo e viso e usando detergenti non aggressivi, preferibilmente a base oleosa è di vitale importanza . (altro…)